Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Migranti, 45 approdano a Lampedusa mentre la Sea Watch resta al largo dell’isola

Immagine di copertina

Migranti approdano Lampedusa – Mentre i profughi salvati dalla Sea Watch 3 della Ong tedesca sono ancora fermi al largo di Lampedusa in attesa di un porto sicuro in cui sbarcare, altri 45 migranti il 19 giugno sono arrivati sulle coste dell’isola.

Come riportato da Mediterranean Hope, il gruppo, di cui fanno parte anche una donna incinta e bambini, è stato recuperato “sotto costa dalle motovedette della Guardia costiera e della Guardia di finanza”.

I migranti sono stati portati all’hotspot dell’isola e sarebbero originari del Senegal, Costa d’Avorio, Kenya e Somalia.

Sea Watch

La nave della Ong tedesca Sea Watch mercoledì 12 giugno ha salvato 53 migranti che si trovavano a bordo di un gommone al largo della Libia. Matteo Salvini ha fatto sapere di aver firmato un divieto di ingresso nelle acque italiane e ha impedito alla nave di approdare nel porto di Lampedusa.

In seguito il Viminale ha autorizzato lo sbarco di 10 dei 53 migranti a bordo dell’imbarcazione perché per 7 di loro erano necessarie cure mediche, mentre gli altri 3 erano accompagnatori.

I migranti sono stati poi trasferiti a Lampedusa con una motovedetta della Guardia Costiera.

La procura di Agrigento

Il 18 giugno è giunta la notizia che la Procura di Agrigento ha aperto un fascicolo d’inchiesta sul caso della Sea Watch 3 che da sei giorni è al confine delle acque territoriali italiane, a 16 miglia circa da Lampedusa.

Il procuratore aggiunto, Salvatore Vella, nel fascicolo a carico di ignoti ha ipotizzato il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Porto sicuro in Libia

Per la prima volta la Libia ha offerto alla Ong un porto dove attraccare, ma l’equipaggio si è rifiutato di far rotta verso le coste libiche perché non considerato un luogo “sicuro”.

Sulla questione si è poi espressa anche la Commissione Ue, che ha sostenuto la tesi di Sea Watch e ribadito che “tutte le imbarcazioni che navigano sotto bandiera Ue sono obbligate a rispettare il diritto internazionale”.

Migranti, Consiglio d’Europa: “Basta con la politica dei porti chiusi. Bisogna dare un porto alla Sea Watch”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sgarbi:”Per me Berlusconi non sa chi sia Marta Cartabia”
Cronaca / Covid, oggi 188.797 casi e 385 morti: tasso di positività al 17%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sgarbi:”Per me Berlusconi non sa chi sia Marta Cartabia”
Cronaca / Covid, oggi 188.797 casi e 385 morti: tasso di positività al 17%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Oristano, percepivano il reddito di cittadinanza senza averne i requisiti: 60 persone denunciate
Cronaca / Il governo apre alle Regioni: allo studio nuove regole per rendere meno probabile l’accesso alla zona rossa
Cronaca / Melandri si difende: “Sono un free vax, ognuno deve essere libero di scegliere il proprio destino” | VIDEO
Cronaca / Stupro di Capodanno, le intercettazioni shock: “Ce semo divertiti”, “Colpa della famiglia di lei”
Cronaca / Jacobs divorzia dall’agenzia di Fedez: scarsa promozione dell’immagine
Cronaca / Tenta la fuga dalla casa di riposo: 91enne muore dopo essersi calato con le lenzuola dalla stanza
Cronaca / Cassazione: “Rapina aggravata se con mascherina”. Ma il ladro protesta: “Era obbligatoria”