Me

Reddito di cittadinanza news: le ultime notizie di oggi lunedì 26 agosto 2019

Di Madi Ferrucci
Pubblicato il 26 Ago. 2019 alle 06:32 Aggiornato il 26 Ago. 2019 alle 13:28
Immagine di copertina

Reddito di cittadinanza news: tutte le ultime notizie di oggi lunedì 26 agosto 2019

In questo articolo tutte le ultimissime news di oggi,  lunedì 26 agosto 2019, sul Reddito di cittadinanza. Dal 6 marzo 2019 è possibile fare richiesta per il sussidio fortemente voluto dal Movimento 5 Stelle introdotto dal decreto 4/2019 insieme alla riforma delle pensioni Quota 100. Ecco le ultime notizie:

SE NON  VISUALIZZI GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI, CLICCA QUI

(Aggiornare in continuazione per leggere tutti gli ultimi aggiornamenti)

Reddito di cittadinanza, la classifica delle città

Dai dati relativi alle domande per il reddito di cittadinanza accolte dall’Inps emerge una classifica delle città con il maggior numero di beneficiari del sussidio. Come prevedivile in testa ci sono città del Sud, ma al quinto posto spunta Torino, con un valore superiore alla media italiana, e subito dopo Genova.

Tra le grandi città l’incidenza per abitante di nuclei familiari destinatari del reddito è massima in quattro centri meridionali come Catania (42 domande accolte per mille abitanti), Palermo (39,4), Napoli (37,9) e Bari (23,9), poi ci sono Torino (19,3) e Genova (14,2). Milano (12,1) e Roma (11,5) risultano entrambe al di sotto della media nazionale ma, escludendo quindi i rispettivi hinterland, nel capoluogo lombardo la frequenza di domande accolte è leggermente superiore a quella registrata nella Capitale.

I numeri sulle domande accolte dall’Inps, circa 896 mila su più di 1,4 milioni presentate, arrivano fino alla metà del mese di luglio. I dati riguardano i circa 8mila comuni italiani. In testa ci sono Rota Greca (Cosenza) con 82,2 domande accolte per mille abitanti, Centrache (Catanzaro) con 70,1, Cutro (Crotone) con 67,8, e dopo Acquafondata (Frosinone), Giffone (Reggio Calabria), Bidonì (Oristano), Isola di Capo Rizzuto (Crotone), Pannarano (Benevento), Colle di San Vito (Foggia), Vivaro Romano (Roma).

Tria: spesa per il reddito di cittadinanza minore del previsto

Di reddito di cittadinanza ha parlato di nuovo il ministro dell’Economia Giovanni Tria, ricordando come i costi della misura siano inferiori a quelli preventivati. In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, pubblicata ieri, domenica 25 agosto, il titolare del dicastero di via XX Settembre ha spiegato che i saldi di bilancio sono stati mantenuti “sotto controllo” e il deficit 2020 dovrebbe essere almeno dello 0,3 per cento del prodotto interno lordo, inferiore al previsto. “Ovviamente sono previsioni, soggette a correzioni legate all’andamento dell’economia e alle aspettative”, ha poi precisato.

Le clausole di salvaguardia – ha continuato Tria – “penso sarebbero minori dell’ammontare delle clausole di salvaguardia previste per il 2020 dai programmi del governo precedente”. Dal governo M5S-Lega a copertura di pensioni a quota 100 e reddito di cittadinanza “sono state aumentate, ma ho sempre pensato fosse inutile: era prevedibile che la spesa sulle due misure sarebbe stata minore del previsto”. In sostanza “si oscilla tra i sei e gli otto miliardi” di deficit in meno rispetto alle stime, sul 2020. Un possibile risultato che “dipende da noi, se sapremo conservare la calma sui mercati e quindi uno spread fra titoli italiani e tedeschi sui livelli attuali o poco più bassi”.

Quando arriva il pagamento di agosto 2019

Tra le ultime novità sul reddito di cittadinanza ci sono le informazioni sulla data di arrivo del pagamento relativo ad agosto. La cifra dovrebbe essere accreditata entro fine mese. Anche se non esiste un calendario ufficiale dei pagamenti, finora, da aprile a luglio 2019, i soldi del sussidio sono stati liquidati sulle card tra il 26 e il 28 di ogni mese. Dall’account Facebook di Inps per la Famiglia, viene precisato che le disposizioni di pagamento da parte dell’Istituto nazionale di previdenza sociale partono verso la fine di ogni mese, tra il 24 e il 30 (leggi qui l’articolo completo).

Cosa succede con la caduta del governo

Il governo Lega-M5s è caduto con le dimissioni del premier Giuseppe Conte e adesso il dubbio di migliaia di cittadini che beneficiano del reddito è: “Lo toglieranno?”. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte lo ha difeso. Ma cosa succede al reddito di cittadinanza con il governo Lega-M5s caduto? Dare una risposta non è semplice: se da una parte non si vedono all’orizzonte modifiche alla legge, dall’altra non è esclusa la possibilità di cambiamenti con la nascita di nuovi governi, nel medio o lungo periodo. Per ora bisogna attenersi solo alle posizioni espresse dai singoli partiti (leggi qui l’articolo completo).

Reddito di cittadinanza, le cose da sapere

Su TPI abbiamo affrontato in maniera approfondita il tema del reddito di cittadinanza. In questo articolo abbiamo spiegato le regole della carta e quali sono gli acquisti consentiti e quelli vietati. In questo articolo, invece, abbiamo spiegato in che modo è possibile visualizzare il saldo della Rdc Card: ricordiamo che i soldi del sussidio devono essere spesi entro entro il mese successivo a quello di erogazione o l’importo subirà una decurtazione del 20 per cento.

Tutte le notizie del reddito di cittadinanza di ieri, domenica 25 agosto 2019

Per tutti i dettagli sui requisiti, come anche sulla card, i pagamenti e le modalità per presentare domanda, qui di seguito una serie di link utili:

🔴 TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SU REDDITO DI CITTADINANZA E PENSIONI