Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:32
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Guerra in Siria, Diario dal Rojava: i presentimenti non sono buoni. “Ci sarà una nuova ondata di violenza incontrollata”

Immagine di copertina

Il racconto del conflitto dall'inviata sul campo di TPI, Benedetta Argentieri

Guerra Turchia-curdi: diario dalla Siria – 26 ottobre

Di Benedetta Argentieri, inviata per TPI nel Rojava

Ci sono dei giorni in cui i presentimenti sono davvero negativi. Una sensazione molto difficile da scrollarsi di dosso, soprattutto di questi tempi. Oggi è uno dei quelli. “Ci sarà una nuova ondata di violenza incontrollata, ci prepariamo a un nuovo attacco. E allora sarà guerra totale”, si mormora in alcuni ambienti militari.

La guerra è già nel nordest della Siria, ma la percezione è quella che la situazione potrebbe precipitare da un momento all’altro. Ancora una volta la Turchia non si ferma e continua gli attacchi al di fuori della “zona di sicurezza”. I negoziati con la Russia non hanno dato gli effetti sperati, e nonostante le Forze Democratiche Siriane abbiano rispettato il cessate il fuoco, continuano a essere attaccate.

> Il bollettino di TPI sulla guerra in Siria, con le ultime notizie

Il loro appoggio a milizie islamiche radicali non aiuta, infatti una volta dato il via libera sono molto difficili da controllare. E Ankara lo sa molto bene, vista l’esperienza ad Afrin. Il Rojava Information Center ha messo insieme una lista di 29 milizie che oggi attaccano, saccheggiano, perseguitano la popolazione civile. Non attaccano solo i militari.

Si va dalle più famose come Ahrar al-Sharqiya, uno spin off dello Stato Islamico, ad Ahrar al-Sham, attivo in altre parti della Siria e legato ad Al Qaida. Poi ci sono i meno i noti come la brigata Faith Sultan Mehmet, fondata nel 2012 e finanziata dalla Turchia. Molte di queste hanno partecipato agli incontri ad Astana e a Ginevra. E oggi si fanno i video mentre commettono crimini di guerra, mentre Ankara appoggia l’avanzata con armi a lungo raggio e copertura aerea. Tanto che diverse indagini puntano il dito contro la Turchia che nonostante tutto le usa come “proxy” per la guerra contro i curdi.

Intanto il presidente turco Raceep Erdogan, in un’intervista televisiva, e davanti a una cartina, ha spiegato il piano. Cioè liberare tutta l’area a prevalenza curda per ospitare i rifugiati siriani. “I più adatti a questa zona sono gli arabi. Queste aree non sono adatte allo stile di vita dei curdi”, ha spiegato a TRT. La ragione: “C’è solo deserto”.

Dall’inizio dell’offensiva, quasi 500 persone sono morte, migliaia sono rimaste ferite. Altre 300.000 sono dovute scappare da casa. E ogni giorno i curdi sembrano essere solo delle pedine in uno scacchiere mondiale di cui non importa veramente niente a nessuno. Le alleanze cambiano, e tutte le potenze occidentali tentennano quando c’è da prendere delle decisioni concrete rispetto al conflitto.

“Chiediamo solo una nofly zone”, ha detto mercoledì Ilham Ahmed, la co-presidente del consiglio democratico siriano, al Congresso americano dove è stata ascoltata in un’audizione. Tutti sanno che sul terreno le Forze Democratiche Siriane sono imbattibili, o quasi. Ma non se vengono bombardate a tappeto. Forse è proprio questa reticenza ad ascoltare questo appello che fa pensare il peggio. Nonostante l’arrivo della polizia militare russa sul confine che dovrebbe servire da deterrente a un nuovo attacco su tutto il confine. Ma nessuno si fida di Mosca, né tantomeno del regime. E forse è per questo che oggi i presentimenti non sono buoni.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Ti potrebbe interessare
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come