Covid ultime 24h
casi +25.853
deceduti +722
tamponi +230.007
terapie intensive +32

Emilio Fede scarica Paolo Brosio dopo le frasi sul Covid al Gf Vip: “Taccia e si ritiri a Medjugorje”

"Non diamo retta a quello che Brosio ha detto sulla malattia, cerca solo visibilità. Chi ha una cultura e ha studiato, e noi giornalisti in particolare, non possiamo dare spazio a queste affermazioni": il “papà” giornalistico del concorrente del reality di Canale 5, prende le distanze dalle controverse affermazioni sul Coronavirus fatte nei giorni scorsi dal suo ex pupillo sul set del "Grande Fratello Vip"

Di Franco Bagnasco
Pubblicato il 2 Nov. 2020 alle 11:11 Aggiornato il 2 Nov. 2020 alle 11:34
127
Immagine di copertina

Emilio Fede scarica Paolo Brosio dopo le frasi sul Covid al Gf Vip

“Sono a Napoli e non metto il naso fuori di casa. Di giorno sto da mia moglie e di notte dormo in albergo. Vivo al massimo l’allarme che c’è, e lo rispetto. Sento la paura, vera, della gente. Lasciamo perdere le sparate di Paolo Brosio, che conosco bene e del quale non mi fido neanche un po’”. Emilio Fede, il “papà” giornalistico del concorrente del reality di Canale 5, prende fortemente le distanze dalle controverse affermazioni su Covid-19 e dintorni fatte nei giorni scorsi dal suo ex pupillo sul set del “Grande Fratello Vip”. Se non è una scomunica, poco ci manca.

Buongiorno Fede, innanzitutto come sta?
Sto come stiamo un po’ tutti, mi sa. Sono a Napoli, vorrei andare a Milano, ma non posso. Sentivo ora di un ragazzo, 35 anni, febbre altissima, morto di colpo per via di questo maledetto virus.
Ha visto e sentito Paolo Brosio al “Grande Fratello Vip”?
In parte me lo sono risparmiato, in parte non lo condivido, in parte ha tradito quella storia bella, interessante, curiosa che io ho creato attorno a lui.

Doveva entrare subito nel cast del reality, poi è rimasto bloccato in quanto contagiato. E l’altra sera, appena entrato nella Casa, ha lanciato dubbi e sospetti sui tamponi e altro… Lascia intendere che ci sia qualcosa che non quadri.
Ci vuole indifferenza. L’ho cresciuto e l’ho portato da zero fin dove ho potuto; poi si è lanciato sulla volontà di Medjugorje; quando il Papa ha detto quel che ha detto su quella Madonna, allora ha fatto marcia indietro. Gli voglio bene come si può voler bene a un nipote stralunato, ma me lo lasci dire: ci mancava solo il Brosio virologo.

A quanto dice si sarebbe spruzzato anche uno spray con propoli e alcol per falsare il tampone e poter entrare finalmente nel reality…
Io ho l’impressione che lui non abbia mai capito chi fosse e che cosa volesse. Certe strade le ha percorse senza badare a nessuna logica. Lo conobbi quando si presentò all’epoca della Guerra nel Golfo, poi lo utilizzai davanti al Tribunale di Milano per Mani pulite, poi è passato alle preghiere. Poi si è sposato, e sono stato suo testimone di nozze, per fortuna poi fallite. Troppe strade, inseguendo che cosa? Una popolarità che non serve a niente. Ora la gente ha preoccupazioni serie: non puoi mettere in discussione tutto quel che riguarda il Paese, la Sanità, la salute, le vittime. Gli darei un mite consiglio: Paolo, fatti una vacanza a Medjugorje, infilati una tonaca e resta lì in meditazione per due mesi. Ti considero un nipote stravagante, non sei credibile.

Pollice verso, insomma.
C’è preoccupazione, dolore, paura nella gente. Ci mancano solo le dichiarazioni di Paolo Brosio. Lo conosco fin troppo bene: è passato dalla santificazione ai viaggi della salute e della speranza. Non facciamo cattiva informazione su questo virus che è reale e fa paura. Speriamo che il Paese ne esca.
Perché ha fatto queste dichiarazioni, secondo lei?
Già, cui prodest? Chi glielo fa fare? È la ricerca a tutti i costi di non sparire dalle pagine dei giornali. Farsi notare e non sparire. Ha fatto di tutto; ora faccia il bravo, taccia e lasci perdere la malattia, i poveri, un Paese che a volte fatica a curarsi.

Ha detto anche che chi ha una carica virale bassa può circolare liberamente senza far danni, ma è appurato che gli asintomatici che circolano sono un forte veicolo di diffusione della pandemia.
Chi ha una cultura e ha studiato, e noi giornalisti in particolare, non possiamo dare spazio a queste affermazioni. Visto che si è fatto portavoce della Madonna, ci saranno persone che pensano sia vero quel che dice. E ciò è pericoloso: non diamogli retta: dice cose che lasciano il tempo che trovano. Preoccupiamoci magari di più di questo Governo che mi pare non abbia dato molti segni di solidità nel prendere le decisioni.

Leggi anche: 1. Il terribile caso di cattiva informazione di Paolo Brosio al GF: frasi da censura sul Covid (di F. Bagnasco) 2. “Vecchi di mer*a”: il post sul Covid del medico campionessa del Milionario / 3. Diciamoci la verità, se la frase sessista di Daniela Collu l’avesse detta un uomo sarebbe scoppiato il putiferio

127
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.