Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:34
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Coronavirus, si resta infetti anche per 2 mesi: i sintomi che resistono più a lungo

Immagine di copertina
Uno dei pazienti ricoverato nel reparto terapia intensiva dellÕospedale Policlinico Tor Vergata (Credits: ANSA/ANGELO CARCONI)

Coronavirus, quanto dura? Si resta infetti anche per 2 mesi: i sintomi che resistono

In questi giorni il caso di Bianca Dobroiu, la ragazza di 23 anni in quarantena ormai da quasi 60 giorni e ancora positiva al Coronavirus seppur sia senza sintomi da marzo, ha fatto molto discutere in Italia, facendo sorgere molte domande ai cittadini che si chiedono quanto dura la malattia all’interno del nostro corpo e per quanto tempo si protraggono i sintomi principali del Covid. Non esiste una risposta univoca: abbiamo visto che il virus ha conseguenze molto diverse a seconda dell’età del paziente e talvolta anche del sesso. Ciò che è certo e dimostrato da decine di testimonianze, però, è che per i casi più gravi la guarigione può essere molto faticosa. E che allo stesso tempo ci sono pazienti con sintomi lievi, costretti però per lunghissimo tempo a rimanere in isolamento perché positivi.

 

 

Il Covid-19, per tutto il mondo scientifico, è una malattia del tutto nuova. Di conseguenza, tutte le strutture ospedaliere stanno imparando solo in questi mesi come trattarla. Anche il professor Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità, ha sottolineato l’importanza di condurre “studi e valutazioni in maniera rigorosa per avere un quadro definito” del Coronavirus. In attesa di avere il tempo materiale per farlo, per studiare l’evoluzione dei sintomi del virus bisogna guardare ai casi già esistenti. E già solo a guardare i pazienti che, loro malgrado, sono diventati più celebri nel nostro Paese, ci si accorge che il Coronavirus dura anche molto a lungo.

E’ il caso dei due pazienti cinesi che hanno rappresentato i primi casi di Covid-19 in Italia. La coppia di turisti, provenienti da Wuhan, venne portata all’Istituto Spallanzani il 29 gennaio. Dopo essere stati anche in terapia intensiva, sono stati dimessi 49 giorni dopo il ricovero, ma prima di ritrovare la libertà hanno trascorso un altro mese al San Filippo Neri. Un totale di 80 giorni: questo il tempo impiegato da marito e moglie di 66 e 65 anni per guarire dal Coronavirus.

Interpellato da Il Messaggero, il professor Massimo Galli (primario di Malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano) ha spiegato cosa succede ai pazienti più gravi dopo essere guariti dal Coronavirus: “La cosa che più ci preoccupa – ha spiegato il medico – sono i reliquati a livello polmonare. Molti se la cavano, ma sembra abbastanza evidente che diversi abbiano problemi polmonari di una certa importanza. Anosmia e disosmia, cioè i disturbi dell’olfatto e dell’odorato, di solito vanno a migliorare o a sparire, anche se non è per tutti così”. In altre parole, se la perdita di olfatto (e gusto) va a migliorare sempre, i pazienti che hanno avuto una polmonite più forte devono convivere a lungo con un’insufficienza respiratoria, anche dopo le dimissioni dall’ospedale.

A questo proposito, sempre a Il Messaggero, Galli fa però una precisazione: “Sia chiaro: non significa che i pazienti più gravi, una volta guariti, abbiano tutti la bombola d’ossigeno, non è affatto così, però dei reliquati di ordine respiratorio non trascurabili ci possono essere. Ma ribadiamolo per essere precisi: la stragrande maggioranza delle persone che si infettano neppure arrivano in ospedale e si lasciano alle spalle l’esperienza senza problemi particolari. Se invece parliamo del numero limitato di coloro che finiscono in terapia intensiva, per diversi c’è necessità di percorsi significativi di riabilitazione respiratoria”.

Leggi anche:

1. La lettera di Gabriella al marito morto di Covid a Nembro: “Non mi fanno il test ma non mollo” / 2. Vertice Ue, le parole del premier Conte: “Recovery Fund tappa importante nella storia europea” / 3. Coronavirus: le regole dell’Iss per evitare il contagio al supermercato | VIDEO

4. La rivolta di sindaci e medici contro la Regione Lombardia: “Nessuna strategia, ci ha abbandonati” / 5. Segrate, il sindaco vuole fare test sierologici ai cittadini. Ma dalla Regione è arrivato lo stop / 6. “Mia madre 75enne è abbandonata in un hotel di Milano per la quarantena senza visite né tamponi”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Saman Abbas, lo zio nega ogni coinvolgimento: “Sono stato incastrato”
Cronaca / Covid, oggi 77.696 casi e 352 morti: il tasso di positività al 15%
Cronaca / Quirinale, la deputata No Vax Sara Cunial tenta di votare ma viene bloccata: “Questa è una dittatura”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Saman Abbas, lo zio nega ogni coinvolgimento: “Sono stato incastrato”
Cronaca / Covid, oggi 77.696 casi e 352 morti: il tasso di positività al 15%
Cronaca / Quirinale, la deputata No Vax Sara Cunial tenta di votare ma viene bloccata: “Questa è una dittatura”
Cronaca / Prescrive cure alternative al telefono e il paziente muore: arrestato medico no vax
Cronaca / Oms, Tedros: “Condizioni globali perfette per l’emergere di nuove varianti”
Cronaca / Covid, Figliuolo: “Raggiunto il picco, ora si va in discesa”
Cronaca / Morte Lorenzo Parelli, direttore dell’ispettorato Lavoro a TPI: “L’alternanza scuola-lavoro non può essere un’attività lavorativa dissimulata”
Cronaca / Max Mara, Victoria’s Secret e il nail bar: le spese pazze che hanno portato alla condanna di Renata Polverini
Cronaca / Covid: “Triplicati i ricoveri nei bambini tra i 5 e gli 11 anni”
Cronaca / Costo della vita in Italia, ecco la città più cara e quella più economica: l’indagine