Il Centro europeo per le malattie: “Pandemia non è finita, probabile aumento casi nelle prossime settimane”

Di Anna Ditta
Pubblicato il 12 Giu. 2020 alle 10:37 Aggiornato il 12 Giu. 2020 alle 12:49
10
Immagine di copertina
Credit: Ansa

Coronavirus, il Centro europeo per le malattie: “Pandemia non è finita in Europa, probabile aumento casi nelle prossime settimane”

La pandemia di Coronavirus in Europa è finita? Non ancora, anzi “previsioni ipotetiche indicano che un aumento dei casi è probabile nelle prossime settimane”. A sostenerlo è il Centro europeo per la prevenzione e controllo delle malattie (Ecdc) nel suo ultimo rapporto sulla valutazione del rischio della pandemia di Covid-19.

Nell’Unione europea e nello Spazio economico europeo “l’ondata iniziale di trasmissione ha superato il suo picco in tutti i paesi tranne Polonia e Svezia“, precisa l’Ecdc. Le misure intraprese dai diversi paesi europei, dal lockdown al distanziamento sociale, inclusa la cancellazione di eventi di massa e la chiusura delle scuole, hanno “ridotto la trasmissione e, dal 9 giugno 2020, l’incidenza su 14 giorni nell’Ue/See e nel Regno Unito è calata del 80% dal picco del 9 aprile”, secondo l’Ecdc.

Tuttavia a causa delle riaperture in corso in diversi paesi, è “probabile” che nelle prossime settimane si registri un aumento dei casi. “Tutti i paesi che hanno imposto un confinamento alla popolazione “hanno avviato un allentamento totale o parziale delle misure”, con alcuni che hanno iniziato “una riapertura piena o parziale di piccoli negozi e altri spazi pubblici”, sottolinea l’Ecdc. “Allo stato, appena prima del periodo di vacanze estive, nel momento un cui gli Stati membri allentano i limiti, c’è un rischio che le persone non aderiscano in in modo fermo alle misure raccomandate ancora in vigore a causa di una ‘fatica da isolamento”.

Da qui l’avvertimento: “Questa è una maratona, non uno sprint”, quindi “non dobbiamo abbassare la guardia”. Secondo l’Ecdc, per mantenere basso il livello di trasmissione è necessario monitorare da vicino la situazione epidemiologica, ampliare la strategia di test per le persone sintomatiche e introdurre strategie di tracciamento dei contatti basate sui test e individuazione rapida e isolamento di casi e contatti. Gli Stati membri sono invitati anche a tenersi pronti a reintrodurre alcune misure di contenimento a livello locale o regionale in caso di aumento della trasmissione, conducendo nel frattempo forti campagne di comunicazione per ricordare ai cittadini che non ci siamo ancora lasciati la pandemia del tutto alle spalle.

Leggi anche: 1. Da lunedì scatta la Fase 3: le anticipazioni del nuovo Dpcm / 2. Cosa sono gli Stati generali sull’economia dell’Italia voluti da Conte: ospiti e date / 3. Mancata zona rossa, Conte: “Abbiamo fatto il possibile, non c’era un manuale” /4. Coronavirus, l’epidemiologo Lopalco: “Aumentano gli asintomatici e i contagi tra i giovani”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

10
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.