Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 10:50
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Dal Nobel italiano alla pedofilia nella chiesa francese: cosa è successo nel mondo questa settimana

Immagine di copertina

Nobel

Lo scienziato italiano Giorgio Parisi ha vinto il premio Nobel per la Fisica. Il 73enne, già presidente dell’Accademia dei Lincei, è professore emerito della Sapienza, dove gli studenti hanno festeggiato la notizia con cori da stadio. Premiati anche Syukuro Manabe e Klaus Hasselmann per «i contributi innovativi alla comprensione dei sistemi fisici complessi». Era dal 1984, con Carlo Rubbia, che l’Italia non vinceva un Nobel per la Fisica.

Golfo arabo

Attese dal 2003, il 2 ottobre si sono svolte le prime elezioni nella storia del Qatar, in cui sono stati eletti i due terzi del principale organo consultivo locale, il Consiglio della Shura (un terzo è nominato dall’emiro). Non è stata eletta nessuna delle 26 donne presenti tra i 233 candidati. Intanto a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, ha aperto al pubblico il padiglione italiano dell’Expo 2020. A chiudere la cerimonia di apertura Andrea Bocelli, accolto da un’ovazione del pubblico presente.

Covid

È pronta la pillola contro il nuovo Coronavirus sviluppata dalla casa farmaceutica Merck, promossa anche dall’immunologo americano Anthony Fauci: il Molnupiravil dovrebbe ridurre del 50 per cento i rischi di ricovero e morte. Intanto, l’a.d. di BioNTech, Ugur Sahin, avverte: «Il prossimo anno sarà necessario aggiornare i vaccini». Via libera dell’Ema alla terza dose per gli immunodepressi, ma dovranno passare sei mesi dall’ultima iniezione.

Francia

Migliaia di preti pedofili che operano all’interno della Chiesa cattolica francese dal 1950 hanno abusato di quasi 216mila vittime in 70 anni. La denuncia è contenuta nel rapporto di una commissione indipendente che da due anni e mezzo indaga sui crimini commessi da circa tremila pedofili tra sacerdoti e altri membri del clero. Secondo la commissione, si tratta di “una stima minima”: il bilancio delle vittime arriva a 330mila se si considerano gli abusi commessi dai laici. Secondo papa Francesco, “è il momento della vergogna”.

Afghanistan

Quattro attentati compiuti in una settimana hanno provocato almeno 60 vittime e decine di feriti. Oggi, venerdì 8 ottobre, almeno 50 persone sono morte in un’esplosione che ha colpito una moschea sciita nella città di Kunduz in Afghanistan nordorientale. A Jalalabad, nella provincia di Nangarhar al confine con il Pakistan insanguinata dagli attacchi dell’Isis-k, lo scorso sabato 2 ottobre sono state uccise 4 persone, compreso il giornalista Sayed Maroof Sadat, ex portavoce della Direzione provinciale per l’agricoltura. Altri 5 morti e 11 feriti si sono registrati il giorno successivo a Kabul, a seguito di un attentato compiuto durante i funerali della madre del portavoce talebano Zabihullah Mujahid, rivendicato dall’Isis-k. Mercoledì scorso un altro attacco contro una scuola islamica nella provincia sudorientale di Khost ha causato la morte di un leader religioso e 17 feriti.

Pandora Papers

Il Consorzio internazionale dei giornalisti investigativi, che ha avuto accesso a 11,9 milioni di documenti riservati, ha pubblicato i Pandora Papers: uno spaccato di oltre 29mila conti offshore. L’inchiesta riguarda una serie di attività finanziarie in Svizzera, Singapore, Isole Vergini Britanniche, Belize e Cipro e coinvolge, tra gli altri, il Re di Giordania Abdullah II, l’ex premier britannico Tony Blair e alcuni collaboratori di Vladimir Putin. Nei documenti figurano anche i nomi degli allenatori ed ex calciatori Carlo Ancelotti, Roberto Mancini e Gianluca Vialli, il boss della camorra Raffaele Amato e l’ex nazifascista Delfo Zorzi.

Social

Facebook, WhatsApp e Instagram hanno interrotto l’attività per oltre cinque ore nella giornata del 4 ottobre, provocando il peggiore blocco dei social dal 2008 e un danno da oltre 220 mila dollari al minuto. Il blackout ha anticipato di un giorno la deposizione dell’ex dirigente Frances Haugen, che davanti al Congresso Usa ha accusato la società di Menlo Park di anteporre i profitti alla sicurezza degli utenti. Si stima che Mark Zuckerberg abbia perso sei miliardi di dollari.

Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce