Ricciardi: “In arrivo migliaia di focolai. Dobbiamo prepararci al fatto che i numeri si alzino”

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 15 Giu. 2020 alle 09:56
416
Immagine di copertina

Coronavirus, Walter Ricciardi: “In arrivo migliaia di focolai”

“Dobbiamo prepararci al fatto che i numeri si alzino. Il tracciamento manuale che si sta facendo in questi giorni è importante, ma è essenziale che venga potenziato col tracciamento tecnologico. Teniamoci pronti a migliaia di cluster. Finora le Regioni hanno risposto bene, ma con un numero limitato di casi è facile. Per l’autunno non basterà il tracciamento manuale realizzato fino a oggi, sarà decisiva la tecnologia”.

A parlare è  Walter Ricciardi, super-consulente del Ministero della Salute e rappresentante italiano al Consiglio dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). In un’intervista al Mattino il medico ha sottolineato l’importanza dell’app Immuni.

“L’app funzionerà a pieno, però, solo se la scaricherà almeno il 60-70% dei cittadini. È fondamentale che la popolazione lo capisca, finora non è stata spiegata molto bene la cosa”, ha sottolineato Ricciardi che ha commentato anche i tre cluster di Roma: “Queste vicende caratterizzeranno un po’ tutto il prossimo periodo, perché la circolazione del virus c’è, quindi è decisivo isolare prontamente i focolai per evitarne l’allargamento, con tamponi su larga scala. Nel Lazio si è vista una buona capacità di risposta da parte del servizio sanitario regionale, si è intervenuti subito.

Sempre riguardo il Lazio, Ricciardi ha spiegato anche quale valore attribuire all’indice Rt. “L’indice Rt è uno dei parametri, sottolinea la dinamica del contagio. Ma non può essere l’unico fattore. Anche perché quando i numeri sono bassi e c’è un focolaio come quello di questi giorni, è chiaro che l’Rt si alza subito. Per questo non dobbiamo guardare solo a quell’indicatore, ma anche ai numeri assoluti e alla capacità di risposta del sistema sanitario, se si fanno tutti i tamponi necessari per circoscrivere i focolai in tempi stretti. Tocca guardare ai numeri assoluti dei casi positivi. Se si ha l’Rt a 0,9 con dieci casi è un conto, se si ha lo stesso indice con mille casi è tutto un altro scenario. Poi è decisiva la capacità di fare diagnosi tempestivamente e la risposta assistenziale sul territorio. Finora le regioni stanno rispondendo bene nel contenere i nuovi cluster. Ma è chiaro che in questo momento, dato il numero estremamente limitato di focolai, è possibile reagire più facilmente”, ha concluso il medico.

Leggi anche: 1. Roma, nuovo focolaio di Coronavirus: 17 positivi in un palazzo occupato alla Garbatella / 2. Coronavirus, il governatore Fontana: “Sta emergendo la verità sul buon operato della regione Lombardia” / 3. Coronavirus, il sindaco di Bergamo Giorgio Gori: “Sulla mancata zona rossa molti errori e ritardi”

4. Mancata zona rossa, Conte: “Rifarei tutto”. Ma per i pm lui e Fontana diedero retta agli imprenditori / 5. Il Centro europeo per le malattie: “Pandemia non è finita, probabile aumento casi nelle prossime settimane” / 6. Uno studio rivela: “Alcune forme di raffreddore possono proteggere dal Coronavirus”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

416
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.