Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Coronavirus, verso la Fase 2: quali sono i lavori più a rischio contagio in vista della riapertura

Immagine di copertina
Credits: Ansa

Coronavirus Italia, quali sono i lavori più a rischio nella Fase 2 | Riapertura

Il governo si prepara a emanare il nuovo decreto sull’emergenza Coronavirusprorogando la chiusura di tutta Italia fino al 3 maggio, ma nel frattempo continua a programmare la cosiddetta Fase 2quella che vedrà la graduale riapertura di attività produttive, negozi e uffici. Proprio a questo scopo, il Comitato tecnico scientifico istituito dall’esecutivo ha chiesto all’Inail uno studio su quali sono i lavori più a rischio contagio in caso di eventuale ritorno a una situazione di normalità. Incrociando i dati dell’analisi con alcuni modelli matematici, quello che è venuto fuori è un indice del livello di rischio per i lavoratori di qualunque attività.

A definire quanto un lavoro è più rischioso di un altro concorrono diversi fattori: la distanza fisica tra i vari lavoratori, ma anche quella tra i lavoratori stessi e i clienti; il tempo di esposizione al rischio contagio, quindi la durata del contatto tra i lavoratori; il luogo di lavoro (aperto, chiuso, quanto è areato). La classifica del rischio contagio dei vari lavori in vista della Fase 2 è stata suddivisa in tre parti, come un semaforo: verde per le attività più “tranquille”, arancione per quelle con rischio medio e rosso per quelle che sicuramente saranno riaperte per ultime. Con una raccomandazione: l’uso di precauzioni come mascherine, guanti, ingressi scaglionati e sanificazioni dei locali possono ridurre i rischi in tutte e tre le categorie. Ma non li annullano.

Borrelli: 3.605 ricoveri in terapia intensiva (-88), 610 morti

 

Coronavirus, la classifica dei lavori più a rischio in caso di riapertura

Partiamo dall’allerta minima. Nella porzione “verde” della classifica troviamo le coltivazioni agricole, quelle di fabbricazione di mobili, quelle di riparazioni di materiale informatico o casalingo. A queste, si aggiungono altre attività come la fabbricazione di mobili e tutti quei lavori contabili, legali e assicurativi che non impongono un contatto stretto con altre persone. Tutti questi lavori sono i primi indiziati per la ripresa.

La zona a rischio medio comprende invece un’ampia fascia di fabbriche e negozi. Nella classifica troviamo infatti tutti i commessi, i negozi al dettaglio, le attività produttive (industria meccanica, siderurgica, tessile, chimica) e gli uffici. In quest’ultimo caso, però, secondo il governo è necessario che siano disponibili anche forme di smart working che permettano a una parte degli impiegati di lavorare a casa, per non affollare i locali.

Passiamo invece al livello rosso di allerta. In questa fascia sono presenti tutti i locali pubblici o tutte quelle attività che per loro natura prevedono grandi assembramenti o comunque contatti diretti tra lavoratori e clienti: bar, ristoranti, sale conferenza, scuole, parrucchieri, estetisti, palestre, dentisti, discoteche. Sono attività lavorative dove è molto complicato coniugare l’essenza stessa del lavoro con le misure di distanziamento fisico che caratterizzeranno la Fase 2, quella di riapertura, della lotta al Coronavirus in Italia. Ed è per questo motivo che si tratta dei lavori che ritorneranno alla normalità per ultimi.

Leggi anche:

1. ESCLUSIVO TPI – Parla la gola profonda dell’ospedale di Alzano: “Ordini dall’alto per rimanere aperti coi pazienti Covid stipati nei corridoi” / 2. La strana storia del paziente 1 calabrese: non era né positivo né negativo, ma “indeterminato”. Poi è morto / 3. La Nuova Zelanda ha quasi sconfitto il Covid in due settimane: ecco come

4. L’allarme dell’Oms: “In Africa 5 posti letto per ogni milione di persone” / 5. Fontana: “Non potevamo istituire zona rossa Alzano e Nembro” / 6. La disperazione dietro alla pandemia: quei dati sui suicidi che non possiamo ignorare

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, 167.206 casi e 426 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività al 15,2%
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Cronaca / Cagliari, 30enne disoccupato cerca di farsi vaccinare al posto di un no vax in cambio di una cena
Cronaca / Sileri al no vax: “Vi renderemo la vita impossibile”. Bufera social sul sottosegretario | VIDEO
Cronaca / Napoli, vuole il gelato ma non ha il green pass: anziano estrae pistola e la punta contro il vigilante
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”