Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:51
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli

Diciamoci la verità, se la frase sessista di Daniela Collu l’avesse detta un uomo sarebbe scoppiato il putiferio

A questo punto la domanda è: quando la frase sessista è lei a indirizzarla a lui, va bene tutto? Se l’uomo si comporta come non dovrebbe, distillando ineleganza e allusioni sessuali, partono indicibili strali; ma se lo fa una signora, questo comportamento deve passare in cavalleria?

Molti hanno notato e criticato una pagina piuttosto infelice di televisione andata in onda ieri notte su Sky a “Hot Factor“, la nuova appendice ai live di “X-Factor“, condotta da Daniela Collu, volto già collaudato della rete. Il talent vede quest’anno in giuria Manuel Agnelli, Mika, Emma Marrone ed Hell Raton, rapper e produttore musicale trentenne che all’anagrafe è registrato come Manuel Zappadu.

Durante la discussione e i commenti relativi al primo appuntamento con la diretta condotta da Alessandro Cattelan, a un certo punto Hell Raton risponde a una domanda della presentatrice rilevando: “Così però vuoi mettere in una posizione scomoda, anche a noi”. Risposta della Collu, visibilmente compiaciuta: “Io non dico posizioni in cui ti vorrei mettere, Manuelito“. L’interessato scoppia in una risata. Avrà gradito oppure si sarà sentito a disagio abbozzando una reazione di questo tipo a un’uscita senza dubbio infelice? Non è questo il punto.

Si tratta di una frase che avrebbe potuto pronunciare il compianto Bombolo in un B-Movie degli Anni 70 (“Tsè tsè, bella mia non te de dico adesso in che posizione te vorrei métte io… Tsè tsè”, provate a immaginarlo) oppure Christian De Sica e Massimo Boldi in un cinepanettone Anni 80. Ingrifamento della conduttrice a parte (reale o per amor di battuta), siamo di fronte a qualcosa di sconveniente, che il web ha rilevato, segnalandocelo. Qualcosa che si dovrebbe evitare accuratamente. A meno che non si siano ribaltate le cose rispetto al passato e il politicamente corretto non sia da interpretare a questo punto solo a senso unico, ma nella direzione femminile. Della serie: per anni noi donne abbiamo combattuto per evitare di farci dire dagli uomini frasi del genere, ma ora che è arrivato il momento della nostra rivincita, non ci facciamo scrupoli a comportarci allo stesso modo.

Giusto la scorsa settimana Mario Balotelli, ospite del “Grande Fratello Vip” è stato (giustamente) tritato dai media per una frase molto pesante a sfondo sessuale detta con intenzioni ironiche alla bella Dayane Mello, con la quale si presume abbia avuto frequentazioni. Frase che in un primo tempo non è stata censurata neppure dal conduttore Alfonso Signorini, che ha attribuito poi la colpa dell’omissione alla sua sordità. Rivolgendosi in modo un po’ piccato ai “leoni e leonesse da tastiera” che l’avevano criticato per omissione di intervento.

Noi di TPI abbiamo chiesto a Daniela Collu un commento a proposito della sua frase di ieri sera, ma ha scelto di non parlare. La 38enne conduttrice-autrice romana, che nelle note di testa del sul profilo Twitter cita Lucio Dalla e scrive con ironia: “Non so se hai presente una puttana ottimista e di sinistra”, ha come “nome d’arte” e nickname social “Stazzitta”. E in effetti ora mantiene fede alla promessa. L’avesse fatto anche ieri sera, forse ne avremmo guadagnato tutti. Lei per prima. A meno che il titolo del programma, “Hot Factor”, non sia da prendere alla lettera. Ma a quel punto come conduttrice avrebbe dato maggiori garanzie Maurizia Paradiso.

Leggi anche: 1. Il vergognoso sessismo di sua maestà l’intoccabile Mario Balotelli al GfVip

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Crisi di governo, battaglia sugli sbarchi e mojito: la prevedibile estate di Salvini per inseguire la Meloni (di G. Cavalli)
Cronaca / Il Cavalier Condorelli, il Cavalier Berlusconi e l'omertà istituzionale (di A. Di Battista)
Opinioni / La cancel culture esiste ed è un problema, Biancaneve o meno
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Crisi di governo, battaglia sugli sbarchi e mojito: la prevedibile estate di Salvini per inseguire la Meloni (di G. Cavalli)
Cronaca / Il Cavalier Condorelli, il Cavalier Berlusconi e l'omertà istituzionale (di A. Di Battista)
Opinioni / La cancel culture esiste ed è un problema, Biancaneve o meno
Discutiamo! / La sinistra deve guidare la battaglia per ridare dignità al mondo del lavoro in Europa (di H. Bierbaum)
Opinioni / Sempre più polarizzati: nel mondo non c'è spazio per le sfumature
Opinioni / Biden dalla parte dei più deboli: stop ai brevetti e tasse alle multinazionali
Opinioni / Demurtas, l’avvocato-pastore (che ha letto Gramsci) e il caos dentro il Movimento “Cinque teste”
Opinioni / Pio e Amedeo, gli arroganti dell’ignoranza: la videolettera di Riccardo Bocca
Opinioni / Caro Conte, anche tu hai tenuto i porti chiusi (di G. Cavalli)
Opinioni / Perché Pio e Amedeo non sono neppure un’unghia di Checco Zalone (di S. Lucarelli)