Covid ultime 24h
casi +20.648
deceduti +541
tamponi +176.934
terapie intensive -9

Omicidio Willy, la prima telefonata al 112: “Un ragazzo è stato menato: correte” | AUDIO

Di Anna Ditta
Pubblicato il 10 Set. 2020 alle 18:59 Aggiornato il 10 Set. 2020 alle 19:05
59
Immagine di copertina

Erano le 3,25 della notte tra sabato 5 e domenica 6 settembre quando al 112 è arrivata la prima richiesta di intervento davanti al locale “Duedipicche” di Colleferro, per il pestaggio di Willy Monteiro Duarte. “Un ragazzo è stato menato. Per favore, potete venire subito?”, chiede il ragazzo al telefono in preda a una forte agitazione. L’operatore localizza il luogo della rissa in 47 secondi attivando da quel momento l’intervento di ambulanza e pattuglie delle forze dell’ordine.

L’audio della telefonata con la richiesta dei soccorsi è stato pubblicato dall’Adnkronos in esclusiva. Altre 8 telefonate saranno effettuate al numero unico d’emergenza per chiedere aiuto, ma gli interventi sono risultati inutili. Per il 21enne era ormai troppo tardi.

Tutti gli approfondimenti di TPI sull’aggressione di Colleferro: 1. LA CRONACA: 21enne interviene per difendere un amico: massacrato a morte dal branco / 2. LA RICOSTRUZIONE: “Vi prego basta, non respiro più, così è morto Willy / 3. LA BIO: “Sognava di diventare come Totti”: chi era Willy / 4. I PROFILI: Dal culto per le arti marziali ai precedenti per spaccio: chi sono gli aggressori di Willy Monteiro / 5. LE INDAGINI: Colleferro, tre arrestati restano in carcere: Belleggia va ai domiciliari

6. Caso Willy, meno male che non lo avevate nemmeno toccato: l’autopsia rivela lesioni multiple sul suo corpo / 7. IL DETTAGLIO: Uno degli aggressori di Willy Monteiro insegnava arti marziali ai bambini / 8. LE OPINIONI: Willy ha pagato lo scotto più atroce, ma la sua morte può cambiare la percezione del razzismo in Italia (di G. Cavalli) / 9. Quel gesto vigliacco e codardo: infierire sul corpo di Willy quando era già in terra (di Lara Tomasetta) / 10. LA TESTIMONIANZA: “Per noi era come un figlio, sarebbe diventato un bravo chef”: parla il direttore dell’hotel dove lavorava Willy

59
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.