Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Guerra in Siria, Diario dal Rojava: “Un drone dei turchi ha ucciso un operatore umanitario”

Immagine di copertina

Il racconto del conflitto dall'inviata sul campo di TPI, Benedetta Argentieri

Guerra Turchia curdi: diario dalla Siria – 4 novembre

Di Benedetta Argentieri, inviata per TPI nel Rojava

Zau Seng, uno dei Free Burma Rangers, era uscito dall’auto, stava riprendendo l’avanzata delle truppe turche, a 3 chilometri da Tell Tamer.

Erano le tre del pomeriggio quando, all’improvviso, un botto a dieci metri di distanza. Un drone armato turco ha mancato l’obiettivo di pochissimo, ma per Seng non c’è stato nulla da fare.

Le schegge del missile MAM-C si sono conficcate nella schiena e sul collo. “È morto all’istante”, racconta Dave Eubank, fondatore del gruppo americano che si occupa di primo soccorso sui fronti di guerra.

Ferito nell’attacco anche Mohammed, il conducente del veicolo, cittadino iracheno, trasportato all’ospedale di Hasakah. Seng, originario del Myanmar, è morto nel giorno del primo compleanno di sua figlia.

“So che è felice e continua a ridere, come se la rideva sempre, ma siamo tristi perché il mondo è più vuoto senza di lui”, scrive in un comunicato Eubank, che aggiunge di voler continuare il lavoro nella zona. “Non ci fermiamo”.

Mentre sta calando il sole all’ospedale di Tell Tamer c’è sgomento e tristezza. Il gruppo in queste settimane ha lavorato costantemente. Si spingono sulla linea del fronte per cercare di portare via i feriti.

Pochi giorni fa in un’intervista Eubank raccontava di aver salvato una donna che era rimasta intrappolata dai miliziani turchi. Le Forze Democratiche Siriane hanno ringraziato i Free Burma Rangers pubblicamente.

Seng è una delle tante vittime dei droni di Ankara che in questo conflitto la fanno da padroni. Infatti la maggior parte delle vittime (il 90 per cento) è causata da attacchi aerei. Le milizie non combattono, guadagnano terreno grazie alla copertura aerea.

Il gruppo aveva ricevuto diverse minacce online dai simpatizzanti delle milizie turche proprio per il lavoro umanitario e soprattutto per aver continuato a raccontare cosa accadeva sul terreno mentre ci doveva essere un cessate il fuoco.

I video di Dave, ripresi da Seng, che raccontavano come la Turchia colpisse civili inermi, avevano fatto il giro del mondo. I loro veicoli sono ben riconoscibili e non confondibili con quelli dei combattenti.

La Turchia continua a spingere anche al di fuori della cosiddetta “zona di sicurezza”. Attacchi aerei e droni. Si aspetta una soluzione politica che sembra tardare ad arrivare mentre le potenze mondiali si spartiscono il territorio che fino a un mese fa stava cercando di costruire un percorso democratico e, dopo la vittoria su Isis, sembrava poterci riuscire davvero. Un sogno sfiorato, la pace era proprio li, quasi a portata di mano.

Oggi, a ovest c’è la Russia, a est gli Stati Uniti. In mezzo la Turchia che però non si accontenta e vorrebbe sempre di più. Schiacciata da queste dinamiche geopolitiche c’è la popolazione del Nord Est della Siria, e del Rojava.

Ci sono i curdi e quell’utopia di poter riuscire ad avere un territorio in cui vivere insieme con arabi, siriani, yazidi, in un sistema rivoluzionario. Ma questa è una guerra tutta alla rovescia, dove ogni giorno ci sono colpi di scena e riposizionamenti. Giravolte e tradimenti.

E soprattutto in cui non si sa che cosa succederà l’indomani. L’unica cosa certa è che se non si troverà una soluzione, sempre più innocenti rimarranno uccisi.

La guerra della Turchia in Siria: diario del 1 novembre

La guerra della Turchia in Siria: il diario del 31 ottobre

Morte di al Baghdadi, TPI in diretta dal Rojava: “Timore di vendette e attentati dell’Isis” | AUDIO

La guerra della Turchia in Siria: il diario del 26 ottobre

La guerra della Turchia in Siria: il diario del 25 ottobre

Altro che difendere i curdi, Putin vuole prendersi il Medio Oriente (di Giulio Gambino)

La guerra della Turchia contro i curdi in Siria: tutta la storia in versione breve, media e lunga

Guerra Turchia curdi: Caro Pd, perché sostieni ancora l’ingresso della Turchia in Europa?

L’intervista di TPI alla deputata Pd Lia Quartapelle: “Chiederemo il ritiro del contingente Nato dalla Turchia”

Siria, parla a TPI la Ong italiana colpita dall’esercito turco: “Le bombe di Erdogan ci stanno distruggendo”

Armi alla Turchia: il governo dice nì (di Giulio Gambino)

Guerra Turchia curdi: chi sono i curdi e perché non sono mai riusciti ad avere uno loro Stato

Tutte le ultime notizie sulla guerra in Siria

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"