Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:49
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Elezioni in Emilia Romagna, la sinistra che toglie punti a Bonaccini

Immagine di copertina

Sono tre i candidati a sinistra del Pd, ma la spaccatura nella "regione rossa" rischia di consegnare il paese a Salvini

Elezioni in Emilia Romagna, la sinistra che toglie punti a Bonaccini

A meno di dieci giorni dalle elezioni regionali in Emilia Romagna, che rappresenteranno un banco di prova per il governo, è il momento di guardare agli scenari che potrebbero profilarsi all’indomani del voto di domenica 26 gennaio 2020.

Una vittoria del centrodestra, che corre unito a sostegno della senatrice leghista Lucia Borgonzoni, sarebbe infatti – dopo la sconfitta elettorale in Umbria – l’ennesimo colpo per il governo Conte, sostenuto dalla fragile maggioranza Pd-M5S-Italia viva-Leu. La debacle metterebbe a serio rischio la tenuta dell’esecutivo, già in bilico di fronte a sfide come la riforma della prescrizione e la modifica dei decreti sicurezza.

Sul fronte del centrosinistra lo sfidante è l’attuale governatore emiliano Stefano Bonaccini, l’unico in grado di tenere testa alla Borgonzoni. Il candidato del Pd è sostenuto anche dalla lista Emilia-Romagna Coraggiosa (formata da Articolo Uno, Sinistra Italiana, éViva e realtà politico-associative locali), Europa Verde, Volt, lista +Europa-Bonaccini Presidente (formata da +Europa, Psi e Pri) e lista Bonaccini Presidente (formata da Italia in Comune, Azione, Possibile e Italia Viva).

Tuttavia, considerato che gli ultimi sondaggi che prevedono un testa a testa con Borgonzoni, a far pendere il piatto della bilancia verso il centrodestra potrebbe essere la scelta di parte della sinistra di candidare figure diverse da Bonaccini. Una decisione all’apparenza ininfluente dal punto di vista elettorale, ma che potrebbe rivelarsi determinante nel caso in cui lo scarto tra i due candidati sia di pochi punti percentuali.

Ricordiamo infatti che esistono tre altri candidati a sinistra di Bonaccini: Marta Collot di Potere al Popolo, Stefano Lugli, sostenuto dalla lista L’Altra Emilia-Romagna (di cui fanno parte Rifondazione Comunista, Partito Comunista Italiano e Partito del Sud) e Laura Bergamini, sostenuta dal Partito Comunista.

Quasi tutti i sondaggi – pubblicabili fino al 10 gennaio – hanno visto infatti Bonaccini in testa, con uno scarto intorno ai 2 punti percentuali. Nell’ultima rilevazione, diffusa il 9 gennaio, il candidato Pd era stimato tra il 45 e il 49 per cento e la candidata leghista tra il 43 e il 47 per cento.

Anche immaginando che ciascuno degli altri candidati di sinistra riesca a ottenere solo l’un per cento dei voti, quindi complessivamente il 3 per cento, la scelta di non sostenere Bonaccini potrebbe costare caro alla “regione rossa”: potrebbe voler dire consegnare l’Emilia Romagna alla Lega e il paese a Salvini.

Leggi anche:
Il piano di Renzi per far perdere il PD in Emilia-Romagna e far cadere il governo (di L.Telese)
Elezioni in Emilia Romagna 2020: i risultati nello speciale diretta video TPI
Tutte le notizie sulle elezioni regionali 2020 dell’Emilia Romagna
Elezioni Emilia Romagna 2020 | Candidati e programmi
In Emilia-Romagna la Lega ha promesso di abolire la legge regionale contro l’omofobia
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il nuovo fango elettorale è per le “mogli di”: se sei donna attenta a fare politica come tuo marito
Opinioni / O Draghi o morte: il Pd ha deciso di suicidarsi in nome di una figura che non c’entra nulla con la sinistra (di G. Gambino)
Opinioni / Caro Letta, la sinistra non si fa con la destra (di R. Bertoni)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il nuovo fango elettorale è per le “mogli di”: se sei donna attenta a fare politica come tuo marito
Opinioni / O Draghi o morte: il Pd ha deciso di suicidarsi in nome di una figura che non c’entra nulla con la sinistra (di G. Gambino)
Opinioni / Caro Letta, la sinistra non si fa con la destra (di R. Bertoni)
Opinioni / Ecco perché ai giovani lasceremo in eredità un mondo migliore (di D. De Masi)
Opinioni / Una nuova visione del mondo: per salvare il Pianeta dobbiamo cambiare il modello sociale ed economico (di G. Gambino)
Opinioni / Non le basta vincere: Meloni vuole pure i pieni poteri per cambiare la Costituzione (di M. Ainis)
Opinioni / L’abitudine al male e la feroce indifferenza di chi non ha fermato l’omicidio di Alika
Opinioni / Lavoro e Ambiente: ecco il nostro programma elettorale (di N. Fratoianni)
Opinioni / Al voto sarà o noi o Meloni. Ma il dialogo col M5S deve continuare (di F. Boccia)
Opinioni / Tutti pazzi per Mario Draghi: ma tutti chi? (di V. Petrini)