Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:45
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Elezioni Emilia-Romagna 2020: la guida al voto sulle regionali di domenica 26 gennaio

Immagine di copertina

Più di tre milioni e mezzo di elettori saranno chiamati a eleggere il nuovo governatore e a rinnovare l'Assemblea legislativa: tutto quello che c'è da sapere sulle elezioni emiliane

Elezioni regionali Emilia-Romagna 2020, la guida al voto

Domenica 26 gennaio 2020 si tengono le elezioni regionali in Emilia-Romagna. Il voto, volto a eleggere il nuovo presidente della regione e a rinnovare l’Assemblea legislativa, ha anche un’importante valenza nazionale.

Una vittoria schiacciante della candidata di centrodestra Lucia Borgonzoni, infatti, potrebbe provocare persino la caduta del governo Conte bis. Al contrario, un’affermazione netta di Bonaccini, governatore uscente e candidato del Partito Democratico, potrebbe ridimensionare le aspirazioni di Matteo Salvini di tornare al più presto alle urne.

Quando si vota

I seggi saranno aperti dalle 7 alle 23 di domenica 26 gennaio 2020. Per votare è necessario portare al seggio al seggio con un documento di identità valido e la tessera elettorale. Chi non ha la tessera o l’ha smarrita può richiederla all’ufficio elettorale del comune di residenza.

Elezioni regionali Emilia-Romagna 2020: cosa serve per votare

Lo spoglio avrà inizio subito dopo la chiusura dei seggi, alle 23, quindi i risultati definitivi si avranno nella notte tra domenica 26 e lunedì 27 gennaio.

I candidati

I candidati alla presidenza della regione Emilia-Romagna sono in tutto 7. Il presidente uscente è Stefano Bonaccini (qui il suo profilo), che si ripresenta alle elezioni sostenuto da una coalizione di centrosinistra che comprendere, tra gli altri, il Partito Democratico, Sinistra Italiana e +Europa.

La principale avversaria di Bonaccini è la candidata di centrodestra Lucia Borgonzoni (qui il suo profilo), sostenuta tra gli altri da Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia.

Il Movimento 5 Stelle, che inizialmente non doveva presentarsi alla tornata elettorale, salvo poi ripensarci dopo un voto sulla piattaforma Rousseau, presenta come candidato presidente Simone Benini (qui il suo profilo).

Gli altri candidati alle regionali dell’Emilia-Romagna sono: Marta Collot, sostenuta da Potere al Popolo, Stefano Lugli, sostenuto dalla lista L’Altra Emilia-Romagna, di cui fanno parte Rifondazione Comunista, Partito Comunista Italiano e Partito del Sud, Laura Bergamini, sostenuta dal Partito Comunista e Domenico Battaglia, sostenuto dal Movimento 3V-Vaccini Vogliamo Verità.

Come si vota

Per quanto riguarda la modalità di voto, ciascun elettore può:

  • votare a favore solo di una lista tracciando un segno sul contrassegno; in tale caso il voto si intende espresso anche a favore del candidato presidente della Giunta regionale a essa collegato;
  • votare solo per un candidato alla carica di presidente della Giunta regionale tracciando un segno sul relativo rettangolo;
  • votare per un candidato alla carica di presidente della Giunta regionale, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per una delle liste a esso collegate, tracciando un segno sul contrassegno di una di tali liste;
  • votare disgiuntamente per un candidato alla carica di presidente della Giunta regionale, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per una delle altre liste a esso non collegate, tracciando un segno sul contrassegno di una di tali liste.

L’elettore può esprimere nelle apposite righe della scheda, uno o due voti di preferenza per un candidato a consigliere regionale, scrivendo il cognome (o il cognome e nome) del candidato o dei due candidati compresi nella stessa lista.

Nel caso di espressione di due preferenze, esse devono riguardare candidati di sesso diverso della stessa lista, pena l’annullamento della seconda preferenza.

La scheda elettorale

Di seguito un fac-simile della scheda elettorale che sarà consegnata agli elettori al seggio in occasione delle elezioni regionali in Emilia Romagna 2020. Nella scheda vi sono i nomi del candidato presidente e le liste politiche che lo sostengono. Ogni simbolo della lista politica ha al suo fianco due righe in cui si può esprimere il voto di preferenza per un candidato consigliere.

elezioni regionali emilia romagna 2020

Leggi anche:
Tutte le notizie sulle elezioni regionali 2020 dell’Emilia Romagna
Elezioni Emilia Romagna 2020 | Candidati e programmi
Ti potrebbe interessare
Politica / Di Maio: “Gli steward dello stadio San Paolo sono i miei eroi”
Politica / Elezioni, al via la presentazione dei simboli di partito in Viminale: ecco i contrassegni depositati finora
Politica / Il disegno di Renzi e Calenda è chiaro: “Al prossimo governo di destra daremo una mano”
Ti potrebbe interessare
Politica / Di Maio: “Gli steward dello stadio San Paolo sono i miei eroi”
Politica / Elezioni, al via la presentazione dei simboli di partito in Viminale: ecco i contrassegni depositati finora
Politica / Il disegno di Renzi e Calenda è chiaro: “Al prossimo governo di destra daremo una mano”
Politica / L’ultimo regalo di Draghi a Palazzo Chigi: Maserati in dote al governo. E tanti saluti alla transizione ecologica
Politica / Scompaiono i virologi, svanisce la pandemia. In campagna elettorale non c’è traccia del Covid
Politica / Calenda su Berlusconi: “Il Cavaliere non è in sé, non va eletto”
Politica / Berlusconi: “Con il presidenzialismo Mattarella si deve dimettere e si vota il nuovo Capo dello Stato”
Politica / Elezioni, Renzi prende in giro Berlusconi per i video e lo imita | VIDEO
Politica / Di Maio risponde a Di Battista: “È del partito dei bulletti. Ma d’accordo su una cosa: il M5S non è quello che abbiamo fondato”
Politica / Altro che largo ai giovani: 5 milioni di fuorisede non potranno votare, ma la politica non cambia la legge