Covid ultime 24h
casi +10.497
deceduti +603
tamponi +254.070
terapie intensive -57

Coronavirus, il governo valuta proroga delle chiusure per altri 15 giorni con alcune deroghe minime

Il 3 aprile scadrà il provvedimento del 22 marzo scorso, attualmente in vigore, e sarà firmato il nuovo decreto

Di Redazione TPI
Pubblicato il 28 Mar. 2020 alle 10:30
959
Immagine di copertina
Il premier Giuseppe Conte. Credit: ANSA/GIUSEPPE LAMI

Coronavirus, il governo valuta proroga delle chiusure per altri 15 giorni con alcune deroghe minime

Il governo sta valutando l’ipotesi di proroga delle chiusure totali e i divieti di spostamento per altre due settimane, valutando alcune minime deroghe per le aziende. Lo riporta il Corriere della Sera, anticipando il piano dell’esecutivo in vista del 3 aprile quando scadrà il provvedimento del 22 marzo scorso, attualmente in vigore e sarà firmato il nuovo decreto. Dopo la conferma della ministra Azzolina sulla proroga della chiusura per le scuole, che ieri ha definito “certa”, Palazzo Chigi va verso la decisione di mantenere anche gli altri divieti.

Se i numeri dei contagi resteranno quelli che abbiamo visto in questi giorni, un nuovo Dpcm sarà firmato il 3 aprile e le misure attualmente in vigore saranno prorogate fino al 18 aprile. Il governo si riserva comunque di effettuare un monitoraggio costante che possa portare a una valutazione rispetto ad alcune deroghe per le aziende: si valuterà con imprenditori e sindacati se possano esserci dei settori produttivi che possano cominciare a ripartire, pur mantenendo le regole del distanziamento sociale.

Rimarrà invece l’obbligo per tutti di rimanere a casa, con la prospettiva di tornare a una vita normale tra alcune settimane e forse addirittura qualche mese. Quanto accadrà a maggio sarà decisivo per capire quando potrebbe essere dichiarata la fine dell’emergenza. La linea del governo, secondo il pezzo del Corriere a firma di Margherita De Bac e Fiorenza Sarzanini, è stata condivisa con il presidente Istituto superiore di Sanità Silvio Brusaferro e il presidente del Consiglio superiore di sanità Franco Locatelli, che ieri durante una conferenza stampa hanno dichiarato: “L’epidemia ha rallentato il suo cammino, ma non è opportuno interrompere le misure di contenimento”. Un passo fondamentale, secondo gli esperti, è portare il valore dell’indice di contagiosità (R0, erre-zero) sotto l’1. In quel momento per ogni individuo infetto ci sarà meno di un nuovo contagiato.

Leggi anche:

1.Gori: “Le bare di Bergamo sono solo la punta di un iceberg, i nostri morti sono quasi tre volte quelli ufficiali” (l’intervista di L. Telese) 2. Coronavirus, i numeri in Italia non tornano. Contagi troppo bassi e decessi troppo alti

3. ESCLUSIVO TPI: Una nota riservata dell’Iss rivela che il 2 marzo era stata chiesta la chiusura di Alzano Lombardo e Nembro. Cronaca di un’epidemia annunciata / 4. La fiera del gelato di Rimini a gennaio e quegli stand di Wuhan e Codogno nello stesso padiglione (di Selvaggia Lucarelli)

TUTTE ULTIME LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

959
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.