Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Afghanistan, attentato contro moschea sciita nel nordest: almeno 50 morti e 90 feriti

Immagine di copertina

Afghanistan, attentato contro moschea sciita nel nordest: almeno 50 morti

Almeno 50 persone sono morte in un’esplosione che ha colpito una moschea sciita nella città di Kunduz in Afghanistan nordorientale. Lo riporta Afp citando secondo fonti ospedaliere.

Nessun gruppo ha finora rivendicato l’attentato, confermato anche da Zabihullah Mujahid, portavoce dei talebani. “Questo pomeriggio è avvenuta un’esplosione in una moschea di nostri compatrioti sciiti”, ha detto Mujahid su Twitter, affermando che diverse persone sono morte e sono rimaste ferite. Nelle scorse settimane l’Isis, rivale dei talebani, ha rivendicato diversi attentati, tra cui uno che ha colpito una moschea nella capitale Kabul, in cui hanno perso la vita cinque persone.

Secondo quanto riportato da Afp, un medico dell’ospedale centrale di Kunduz ha detto che vi sono stati portati 35 morti e 50 feriti. Un altro ospedale gestito da Medici senza frontiere ha invece ricevuto i corpi di 15 persone.
La Missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan (Unama), ha dichiarato che i morti e i feriti sono stati più di 100, parlando di un attentato suicida.
“La famiglia delle Nazioni Unite in Afghanistan è profondamente preoccupata per le notizie di un bilancio molto alto di vittime in un attacco avvenuto oggi nella moschea sciita Sayyidabad, Khanabad, a Kunduz”, ha detto Unama, che ha fatto riferimento alla “inquietante serie di violenze” che negli scorsi giorni ha colpito diversi centri religiosi.
L’attentato di domenica scorsa contro una moschea a Kabul è già stato rivendicato dall’Isis-K, mentre un altro attacco contro una madrassa a Khost mercoledì scorso non è stato rivendicato da alcun gruppo. L’Isis-K, ramo afghano del gruppo terroristico che era arrivato a occupare parte della Siria e dell’Iraq tra il 2015 e il 2019, è considerato nemico dei talebani, il movimento islamista che ad agosto è tornato al potere in Afghanistan dopo il ritiro delle forze statunitensi e alleate, al termine di una guerra durata 20 anni.
Ti potrebbe interessare
Roma / Inaugurata la prima Newton Room permanente d’Italia all’Aeroporto di Fiumicino
Cronaca / Non raccoglie gli escrementi del suo cane: il sindaco pubblica le immagini sui social e annuncia multa
Cronaca / Aggressione omofoba a Reggio Calabria: arrestati tre giovani
Ti potrebbe interessare
Roma / Inaugurata la prima Newton Room permanente d’Italia all’Aeroporto di Fiumicino
Cronaca / Non raccoglie gli escrementi del suo cane: il sindaco pubblica le immagini sui social e annuncia multa
Cronaca / Aggressione omofoba a Reggio Calabria: arrestati tre giovani
Cronaca / Trovata la madre del neonato morto abbandonato tra gli scogli a Reggio Calabria: ha 13 anni
Cronaca / Terrorismo: arrestato a Torino un esponente dell’Isis
Cronaca / Impagnatiello: “Andai a pranzo da mia mamma con il cadavere di Giulia nell’auto”
Cronaca / Vibo Valentia, picchiano un senza tetto e filmano la violenza: denunciati 6 minori
Cronaca / Rissa Fedez-Iovino: il video del pestaggio ripreso dalle telecamere di sorveglianza
Cronaca / Alessandro Impagnatiello in aula a Milano: “Così ho ucciso Giulia Tramontano”
Cronaca / Scarcerato il marito dell’influencer Siu. Ma resta indagato per tentato omicidio della moglie