Me
HomePolitica

Elezioni regionali Emilia-Romagna 2020: diretta live, Bonaccini batte Borgonzoni. Tutti gli aggiornamenti

Oggi, domenica 26 gennaio 2020, l'atteso voto per le regionali in Emilia-Romagna: la sfida tra il governatore uscente Bonaccini (Pd) e la leghista Borgonzoni

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 26 Gen. 2020 alle 07:13 Aggiornato il 27 Gen. 2020 alle 12:40

Regionali Emilia-Romagna, le ultime notizie

ore 12,35 – Meloni: “Fratelli d’Italia è l’unico vincitore di queste elezioni” – “Fratelli d’Italia è l’unico vincitore di queste elezioni, sia in Calabria che in Emilia Romagna. Siamo l’unico partito che cresce in entrambe le regioni”. Così la leader di FdI, Giorgia Meloni, il giorno dopo il voto.

“Confidiamo di fare la differenza anche per le prossime regioni che andranno al voto”, ha aggiunto Meloni. “La vittoria sarebbe stata una cosa epocale ma penso che anche aver tenuto tutti col fiato sospeso fino a tardi segni la fine di un’epoca”, ha concluso la leader di Fratelli d’Italia.

Ore 12,15 – Meloni contro le Sardine: “Violata la par condicio” – Giorgia Meloni si scaglia contro le sardine all’indomani delle elezioni regionali che si sono tenute in Emilia-Romagna. In una conferenza stampa, infatti, la leader di Fratelli d’Italia ha dichiarato: “Le sardine sono servite a violare tutte le regole della campagna elettorale”.

“Il tempo delle sardine non viene computato per la par condicio. È facile far campagna elettorale così. Le sardine hanno fatto una campagna elettorale politica e partitica, noi sappiamo che facevano campagna elettorale per Bonaccini”.

Tuttavia, la Meloni aggiunge anche di non pensare che le sardine “abbiano spostato consenso”.

Ore 11,30 – Emilia Romagna: i risultati definitivi – Si è concluso lo spoglio delle schede elettorali in Emilia-Romagna. A vincere, come ampiamente anticipato, è stato il governatore uscente e candidato del centrosinistra Stefano Bonaccini, che ha ottenuto il 51,4 per cento. La sua principale avversaria, la candidata del centrodestra Lucia Borgonzoni, ha ottenuto il 43,6 per cento, mentre l’aspirante governatore del M5S, Simone Benini, ha ottenuto il 3,48 per cento (Qui l’articolo completo).

Ore 9,00 – La soddisfazione di Conte per il risultato emiliano – Tira un sospiro di sollievo il premier Conte, che, grazie al successo di Bonaccini, può continuare la sua azione di governo senza troppi scossoni. Almeno per il momento. Il premier, infatti, è consapevole dei problemi del M5S, che in queste elezioni regionali è praticamente scomparso, ma anche di quelli del Pd, che presto, come annunciato da Zingaretti, dovrà riorganizzarsi. Ecco perché, secondo Il Messaggero, l’idea di Conte è quella di fare da mediatore tra Pd e M5S per far si che l’attuale accordo di governo diventi qualcosa di più in futuro.

Conte, che in Emilia si è giocato un pezzo del suo futuro politico, secondo il Corriere della Sera avrebbe espresso tutta la sua soddisfazione per il risultato emiliano affermando: “È stato sconfitto l’uomo degli slogan”.

“E così come ha fatto il presidente dell’Emilia-Romagna governando bene la sua regione, governando bene l’Italia batteremo Salvini e i sovranisti nel 2023. Perché non si guida un Paese attraverso i social” avrebbe poi dichiarato il premier, confermando, dunque, la sua intenzione di guidare un’alleanza Pd-M5S che riesca a sconfiggere i sovranisti.

Ore 8,30 – Debacle M5S, Vito Crimi: “Restiamo uniti” – Dopo la sonora sconfitta del Movimento 5 Stelle in Emilia-Romagna, è arrivato il primo commento di Vito Crimi, capo politico del M5S. Crimi ha espresso il suo pensiero sul suo profilo Facebook dove ha scritto: “Ogni volta che un risultato elettorale non ci sorride sento partire il solito coro che scandisce all’unisono: il Movimento è finito, è in ginocchio, sta scomparendo”.

“Il voto delle regionali ha sempre visto il Movimento raccogliere risultati inferiori rispetto alle tornate nazionali, ma va riconosciuto che in Calabria ed Emilia Romagna i risultati sono stati inferiori alle aspettative. Questo però non ci induce ad arrenderci: semmai è vero il contrario”.

Crimi, poi, sottolinea la necessità di “restare uniti, di non lasciarsi irretire da facili sirene, di ricordare sempre quali sono gli obiettivi e le motivazioni che ci hanno portati nelle istituzioni e alla guida del Paese”.

Ore 7,00 – Dati quasi definitivi: Bonaccini al 51,40 per cento (4429 sezioni su 4520) – Quando mancano poche sezioni al termine dello spoglio (ne sono state scrutinate 4429 su un totale di 4520), il governatore uscente e candidato del Pd Stefano Bonaccini è in vantaggio con il 51,40 per cento, mentre la sua principale avversaria, la candidata del centrodestra Lucia Borgonzoni, è al 43,68. Simone Benini del Movimento 5 Stelle, invece, è al 3,46.

Ore 2,30 – Dati reali: in Emilia-Romagna Bonaccini al 50,7 per cento (1.164 sezioni su 4.520) – A spoglio concluso in 1.164 sezioni delle complessive 4.520 il governatore uscente Stefano Bonaccini, candidato di Pd e centrosinistra, è avanti con il 50,7 per cento dei consensi contro il 44,6 della senatrice della Lega Lucia Borgonzoni, candidata dello schieramento di centrodestra. Simone Benini del Movimento 5 Stelle è al 3,4 per cento. Domenico Battaglia, Movimento 3V, allo 0,4 per cento. Laura Bergamini, Partito Comunista, 0,4 per cento. Marta Collot, di Potere al Popolo, 0,3 per cento. Stefano Lugli di L’Altra Emilia-Romagna allo 0,3 per cento.

Ore 1,58 – Borgonzoni: “Un grande risultato”  – Borgonzoni ha commentato il voto con un breve intervento: “È stato un grande risultato, dopo 50 anni questa regione era contendibile. Domani faremo un’analisi e risponderò alle domande”.

Ore 1,55 – Salvini e Borgonzoni in conferenza stampa domani alle 10 – Matteo Salvini e Lucia Borgonzoni parleranno domani in conferenza stampa nell’hotel Centergross di Bentivoglio, alle porte di Bologna, alle 10 del mattino.

Ore 1,45 – Bonaccini: “Mi avevano invitato a fare le valigie” – Bonaccini commenta il risultato: “Grazie ai tantissimi che hanno dato una mano in questa straordinaria campagna elettorale affrontata con grande serenità e sorriso sulle labbra”. “Partivamo da un meno 7 per cento delle Europee, abbiamo lavorato per una coalizione larga e molto civica, tante donne e uomini ci hanno messo la faccia”. “Dovevamo recuperare tanta gente che cinque anni fa era stata a casa”. Abbiamo visto ” una partecipazione robusta, come quella delle Europee, importante per la qualità della democrazia”. “Abbiamo recuperato un dato per il centrosinistra molto rilevante, un dato rilevante perché ci sono metri di interviste di esponenti della Lega che mi invitavano a fare le valigie”.

“La scelta di usare l’Emilia-Romagna per altri fini gli emiliano-romagnoli l’hanno capita. Hanno deciso di mettere la campagna su un altro terreno e noi abbiamo vinto anche su quel terreno”.

“L’arroganza non paga mai. Soprattutto se caratterizzi la campagna elettorale nascondendo la candidata che sarebbe la mia avversaria”.

Ore 1,40 – Bonini: “Non siamo spariti noi ma Forza Italia” – Il candidato del Movimento 5 Stelle Simone Benini commenta così i dati: “Possiamo dire di essere soddisfatti come M5S, constatiamo che chi è sparito dall’Emilia-Romagna non sono i cinque Stelle ma è Forza Italia, che forse non avrà nemmeno un seggio”. E ancora: “Per quanto riguarda Bonaccini invece, noi abbiamo parlato di temi in questa campagna e Bonaccini ha rilanciato i nostri temi, quindi va benissimo, più copiate i nostri programmi e meglio è”.

Ore 1,25 – Renzi: “Vittoria bellissima, ora al lavoro” – Renzi ha commentato l’esito delle elezioni regionali su Twitter. “Un grande abbraccio – ha scritto l’ex premier – a Stefano Bonaccini: vittoria nettissima e bellissima, merito di un grande presidente. Buon lavoro anche a Jole Santelli. Archiviata la campagna elettorale, adesso, tutti al lavoro”.

Ore 1,25 – Meloni: “Esito fino a poco fa irraggiungibile” – Il commento della leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni sulle regionali in Emilia-Romagna è arrivato in una nota. “Il confronto combattuto in Emilia-Romagna, in una regione governata da sempre dalla sinistra, è già una vittoria perché è un risultato che fino a pochi anni fa sembrava irraggiungibile”, ha detto. Sulla partita in Calabria, poi, Meloni ha detto: “Complimenti di cuore a Jole Santelli, neo presidente della Regione Calabria. Ha conquistato una vittoria straordinaria in una terra che ha bisogno di rinascere e Fratelli d’Italia lavorerà al suo fianco per raggiungere questo obiettivo”.

Ore 01.11 – Il padre della Borgonzoni a TPI: “Salvini voleva espugnare l’Emilia” – Il padre di Lucia Borgonzoni, Giambattista Borgonzoni, elettore del centrosinistra, parla ai microfoni di TPI dal comitato di Bonaccini. Commenta le parole di Salvini. “Incredibile a dirsi, mi sono piaciute. Salvini forse anche prevedendo l’esito dell’ER ha detto parole consivisibili. Il ringraziamento che lui ha fatto a coloro che hanno votato e si sono impegnati ad esprimere un’opinione”. Poi critica le scelte della Lega: “La parola d’ordine di Salvini era espugniamo l’Emilia Romagna”.

Sulla figlia ha detto: “È stata coraggiosa, tenace, ha raccolto una percentuale alta. Ha fatto il proprio lavoro di politico navigato e navigante”.

Ore 00,57 – In Calabria Santelli vicina al 50 per cento – La seconda proiezione sul voto in Calabria realizzata da Opinio per la Rai indica la candidata di centrodestra Jole Santelli, appoggiata da tutta la coalizione, al 50,9 per cento. Lo sfidante di centrosinistra Pippo Callipo viene indicato al 31,3 per cento. Carlo Tansi (liste civiche) al 10,6 per cento. Francesco Aiello, del Movimento 5 Stelle, al 7,2%,

Ore 00,55 – Zingaretti: “Un immenso grazie alle sardine” – Arriva il commento del segretario del Pd Nicola Zingaretti. Parlando al Nazareno il segretario del Partito Democratico ha ringraziato anche il movimento delle sardine. “I dati che stanno emergendo confermano per fortuna una grande vitalità dell’elettorato che ha partecipato in massa. Un immenso grazie al movimento delle sardine”, ha dichiarato.

Elezioni Emilia Romagna 2020, il commento di Nicola Zingaretti: “Un immenso grazie alle sardine, Salvini ha perso”

“Oggi Salvini ha perso le elezioni”. “Siamo molto contenti del risultato del Pd, mi sembra di poter dire che il risultato del marzo 2018 sia alle nostre spalle”.  Il dato Pd è “straordinario” anche “perché intanto abbiamo subito due scissioni: il Pd è là, grazie alla fiducia dei cittadini. Non si può che esprimere una grande soddisfazione per questo paese”. “Il Pd è probabilmente il primo partito in entrambe le regioni”

Per la Calabria – ha detto ancora Zingaretti – “c’è un po’ di rammarico perché se il fronte del centrosinistra fosse stato unito il risultato sarebbe stato migliore. Il Pd è di gran lunga il primo partito della Calabria. Grazie a chi ha combattuto”.

Ore 00,42 – Santelli vincente in Calabria: “Risultato enorme” – Parla di “risultato enorme” Jole Santelli, candidata del centrodestra e certamente vincitrice delle elezioni regionali, con ampio margine sullo sfidante di centrosinistra Pippo Callipo.

Ore 00,40 – Seconda proiezione Rai sull’Emilia-Romagna: Bonaccini a +3 – Stando alla seconda proiezione sulle elezioni regionali in Emilia-Romagna diffusa dalla Rai e realizzata da Opinio, Stefano Bonaccini, sostenuto dal centrosinistra è al 48,6 per cento, Lucia Borgonzoni, sostenuta dall’alleanza di centrodestra, al 45,5 per cento, e Simone Benini (M5S) al 4 per cento. Infine Laura Bergamini  del Partito comunista allo 0,7 per cento.

Ore 00,35 – Affluenza in Calabria al 44,32 per cento – L’affluenza alle ore 23, alla chiusura dei seggi, alle elezioni regionali in Calabria è stata del 44,32 per cento. Si tratta di un dato praticamente stabile rispetto al 44,16 per cento della precedente consultazione di riferimento. Lo rileva il Viminale. Il dato è relativo a tutti i 404 comuni chiamati al voto.

Ore 00,30 – Affluenza record in Emilia-Romagna: 67,7 per cento – Dato dell’affluenza record in Emilia-Romagna: alle ore 23 si è recato ai reggi il 67,67 per cento degli aventi diritto, 30 punti in più rispetto al 37,76 per cento della precedente consultazione di riferimento del 2014. Lo rileva il sito del Viminale. Il dato è relativo a tutti i 324 comuni.

Ore 00,15 – Salvini: “Orgoglioso di quello che la squadra ha fatto” – Dal comitato Borgonzoni interviene il leader della Lega Matteo Salvini. L’ex vicepremier ringrazia i milioni di elettori che si sono recati alle urne. “Grazie ai milioni di italiani che hanno votato, chi sceglie si prende responsabilità chiunque abbia scelto, si è fatto carico pezzetto futuro del Paese”. E ancora: “Mi prendo un pezzetto di merito di aver ri-coinvolto le persone ad andare a votare”.

Elezioni regionali 2020, il commento di Matteo Salvini sui risultati: “Per la prima volta determinanti al Sud”

Poi commenta: “In Emilia-Romagna è stata una cavalcata eccezionale, commovente. Ho incontrato migliaia di persone nelle piazze, nelle fabbriche, negli alberghi. È un’emozione che dopo 70 anni ci sia una partita aperta. Ringrazio Lucia Borgonzoni, una donna straordinaria. Chiunque vincerà avrà meritato perché il popolo ha sempre ragione. Abbraccio Lucia perché ha subito attacchi. Andiamo avanti. Riconfermeremo tutto quello che abbiamo proposto. Sono orgoglioso di quello che la squadra ha fatto”.

Ore 00,05 – Zingaretti al Nazareno – Il segretario del Pd Zingaretti ìsegue i risultati delle elezioni regionali in Emilia-Romagna dal Nazareno. Nella sede del partito ci sono anche i ministri De Micheli e Provenzano, il viceministro Misiani, il sottosegretario Manzella e Maurizio Martina.

Ore 00,00 – Seconda proiezione Swg per La7: Bonaccini a +10 su Borgonzoni – Una seconda proiezione di Swg per La7 segnala il governatore uscente Stefano Bonaccini appoggiato da Pd e centrosinistra al 51,8 per cento e la senatrice leghista Lucia Borgonzoni sostenuta dal centrodestra al 41,5 per cento. Il candidato M5S Simone Benini viene stimato al 4,4 per cento.

Ore 23,45 – Prima proiezione Swg per La7: Bonaccini a +8 su Borgonzoni – Secondo la prima proiezione realizzata dall’istituto demoscopico Swg per La7 su un campione del 3 per cento indica il presidente di Regione uscente Stefano Bonaccini, appoggiato da Pd e centrosinistra, tra il 48,6 e il 52,6 per cento e la senatrice della Lega Lucia Borgonzoni, sostenuta dalla coalizione di centrodestra, tra il 40 e il 44 per cento.

Ore 23,36 – Intention poll di Tecnè: Bonaccini avanti di tre punti su Borgonzoni – Come gli exit poll diffusi dalla Rai e realizzati da Opinio, anche un intention poll di Tecnè per Rete 4 indica un vantaggio in Emilia-Romagna del governatore uscente Stefano Bonaccini di tre punti sulla sfidante della Lega Lucia Borgonzoni. Il candidato del centrosinistra si attesterebbe tra il 46,5 e il 50,5 per cento. Borgonzoni viene indicata in un range tra il 43,5 e il 47,5 per cento. Il candidato del Movimento 5 Stelle, Simone Benini, è accreditato di un range tra il 2 e 6 per cento.

Ore 23,30 – Sardine: “Torniamo dietro le quinte fino a Scampia” – Subito dopo la chiusura delle urne le Sardine hanno pubblicato un post su Facebook. “È tempo di far calare il sipario e lavorare dietro le quinte per preparare un nuovo spettacolo con tutti voi che vorrete continuare a non essere uno spettatore qualunque. Ci vediamo a Scampia”.

Ore 23,29 – Affluenza provvisoria alle 23 in Calabria al 42,2 per cento – In Calabria l’affluenza provvisoria alle ore 23, alla chiusura dei seggi, è del 41,33 per cento. Sono giunti i dati di 247 comuni sui complessivi 404. Nella precedente consultazione regionale, alla stessa ora, si era recato ai seggi il 42,21 per cento degli aventi diritto.

Ore 23,25 – Affluenza provvisoria alle 23 in Emilia-Romagna al 66,5 per cento – In Emilia-Romagna l’affluenza provvisoria alle ore 23, alla chiusura dei seggi, è del 66,49 per cento. Sono giunti i dati di 184 comuni sui complessivi 328. Nella precedente consultazione regionale, alla stessa ora, si era recato ai seggi il 36,83 per cento degli aventi diritto.

Ore 23.18 – Salvini arrivato al comitato Borgonzoni – Il leader della Lega Matteo Salvini è arrivato al comitato elettorale di Borgonzoni, in un hotel a una decina di chilometri da Bologna, senza incontrare la stampa.

Ore 23.14 – Exit poll, in Calabria dominio di Santelli, oltre il 50 per cento – Secondo gli exit poll diffusi dalla Rai realizzati da opinio in Calabria la candidata del centrodestra Jole Santelli è nettamente avanti sul candidato di centrosinistra Pippo Callipo. Questi i numeri.

Jole Santelli (centrodestra): 49-53 per cento
Pippo Callipo (centosinistra): 29-33 per cento
Francesco Aiello (Movimento 5 Stelle): 7-11 per cento
Carlo Tansi (liste civiche): 7-11 per cento

Ore 23.08 – Exit poll, in Emilia-Romagna Bonaccini avanti su Borgonzoni con il 47-51 per cento – Secondo gli exit poll diffusi dalla Rai il governatore uscente e candidato del centorsinista Stefano Bonaccini è avanti sulla candidata della Lega Lucia Borgonzoni. Questi i dati.

Stefano Bonaccini (centrosinistra): 47-51 per cento
Lucia Borgonzoni (centrodestra): 44-48 per cento
Simone Benini (Movimento 5 Stelle): 2-5 per cento
Marta Collot (Potere al Popolo): 0-1 per cento
Laura Bergamini (Partito Comunista): 0-1 per cento
Stefano Lugli (L’Altra Emilia-Romagna): 0-1 per cento

Ore 22,50 – Comitato Borgonzoni, attesa con 200 giornalisti accreditati – C’è molta attesa al comitato elettorale di Borgonzoni, all’hotel Centergross di Bentivoglio, a una decina di chilometri da Bologna. Accreditati circa 200 giornalisti anche di testate straniere. Presenti una quindicina di volontari dello staff e alcuni parlamentari leghisti. A pochi minuti dalla chiusura dei seggi molti si mostrano fiduciosi, contando su uno scarto di pochi voti per la vittoria su Bonaccini. Si attende l’arrivo di Salvini.

Ore 22,45 – Tweet della Lega sulla morte di Kobe Bryant, pubblicato e rimosso – Sull’account ufficiale della Lega è stato pubblicato e poi rimosso un tweet rilanciando la notizia della morte di Kobe Bryant, un messaggio accompagnato dagli hashtag elettorali #26gennaiovotoLega e #BorgonzoniPresidente. Diversi utenti hanno salvato e ripubblicato il ‘cinguettio’ evidenziando il riferimento alle regionali. Successivamente la Lega si è scusata. “A causa di un disguido tecnico è stato pubblicato un tweet errato sulla scomparsa di Kobe Bryant. Ci scusiamo per l’inconveniente”, è il messaggio in un successivo tweet.

elezioni regionali emilia romagna 2020
Il tweet sull’account ufficiale della Lega

Ore 22,35 – Salvini verso il comitato di Borgonzoni – Il leader della Lega Matteo Salvini è in viaggio per raggiungere il comitato elettorale di Lucia Borgonzoni, allestito in un hotel a Bentivoglio, a Nord di Bologna.

Ore 22,09 – Bonaccini commenta la morte di Kobe Bryant – “Se ne è andato Kobe Bryant. Un semplice pensiero per un grande campione e una grande persona, legato alla nostra terra, così come la nostra terra era legata a lui”. Lo scrive su Facebook il governatore uscente dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini.

Ore 21,20 – Bibbiano: Salvini, disposto a dare vita per bambini – “Pur di non riportare a casa i bambini strappati alle famiglie, sono disposto a dare la vita, se necessario”. Lo scrive suTwitter il leader della Lega Matteo Salvini riferendosi all’inchiesta di Bibbiano, in un post in cui aggiunge la sua firma sotto al messaggio.

Ore 19,00 – Secondo dato sull’affluenza – Affluenza superiore al 59,29 per cento, alle 19, per le elezioni regionali in Emilia-Romagna quando sono giunti i dati di 172 Comuni su 328. Nella precedente consultazione regionale, alla stessa ora, era stata del 31,13%.

Ore 18,30 – Affluenza alta e code ai seggi – Al Liceo Sabin di Bologna, città che ha registrato alle 12 un’affluenza superiore alla media regionale, pari al 24,97%, da stamattina l’afflusso di persone è stato alto e costante e non sono mancate le code anche
nel pomeriggio: “Erano anni che non vedevo tanta gente andare a votare – commenta Annamaria, 72 anni, pensionata, scendendo i gradini dopo aver espresso il voto sulla sua scheda – mi fa piacere. Sì, ho aspettato un po’ prima di poter votare, ma va bene, è un bel segnale”.

Anche l’ex premier Romano Prodi, che stamattina è andato a votare con la moglie Flavia, è contento di aver trovato un po’ di fila al suo seggio nel liceo Galvani di Bologna, dove anche nel pomeriggio c’è parecchio viavai: “E’ un bel segnale di democrazia”. Code si sono registrate anche nel seggio dove ha votato Borgonzoni, alla scuola De Amicis: “Mi sembra che sia venuta più gente rispetto alle elezioni precedenti”, conferma una scrutatrice, sfogliando il registro,”abbiamo avuto un gran afflusso fin da stamattina”.

Ore 18,20 – Scossa di terremoto nel riminese –  Una scossa di terremoto di magnitudo 3.0 è stata avvertita a 2 chilometri a nord di Montefiore Conca (provincia di Rimini) alle ore 17,26 di oggi, 26 gennaio 2020 con coordinate geografiche (lat, lon) 43.91, 12.61 ad una profondità di 26 chilometri. Non sono stati segnalati danni a cose o persone.

Ore 14,00 – Borgonzoni a TPI: “In caso di successo, chiederemo le dimissioni del governo” – “In caso di vittoria sicuramente chiederemo che il Governo vada a casa, sarebbe una bocciatura della sinistra. Sarebbe una bocciatura su tanti temi che sono nostri, sono regionali”: lo dichiara ai microfoni di TPI la candidata del centrodestra Lucia Borgonzoni.

“Ci sono tanti problemi dell’Emilia Romagna che però non possono essere distinti da quelli nazionali. C’è anche un peso nazionale su questa elezione” ha aggiunto l’esponente della Lega.

Ore 12,00 – Affluenza Emilia-Romagna oltre il 23 per cento – Affluenza in aumento in Emilia-Romagna: alle ore 12,00, infatti, ha votato il 23,44 per cento degli aventi diritto. Nella precedente consultazione, alla stessa ora, l’affluenza era stata del 10,77 per cento (Qui l’articolo completo).

Ore 11,00 – Bonaccini: “Vincerà l’Emilia-Romagna” – Anche Stefano Bonaccini, governatore uscente e candidato del centrosinistra, ha detto la sua sul suo profilo Facebook sulla giornata elettorale. “È il momento della verità – scrive Bonaccini – dimostreremo, insieme, l’orgoglio di questa terra, che difende le proprie radici e sceglie il futuro, senza lasciare indietro nessuno. In queste ore lo sforzo più importante deve essere quello di convincere amici e conoscenti ad andare a votare, perché ogni singolo voto è decisivo”.

“Tiriamo fuori l’orgoglio dell’Emilia-Romagna – si legge ancora nel post – il coraggio di difendere quello che siamo, il diritto ad un progetto per questa Regione: libera, innovativa, solidale”.

Ore 10,00 – Salvini: “Buona domenica con la Madonna di Medjugorje” – La giornata elettorale di Matteo Salvini è iniziata con un pensiero alla Madonna di Medjugorje. “Buona domenica con queste bellissime immagini dalla collina delle prime apparizioni di Medjugorje, la mattina all’alba” ha scritto Salvini sui social allegando un video in cui vede il luogo dove si trova la statua della Vergine Maria. Non è chiaro, però, se il leader della Lega si sia recato sul luogo di culto (nei giorni scorsi aveva espresso il desiderio di andarci) o se il video sia stato realizzato da qualcun altro.

Ore 9,00 – Borgonzoni su Facebook: “Conto su di te” – “Oggi conto su di te” è il messaggio apparso sul profilo Facebook della candidata del centrodestra alle regionali dell’Emilia-Romagna Lucia Borgonzoni.

elezioni emilia romagna diretta

Ore 7,00 –  Seggi aperti – Urne aperte in Emilia-Romagna. Saranno oltre 3 milioni e mezzo i cittadini chiamati a scegliere il nuovo governatore e i componenti dell’Assemblea legislativa della regione.

Leggi anche:

Emilia-Romagna 2020: la guida al voto sulle regionali di domenica 26 gennaio

Emilia Romagna 2020: i candidati e le liste. Tutti i nomi

Tutte le notizie sulle regionali 2020 dell’Emilia Romagna

Regionali Emilia Romagna: candidati e programmi

Elezioni in Emilia Romagna, la sinistra che toglie punti a Bonaccini

ESCLUSIVO TPI: il padre della candidata leghista Borgonzoni: “Non voterò mia figlia, manifesto contro lei, Salvini è l’uomo delle ruspe”

Regionali Emilia-Romagna 2020: la scheda elettorale

Regionali Emilia-Romagna 2020: i documenti per votare