Covid ultime 24h
casi +16.146
deceduti +477
tamponi +273.506
terapie intensive -35

Calabria, arrestato boss della ‘ndrangheta grazie al decreto Coronavirus

Antonio Cordì è stato preso dalle forte dell'ordine mentre violava le norme contro il Covid-19

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 13 Mar. 2020 alle 10:47 Aggiornato il 13 Mar. 2020 alle 10:51
539
Immagine di copertina
Credits: ANSA/Fabrizio Fois

‘Ndrangheta, arrestato il boss Antonio Cordì grazie al decreto Coronavirus

L’ultimo decreto emanato dal Governo contro il Coronavirus non ha solo limitato gli spostamenti e cambiato le abitudini degli italiani, ma indirettamente ha fatto sì che un importante boss della ‘Ndrangheta fosse arrestato: si tratta di Cesare Antonio Cordì, 42enne esponente di spicco dell’omonimo clan di Locri. L’uomo era ricercato da agosto 2019, quando era riuscito a sfuggire alle forze dell’ordine durante un’operazione antimafia. Stavolta, invece, è stato catturato. In un modo davvero singolare.

Cesare Antonio Cordì stava passando la sua latitanza in una villetta situata in una contrada isolata di Bruzzano Zeffirio, piccolo paese della Locride. Una zona apparentemente disabitata e per questo perfetta come nascondiglio, se questi fossero tempi normali. Ma ai tempi dell’emergenza Coronavirus, con le strade vuote e i controlli su strada fortemente intensificati, la copertura del boss emergente della ‘ndrangheta calabrese è crollata presto. I carabinieri, infatti, hanno iniziato a notare alcuni movimenti sospetti nella contrada. E subito hanno pensato a Cordì, visto che secondo le indagini il boss aveva preferito non allontanarsi dalla zona da lui amministrata.

Così, gli agenti hanno seguito gli spostamenti di una persona che – si è scoperto dopo – era deputata a rifornire di cibo e altri viveri il boss della ‘ndrangheta. Individuata la villetta, apparentemente senza nessun inquilino all’interno, i carabinieri l’hanno circondata in attesa di movimenti sospetti. Quando alla finestra hanno notato il fumo e il bagliore di una sigaretta, hanno fatto irruzione sorprendendo Cordì mentre tentava la fuga dal retro dell’abitazione. Un’estremo tentativo rivelatosi però inutile. Adesso lo aspetta un processo, visto che Cordì – oltre alla latitanza – è accusato di trasferimento fraudolento di valori, aggravato dall’aver favorito l’associazione mafiosa.

Coronavirus, in Rete un’ondata di fake news su come combatterlo:

Leggi anche:

1. Coronavirus, è possibile reinfettarsi? La risposta di Burioni / 2. Terapie intensive al collasso: “Rischio calamità sanitaria”/ 3. Tutto chiuso, l’Italia si ferma: stringiamo i denti ora per tornare presto alla normalità (di L. Telese)

4. Coronavirus, l’esperto: “L’epidemia non finirà quest’anno” / 5. Coronavirus, i contagiati possono trasmetterlo fino a 37 giorni. Quanto durano febbre e tosse / 6. Coronavirus, il nuovo decreto equipara la quarantena alla malattia

7. Coronavirus, la paura del personale Alitalia: “Sugli aerei contatti stretti, servono più controlli” / 8. Coronavirus, il discorso di Conte: “Restiamo distanti oggi per abbracciarci domani” / 9. Il sesso è contagioso? Le risposte dell’infettivologo

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

539
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.