“Il Coronavirus clinicamente non esiste più”: ecco lo studio del San Raffaele citato da Zangrillo

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 1 Giu. 2020 alle 10:44
144
Immagine di copertina
Alberto Zangrillo (Credits: ANSA/MOURAD BALTI TOUATI)

Lo studio del San Raffaele citato da Zangrillo: “Coronavirus non esiste più”

Da ieri in Italia tengono banco le controverse dichiarazioni del professor Alberto Zangrillo, primario di Anestesia e Rianimazione all’ospedale San Raffaele di Milano e direttore della terapia intensiva, che ha dichiarato su Rai 3 che il “Coronavirusclinicamente, non esiste più”, citando tra le altre fonti uno studio proprio del San Raffaele. Parole, le sue, che hanno diviso l’opinione pubblica e la stessa comunità scientifica, con il presidente del Consiglio Superiore di Sanità e membro del Comitato tecnico-scientifico, Franco Locatelli, che si è detto “sorpreso e sconcertato”.

Ma di cosa parla questo studio? L’analisi in questione è ancora in via di pubblicazione su una rivista scientifica ed è stata curata dal professor Massimo Clementi, direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia del San Raffaele e professore all’Università Vita-Salute. Lo studio afferma che, tra marzo e maggio 2020, la quantità di virus presente nei pazienti positivi al Covid-19 si è ridotta moltissimo rispetto al periodo precedente. La stessa cosa affermata da Zangrillo (qui l’intervista esclusiva di Luca Telese, per TPI), che ieri aveva detto: “Tutti i tamponi eseguiti negli ultimi giorni hanno una carica virale dal punto di vista quantitativo assolutamente infinitesimale rispetto a quelli eseguiti su pazienti di un mese/due mesi fa. Lo dico consapevole del dramma che hanno vissuto i pazienti che non ce l’hanno fatta”.

“Abbiamo analizzato 200 nostri pazienti – ha dichiarato Clementi al Corriere della Sera – paragonando il carico virale presente nei campioni prelevati con il tampone. Ebbene i risultati sono straordinari: la capacità replicativa del virus a maggio è enormemente indebolita rispetto a quella che abbiamo avuto a marzo. E questo riguarda pazienti di tutte le età, inclusi gli over 65. Ora assistiamo a una malattia diversa: non solo non abbiamo più nuovi ricoveri per Covid in terapia intensiva, ma nemmeno in semi-intensiva. Nelle ultime settimane sono arrivati pochi pazienti e tutti con sintomi lievi”.

Lo studio del San Raffaele su cui si sono basate le dichiarazioni di Zangrillo, tuttavia, non ha ancora risposte sulla causa dell’indebolimento del Coronavirus: “Possiamo affermare che Sars-CoV-2 – ha spiegato ancora Clementi – oggi replica meno, ma non abbiamo certezza sulle origini del fenomeno. Un’ipotesi è che si tratti di un co-adattamento all’ospite, come avviene normalmente quando un virus arriva all’uomo. L’interesse del microrganismo è sopravvivere all’interno del corpo e diffondersi ad altri soggetti: obiettivi irraggiungibili se il malato muore a causa dell’infezione”.

Leggi anche:

1. Recovery Fund, luci e ombre della proposta che sfida la storia / 2. Zangrillo: “Coronavirus clinicamente non esiste più, ma qualcuno terrorizza il Paese” / 3. Mancata zona rossa Alzano-Nembro, il Viminale smentisce la Procura di Bergamo che invece ha già “assolto” Regione Lombardia. Fontana e Gallera potevano farla se avessero voluto /

4. Avellino, il sindaco festeggia insieme ai giovani: movida fuori controllo | VIDEO / 5. Ma quale colpa del Governo, le Regioni che volevano hanno istituito 117 zone rosse. Anche la Lombardia poteva / 6. “Vi spiego cosa intendevo quando ho detto che la Lombardia aggiusta i numeri sul Covid”: Cartabellotta a TPI

7. Sala ora fa la voce grossa con i gilet arancioni, ma quella manifestazione a Milano chi l’ha approvata? / 8. Caso Baffi: il PD si ritira dalla Commissione d’Inchiesta sul Covid in Regione Lombardia

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

144
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.