Coronavirus:
positivi 50.966
deceduti 33.072
guariti 147.101

Coronavirus isolato allo Spallanzani, ma l’Italia è il paese con meno fondi per ricerca e istruzione in Ue

Il virus che spaventa il mondo è stato isolato nei laboratori di un ospedale romano, ma la situazione della ricerca italiana è davvero complicata: atenei al collasso, precari disperati, laureati che non trovano lavoro

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 3 Feb. 2020 alle 16:22 Aggiornato il 3 Feb. 2020 alle 17:53
706
Immagine di copertina
Ricercatori in laboratorio Credit: Ansa

Coronavirus isolato, ma l’Italia ultima in Ue per fondi alla ricerca

Il Coronavirus è stato isolato in Italia, tra i primi paesi al mondo a riuscire nell’impresa. Ora il team di virologia dell’ospedale Spallanzani di Roma viene acclamato come un gruppo di eroi ed eroine, ma questo risultato scientifico che potrebbe fermare l’epidemia globale accende i riflettori su un problema tutti italiano: la precarietà della ricerca. L’Italia è l’ultima in classifica in Ue per fondi alla Ricerca e all’Università.

La dottoressa Francesca Colavita, 30enne molisana, tra le persone che scienziate che hanno isolato il Coronavirus, è registrata con un CO.co.co, guadagna poco più di mille euro al mese e non sa per quanto tempo le rinnoveranno il contratto. Lei è una delle migliaia di precari del Belpaese, costretti a emigrare all’estero o a vivere facendo altri lavori fuori dall’Università (qui un profilo della ricercatrice).

“Non voglio andare all’estero. Mi piace quello che faccio e dove lo faccio. Ma in Italia è dura”, ha detto la dottoressa Colavita in un’intervista a Repubblica. “L’Italia deve dare più dignità ai ricercatori. Mi auguro che questa occasione possa contribuire a far vedere la ricerca in modo diverso”.

I complimenti della politica

All’indomani dell’isolamento del virus molti sono stati i politici che hanno voluto complimentarsi e elogiare l’eccellenza italiana.

“Dopo l’isolamento, rilanciamo la nostra proposta del Piano per l’Italia con l’aumento dei fondi per la ricerca e l’assunzione di 10.000 ricercatori”, ha scritto su Facebook Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio, che ha voluto incontrare le tre ricercatrici dopo la scoperta.

Oggi, in un’intervista di Luca Telese pubblicata su TPI, l’ex ministro dell’Istruzione Fioramonti ha detto: “Senza ricerca si muore, ma in Italia esultiamo solo quando due ricercatrici precarie isolano il Coronavirus”. Ed è proprio così, basta guardare ai dati.

I dati sui fondi in Italia e in Europa

La spesa pubblica italiana per l’istruzione, infatti, è tra le più basse dell’Ue. Secondo i dati Eurostat, l’Italia spende 67,4 miliardi di euro, pari al 4,1 per cento del Pil e all’8,1 per cento della spesa pubblica, per l’educazione dei suoi cittadini. . Siamo appena sotto la Grecia e la Romania.

Le percentuali di Germania, Regno Unito e Francia erano state rispettivamente del 9,3 per cento, del 11,3 per cento e del 9,6 per cento.

Per quanto riguarda il rapporto con il Pil, i Paesi dell’Ue hanno investito in media una cifra pari al 4,6 del Pil, uno 0,6 per cento in meno rispetto al 5,2 per cento del 2009.

L’Italia, con una cifra equivalente al 3,8 per cento della ricchezza nazionale, è quintultima in Europa (dopo Romania, Irlanda, Bulgaria e Slovacchia).

Nello specifico, se si considera unicamente la spesa per l’educazione terziaria, nel 2017 l’Italia ha investito appena 5,5 miliardi di euro: lo 0,3 per cento del Pil, contro una media europea dello 0,7 per cento.

Il calo ulteriore della spesa avvenuto negli ultimi anni sottolinea il disinteresse della politica.

La denuncia di Link

La denuncia proviene anche dai sindacati degli Studenti: “Siamo contenti che adesso si plauda alle “eccellenze italiane” e ai successi dei ricercatori e delle ricercatrici – scrive su Facebook il gruppo di coordinamento universitario Link – Ma finché non si invertirà la rotta rifinanziando Istruzione, Sanità e Ricerca e stabilizzando i precari e le precarie che questi risultati li potrebbero raggiungere ogni giorno non investiremo mai nel futuro del nostro paese”.

Leggi anche:

L’università senza fondi: l’Italia è l’ultima della classe per spesa nell’istruzione

Chi sono le ricercatrici italiane che hanno isolato il Coronavirus allo Spallanzani

Cosa vuol dire esattamente aver isolato il Coronavirus

Coronavirus, la Cina sapeva: 10 giorni di silenzio dietro al contagio

Coronavirus in Italia, psicosi razzista: “Alla larga dai cinesi!” (di G. Gambino)

Coronavirus: tutto quello che c’è da sapere sul virus cinese ed evitare la psicosi

Coronavirus, l’esperto che svelò la verità sulla SARS: “Entro 10 giorni l’apice dell’epidemia”

Coronavirus | Esclusivo TPI, video dalla Cina: mascherine usate vendute clandestinamente

706
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.