Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:20
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Non andare a lavoro, ci contagi”: i biglietti ricevuti da un medico di una Rsa di Milano. Glieli mandano i vicini di casa

Immagine di copertina
Credits: ESPA Photo Agency/CSM via ZUMA Wire

Coronavirus, medico Rsa di Milano riceve biglietti dai vicini: “Ci contagi”

Se c’è una cosa che la pandemia di Coronavirus ha insegnato all’Italia è quanto è importante e delicato il lavoro di medici infermieri, ritratti in queste difficili settimane come veri e propri supereroi. Eppure, allo stesso tempo, la loro prolungata esposizione alla malattia, complice l’inevitabile vicinanza ai pazienti positivi, alimenta la paura degli altri cittadini, che temono che i medici possano essere portatori del virus. Tutto ciò scatena anche brutti episodi di intolleranza e maleducazione. Ne sa qualcosa un medico di Milano, che ricopre una posizione di rilievo all’interno di una storia Rsa della città e che nei giorni scorsi ha trovato nella cassetta delle lettere un biglietto lasciato dai vicini di casa: “Qui abitano anziani, attento. Potresti prenderlo di nuovo, il Covid. Smettila di andare a lavorare”.

Il geriatra ha raccontato la sua storia al Corriere della Sera. Insieme alla moglie e ai due figli piccoli vive in un condominio nella zona Nord di Milano. “A marzo – ha dichiarato – il virus è entrato nella Rsa dove lavoro, io l’ho preso in forma piuttosto seria e l’ho passato purtroppo anche alla mia compagna, mentre i bambini non hanno mai avuto sintomi”. Il medico e la sua famiglia hanno trascorso un mese a casa, in quarantena, e hanno anche ricevuto la solidarietà dei vicini, che portavano loro la spesa fino a casa. “Quei momenti – ha ammesso il geriatra – rendono ancora più difficile sopportare il voltafaccia”. Dopo essere guarito dal Coronavirus, infatti, il medico è tornato a lavoro, mentre la compagna non sta ancora bene: “Impossibile sapere se era guarita e si è riammalata o se non è mai guarita, perché non le hanno mai fatto fare alcun test. Questa incertezza non aiuta le relazioni”.

La diffidenza dei vicini è esplosa lunedì scorso, quando il medico e la famiglia sono scesi in cortile per una passeggiata. “Com’è che d’improvviso – si chiede il dottore nell’intervista al Corriere della Sera – i vicini sgusciano via e ci guardano con sospettoso distacco? Non uno che ci abbia chiesto come stiamo, se ci siamo del tutto ripresi”. Quel giorno, nella cassetta della posta, arriva un secondo biglietto: “Tienili a casa i bambini, lontani dal cortile e dall’ascensore”. Nel suo sfogo, il medico milanese ha tenuto a precisare: “Siamo professionisti al servizio della collettività e allo stesso tempo anche potenziali fonti di contagio. Ma sappiamo meglio di chiunque altro le precauzioni da usare. Teniamo sempre guanti e mascherine, rimaniamo a distanza di sicurezza. Non intendo irridere le paure altrui ma voglio essere chiaro: sono timori irrazionali. Lo stigma sociale, se isola le famiglie, può tra l’altro comportare maggiori difficoltà a controllare il contagio. Potrebbe spingere le persone a nascondere la malattia o non chiedere subito aiuto per evitare possibili discriminazioni. Ricordiamoci che la paura dell’altro, se non governata, è pericolosa. Il ghetto non è la soluzione”.

Leggi anche:

1. Bar e ristoranti, Conte dice sì alla riapertura anticipata ma gli scienziati frenano: “La data è il 1 giugno” / 2. Le Regioni a contagio zero verso la riapertura anticipata: “Parrucchieri e bar dal 18 maggio” / 3. Banksy dedica un nuovo murales a medici e infermieri

4. Già a ottobre i primi contagi di Coronavirus? Il sospetto sul caso dell’olimpionico Tagliariol / 5. Decreto maggio, la ministra Catalfo propone riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario / 6. Tutto quello che non torna nel racconto di Alba Parietti sul Coronavirus

7. Spariscono i profili social di De Donno, il primario promotore della terapia con il plasma / 8. In arrivo il test rapido sulla saliva / 9. Coronavirus e tradimenti: il 37% degli utenti italiani ha infranto la quarantena per incontrare l’amante

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Trieste, focolaio Covid tra i manifestanti no green pass: “È solo la punta dell’iceberg”
Cronaca / Maltempo in Sicilia e Calabria: il vero ciclone si formerà nella serata di oggi
Cronaca / Governo: “Vaccino J&J scade dopo due mesi”. Ma hanno tradotto male dall’inglese
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Trieste, focolaio Covid tra i manifestanti no green pass: “È solo la punta dell’iceberg”
Cronaca / Maltempo in Sicilia e Calabria: il vero ciclone si formerà nella serata di oggi
Cronaca / Governo: “Vaccino J&J scade dopo due mesi”. Ma hanno tradotto male dall’inglese
Cronaca / Covid, oggi 4.598 casi e 50 morti: il bollettino del 27 ottobre 2021
Cronaca / Bassetti: "Favorevole al lockdown per i non vaccinati"
Cronaca / I voli di Ita Airways non possono atterrare quando c’è la nebbia
Cronaca / Cammina nudo in tangenziale: talento della pallanuoto causa incidente a Roma
Cronaca / Covid, oggi 4.054 casi e 48 morti: tasso di positività allo 0,6%
Cronaca / Alluvione Catania, ospedale Garibaldi in ginocchio inondato dall’acqua | VIDEO
Cronaca / Pesante nubifragio si abbatte su Catania: un morto, strade inondate e blackout