Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:07
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Tr**a, ti stupro”: le minacce di Casapound contro i rom di Casal Bruciato

Casal Bruciato Rom minaccia stupro | “Troia, ti stupro”. Questa la minaccia di un militante di Casapound contro una famiglia di rom assegnataria di una casa popolare a Casal Bruciato, periferia est di Roma.

Il grido è rivolto a Senada, la mamma della famiglia composta dal padre Imer e da 12 figli. Si capisce dalle parole usate che la violenza e l’intolleranza stanno facendo da padrone nella periferia est della Capitale: le proteste vanno avanti da lunedì 6 maggio (qui il racconto dello scoppio delle proteste).

È stato un crescendo di tensione, da lunedì scorso, quando alle 10 di mattina la famiglia ha preso possesso della casa, regolarmente assegnata attraverso una graduatoria, e ad attenderla c’erano già 50 persone pronte agli insulti.

La famiglia è costretta a rientrare in casa protetta da un cordone di polizia coi vigili a portare loro viveri. Hanno paura e, come raccontato a TPI, non mandano i figli a scuola perché “con queste persone in giro è pericoloso” (qui l’intervista al padre della famiglia rom).

Casal Bruciato Roma

Nella giornata del 7 maggio un gruppo di Casapound ha aizzato i cittadini sin dalle prime ore del mattino (qui il racconto della giornata del 7 maggio a Casal Bruciato).

Sono volate, in strada, parole forti: “Merde, andate via. Tanto dovete uscì…”. E poi, in serata, quel vergognoso insulto: “Troia, ti stupro”.

Si sono create nel quartiere due fazioni opposte: i militanti di Casapound insieme ai cittadini che vogliono mandare via la famiglia di origini bosniache e il movimento di sinistra Asia per il diritto alla casa, dalla parte dei cittadini che sono pronti ad integrare i nomadi provenienti dal campo La Barbuta nel quartiere.

Nel pomeriggio di mercoledì 8 maggio è prevista una manifestazione indetta da Casapound contro i rom.

*da Casal Bruciato Stefano Fasano per TPI

La protesta precedente nella periferia di Roma, contro la minoranza Rom, è quella di Aprile 2019 avvenuta a Torre Maura. Qui alcuni link:

> “Fate leva sulla rabbia del quartiere”, Simone zittisce CasaPound e difende i rom 

> Proteste di Torre Maura, il papà di Simone: “Fiero di lui, ma adesso non diventi la voce della sinistra”

> La scrittrice Elena Stancanelli su Simone, il 15enne di Torre Maura: “Coraggioso, ma non sa parlare in italiano”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il no vax e no green pass Fabio Tuiach positivo al Covid: “Colpa degli idranti usati dalla polizia”
Cronaca / Covid, oggi 2.535 casi e 30 morti: tasso di positività all'1,1%
Cronaca / Borghese: “Non trovo personale per cucina e sala, i giovani non vogliono più fare gli chef”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il no vax e no green pass Fabio Tuiach positivo al Covid: “Colpa degli idranti usati dalla polizia”
Cronaca / Covid, oggi 2.535 casi e 30 morti: tasso di positività all'1,1%
Cronaca / Borghese: “Non trovo personale per cucina e sala, i giovani non vogliono più fare gli chef”
Cronaca / Le scuole clandestine dei figli no vax: viaggio in Alto Adige tra i genitori che isolano i figli per ribellarsi al Covid
Cronaca / La raccolta fondi di Cliomakeup e Operation Smile Italia per malformazioni cranio-maxillo-facciali è già sold out
Cronaca / Cannabis terapeutica, Costa: “Presto prodotta anche da privati”
Cronaca / Nasce Kebhouze, la nuova catena di kebab di Gianluca Vacchi
Cronaca / Il 3 dicembre la Convention “Il Mondo Nuovo – La Ripartenza”. La presidente della Fondazione Guido Carli: “Viviamo un nuovo inizio”
Cronaca / No Green pass, manifestante aggredisce una dottoressa sulla metro: colpita da una testata
Cronaca / Migranti, allarme di Alarm Phone: “68 persone in pericolo, molti sono bambini”