Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Saman Abbas, il fratello: “Ha cercato di scappare coi documenti prima di morire”. E indica dove si troverebbe il corpo

Immagine di copertina
Saman Abbas

Il fratello di Saman Abbas, la 18enne scomparsa a Novellara alla fine di aprile, ha accusato nuovamente lo zio dell’omicidio della ragazza e ha indicato agli inquirenti il luogo in cui presumibilmente è stato sepolto il corpo. Il ragazzo, di appena 16 anni, ha parlato agli inquirenti durante l’incidente probatorio.

“Mia madre ha affidato Saman a mio zio Danish Hasnain proprio qui, vicino a una serra”, avrebbe detto il fratello secondo quanto trapelato sulla stampa. A confermare questa versione ci sono anche le immagini delle telecamere di sorveglianza, che mostrano per l’ultima volta la 18enne viva proprio nei pressi di una serra. Nelle ultime ore dunque le ricerche degli inquirenti stanno proseguendo nelle vicinanze di serre inesplorate, con perforazioni e carotaggi nei terreni vicino all’azienda agricola Le Valli.

L’ultimo tentativo di fuga di Saman

Secondo quanto ricostruito dal fratello, inoltre, Saman avrebbe tentato un’ultima volta la fuga dopo un litigio con i genitori. La madre e il padre, come ha raccontato il fratello, l’avevano attirata sul posto con la scusa di restituirle i documenti. Quando la 18enne ha avuto il passaporto, ha tentato di scappare. A quel punto il padre di Saman, Shabbar Abbas, ha chiamato al telefono lo zio. “La ragazza è scappata di nuovo” gli avrebbe detto semplicemente. “Ci penso io”, aveva risposto Danish Hasnain.

Lo zio, che secondo gli inquirenti era nascosto in una cascina adiacente alla serra, avrebbe sentito il litigio della 18enne con i genitori, poi avrebbe assistito al tentativo di fuga. Infine, dopo la telefonata della madre di Saman, avrebbe commesso l’omicidio già concordato con la famiglia.

Dopo aver rifiutato il matrimonio combinato in Pakistan dai genitori, Saman temeva per la sua vita, come confermano i messaggi inviati al fidanzato prima della scomparsa. La ragazza aveva sentito la madre Nazia parlare di un omicidio. Per questo probabilmente ha tentato la fuga, ma il suo tentativo purtroppo sembra essere fallito.

Al momento, le persone iscritte nel registro degli indagati per l’omicidio di Saman Abbas sono cinque: i due genitori della ragazza, uno zio e due cugini, uno dei quali si trova nel carcere di Reggio Emilia dopo essere stato arrestato in Francia.

Leggi anche: “Mio zio l’ha uccisa, mio padre piangeva. Ora anch’io ho paura”: il racconto del fratello di Saman

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bologna, picchia la compagna incinta in hotel: era lì per partecipare a un talent show
Cronaca / 24 morti e 4.522 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,9%
Cronaca / “A Voghera non è morto nessuno, era un rifiuto umano”: il post shock di un consigliere comunale toscano
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Bologna, picchia la compagna incinta in hotel: era lì per partecipare a un talent show
Cronaca / 24 morti e 4.522 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,9%
Cronaca / “A Voghera non è morto nessuno, era un rifiuto umano”: il post shock di un consigliere comunale toscano
Cronaca / Pregliasco: “L’estate? La vedo male, a breve 10mila contagi al giorno”
Costume / TPI Fest! Una voce libera e senza padroni (Sabaudia, 30 – 31 luglio 2021)
Cronaca / Torna la protesta contro il Green Pass: insulti e fischi contro Draghi e Burioni | DIRETTA
Cronaca / Scomparso un ragazzo di 22 anni a Pisa, l’appello del padre: “Aiutatemi a trovarlo”
Cronaca / Il manager negazionista Marco De Veglia muore di Covid a 55 anni
Cronaca / Altro che giovani sfaticati: il caso di Grafica Veneta dimostra che certi imprenditori cercano solo schiavi (di G. Cavalli)
Cronaca / Multe e denunce per fermare i violenti: il piano del Governo contro no vax e “no pass”