Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Massimo Galli: “Le elezioni regionali tra le possibili cause della seconda ondata di Covid in Italia”

Immagine di copertina

Covid, Galli: “Le elezioni di settembre tra le possibili cause della seconda ondata”

Le elezioni regionali potrebbero essere tra le cause della seconda ondata di Covid in Italia: lo ha dichiarato Massimo Galli, infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano, durante il XXII congresso nazionale della Società italiana di NeuroPsicoFarmacologia.

“Ho chiesto di fare diversi modelli” ha affermato Galli nel corso del suo intervento “per analizzare quali fattori possono condizionare una ripresa del contagio da Sars-CoV-2”.

“Per esempio ne ho uno che parte anche dal giorno delle famose elezioni” che si sono tenute in 7 Regioni (Veneto, Liguria, Marche, Toscana, Campania, Puglia e Valle d’Aosta) a settembre e che “ci hanno portato ad aprire le scuole in queste regioni, richiuderle” per allestire le urne per “poi riaprirle”.

“Ebbene – ha dichiarato l’infettivologo – alla fin fine da quel che salta fuori non è impossibile che anche le elezioni, e non solo la scuola, un loro peso ce lo abbiano avuto nel far ripartire la seconda ondata” di Covid in Italia.

L’esperto, che ha analizzato anche i possibili “motori” del contagio, lanciando un monito sugli assembramenti a suo dire evitabili, come le possibili elezioni nel caso in cui la crisi di governo non si risolva, ha quindi citato una “metanalisi su 131 Paesi che va a vedere cosa succede dal punto di vista della trasmissione del virus e gli elementi che la condizionano. Quando si parla di scuole, io segnalo che dopo 28 giorni la riapertura si vede un 24% di aumento dell’indice Rt”.

“E quindi quando ti senti dire che sono irrilevanti da questo punto di vista è discutibile. Non sono irrilevanti 203mila infezioni in età scolare dal momento in cui si riapre al momento del decreto che richiude. Quando i ragazzi si infettano fanno da amplificatore familiare e 14-18enni hanno una parte preponderante nel totale dei contagi in questa fascia d’età” ha quindi concluso Galli mettendo in guardia dai pericoli derivanti da tutte quelle situazioni che “favoriscono la concentrazione di più di 10 persone”.

Leggi anche: Renzi si dilunga troppo a Cartabianca e Galli sbotta in tv: “Sono al lavoro dalle 6 e devo sentire questa sequela di luoghi comuni” | VIDEO

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Torino, stop al fumo all’aperto: sigarette vietate a meno di 5 metri dalle altre persone
Cronaca / Ponte sullo Stretto: i dubbi del ministero dell’Ambiente, chieste integrazioni
Cronaca / Rissa sul volo Napoli-Ibiza, due donne si strappano i capelli e urlano | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Torino, stop al fumo all’aperto: sigarette vietate a meno di 5 metri dalle altre persone
Cronaca / Ponte sullo Stretto: i dubbi del ministero dell’Ambiente, chieste integrazioni
Cronaca / Rissa sul volo Napoli-Ibiza, due donne si strappano i capelli e urlano | VIDEO
Cronaca / Mattia Giani morto dopo il malore in campo, il papà: “Non c’erano medici, ambulanza in ritardo e nessuno usava il defibrillatore”
Cronaca / Prefetto di Roma: “Grandissima attenzione su eventi sportivi”
Cronaca / Napoli, sgominato nuovo clan: pizzo anche al Castello delle Cerimonie
Cronaca / Giubileo 2025, la sfida dell’accoglienza e il futuro globale di Roma
Roma / Roma, autobus in fiamme a Tor Sapienza: tre intossicati
Cronaca / Fedez contro Gramellini: “Di essere l’idolo della sinistra non mi frega un ca…”
Cronaca / Giovani, precari e depressi: l’impatto delle disuguaglianze sulla salute mentale delle nuove generazioni