Covid ultime 24h
casi +20.499
deceduti +253
tamponi +325.404
terapie intensive +26

Covid, vaccino russo Sputnik è efficace al 91,6 %

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 2 Feb. 2021 alle 14:43 Aggiornato il 2 Feb. 2021 alle 17:36
25
Immagine di copertina
Credit: Ansa foto

Il vaccino russo Sputnik V ha un’efficacia del 91,6% contro il Covid-19 e i suoi sintomi, secondo un’analisi di studi clinici pubblicata dalla rivista Lancet e confermata da esperti indipendenti.

I risultati preliminari rilevano che il vaccino, somministrato in due dosi, “ha mostrato una grande efficacia” ed è stata ben tollerato dai volontari sopra i 18 anni che hanno partecipato all’ultima fase degli studi clinici, ha detto Inna Dolzhikova, ricercatrice del Centro Nazionale Gamaleya e coautrice dello studio. Ci sono voluti mesi di ricerca per gli immunologi russi e 19.866 volontari per completare la Fase III degli studi clinici, che hanno confermato l’efficacia del preparato al 91,6%.

Altro aspetto importante è l’immunogenicità mostrata dai test clinici: i 14.964 volontari, che hanno ricevuto le inoculazioni effettive dello Sputnik V, hanno sviluppato 1,3-1,5 volte più anticorpi contro il nuovo coronavirus rispetto a coloro che si sono ammalati e ripresi dal COVID-19 stesso. Durante lo studio, i restanti 4.902 partecipanti hanno ricevuto il placebo, come richiesto dalle regole dei tipici studi clinici su larga scala.

Lo studio ha anche incluso volontari di età compresa tra 60 e 87 anni, mostrando risultati impressionanti per questa particolare fascia di età. Sorprendentemente, l’efficacia dello Sputnik V tra gli anziani è stata paragonabile alla fascia di età 18-60 anni (91,8%).

Per quanto riguarda la sicurezza, il comitato indipendente di monitoraggio dei dati ha confermato che il 94% di tutti gli effetti avversi sono stati lievi. Non sono stati rilevati effetti avversi gravi o allergie legate al prodotto e la maggior parte delle complicanze lievi si limitava a sintomi simil-influenzali o mal di testa.

Leggi anche: 1. Covid, il colpo di grazia per il benessere degli italiani: aumentano le disuguaglianze e preoccupa il 2021; // 2. Covid, via libera dell’Aifa al vaccino di Astrazeneca in Italia; // 3. Dall’1 febbraio Italia quasi tutta gialla: 5 regioni arancioni; //4. Vaccini, l’Ue pubblica il contratto con Astrazeneca: “È chiarissimo, con ordini vincolanti” //5. Andrea Crisanti: “Per toglierci la mascherina ci vorranno due anni”// 6. Il dossier dei servizi segreti che allarma il governo: “Contagi sottostimati del 50%” // 7. Massimo Galli: “Le elezioni regionali tra le possibili cause della seconda ondata di Covid in Italia”

25
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.