Covid ultime 24h
casi +10.497
deceduti +603
tamponi +254.070
terapie intensive -57

“Vietato toccare le te**e della cameriera senza disinfettare le mani”: il cartello sessista fuori da un bar scatena le polemiche in Spagna

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 12 Giu. 2020 alle 13:12 Aggiornato il 12 Giu. 2020 alle 13:12
85
Immagine di copertina

Spagna, “Vietato toccare le te**e alla cameriera senza disinfettare le mani”: il cartello fuori da un bar

L’obiettivo era quello di trovare un modo originale per chiedere ai clienti di disinfettare le mani prima di entrare, ma l’effetto è stato disastroso: un bar di Gijon, in Spagna, è finito al centro di accese polemiche e accuse di sessismo per un cartello che i proprietari hanno appeso all’ingresso. “Vietato toccare le te**e della cameriera senza disinfettare prima le mani, grazie” si legge infatti entrando al Bar Saurum di Gijon. Una discutibile iniziativa per proteggersi dal Coronavirus che è stata pubblicizzata anche sui profili social del locale, scatenando l’indignazione di tanti utenti del web.

Diverse associazioni giovanili di Gijon e collettivi femministi hanno manifestato il loro sdegno per la scritta sul cartello: “E’ vergognosa – ha fatto sapere l’associazione “Giovani donne delle Asturie” – la legittimazione e il riciclo della violenza e delle molestie sessuali sotto forma di battute, oltretutto in un locale molto frequentato dai giovani”. Ma sui social sono arrivati centinaia e centinaia di commenti indignati anche da parte di tantissimi utenti. Al punto che i proprietari del Bar Saurum hanno deciso di scusarti sul loro account Instagram: “Ieri abbiamo fatto un errore molto machista ed è per questo che vogliamo scusarci”, hanno scritto in un post, precisando anche il loro impegno nella lotta contro il machismo, la xenofobia e l’omofobia.

Leggi anche:

1. Mancata zona rossa, Conte: “Rifarei tutto”. Ma per i pm lui e Fontana diedero retta agli imprenditori / 2. Il Centro europeo per le malattie: “Pandemia non è finita, probabile aumento casi nelle prossime settimane” / 3. È nato il figlio del medico eroe che morì dopo aver lanciato l’allarme Coronavirus a Wuhan

4. Il caso dei camici di Fontana insegna: serve più trasparenza nelle partecipate / 5. Test sierologici: tanti costi e pochi kit (in scadenza). Il piano del governo sembra già un flop / 6. Gori accusa la Regione Lombardia: “Hanno secretato i dati dei morti per provincia”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

85
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.