Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli

“C’è Benigni”: l’attore chiede alla Rai un compenso di 200 mila euro per lo speciale a lui dedicato

Immagine di copertina

Dopo le polemiche su Beppe Grillo eccole arrivare anche per Roberto Benigni. Circostanza simile e soggetto diverso: le critiche sollevate anche questa volta, infatti, ruotano intorno al nuovo format antologico di Carlo Freccero ideato per raccontare alcuni personaggi noti del cinema e della tv.

LEGGI ANCHE: Quando costa il ritorno di Grillo in Rai

Se i 30 mila euro di diritti che la Rai avrebbe dovuto sborsare per il garante del Movimento 5 stelle dopo la puntata di “C’è Grillo” aveva fatto discutere, figuriamoci la richiesta da parte di Benigni di 200 mila euro per la messa in onda di “C’è Benigni” nella serata di lunedì 4 febbraio.

Secondo quanto riportato da Il Fatto Quotidiano, infatti, l’attore avrebbe chiesto un compenso decisamente esoso per le tasche dell’azienda pubblica per la puntata che Rai 2 gli ha dedicato.

Stando alle informazioni contenute nell’articolo di Gianluca Roselli pubblicato sul quotidiano diretto da Marco Travaglio, la puntata di  “C’è Benigni” sarebbe finora la più costosa per la Rai; molto di più, almeno, di quanto l’azienda ha invece versato per i diritti relativamente alle altre puntate del format che hanno visto protagonisti Adriano Celentano e il comico Beppe Grillo.

La richiesta di Benigni sarebbe giunta tramite il suo manager Lucio Presta.

Con la Rai si sarebbe quindi aperta una trattativa e si sarebbe giunti ad un accordo tra i 100 mila e i 150 mila euro; certo, a fronte della richiesta dell’attore di 200 mila euro la Rai è riuscita ad ottenere uno “sconto”, ma rimane comunque un compenso alto se si considera che sono andate in onda solo immagini di repertorio.

Ma perché una richiesta tanto esosa? A spiegarlo è sempre il Fatto Quotidiano, la cui spiegazione è relativa all’acquisto, da parte di Benigni, dei diritti d’immagine di tutte le sue performance televisive (comprese quelle realizzate e trasmesse per la Rai). Tale acquisto è stato fatto tramite la società di cui Benigni è proprietario con la moglie Nicoletta Braschi, la Melampo cinematografica.

Ti potrebbe interessare
TV / Ascolti tv lunedì 21 giugno: Finlandia-Belgio, Mr Wrong, Report
Costume / Khaby è l'italiano più seguito su Instagram (superata Chiara Ferragni): "Ma non ho ancora la cittadinanza"
Spettacoli / Madame dopo le polemiche: “La foto l’ho fatta, quel tweet errore mio, ma è questione di rispetto”
Ti potrebbe interessare
TV / Ascolti tv lunedì 21 giugno: Finlandia-Belgio, Mr Wrong, Report
Costume / Khaby è l'italiano più seguito su Instagram (superata Chiara Ferragni): "Ma non ho ancora la cittadinanza"
Spettacoli / Madame dopo le polemiche: “La foto l’ho fatta, quel tweet errore mio, ma è questione di rispetto”
TV / Alfredino – Una storia italiana: la trama della miniserie Sky
TV / Alfredino – Una storia italiana streaming e diretta tv: dove vedere la miniserie Sky
TV / Alfredino – Una storia italiana: quante puntate, durata e quando finisce
TV / Mr Wrong – Lezioni d’amore: la trama e le anticipazioni degli episodi di stasera, 21 giugno
TV / Alfredino – Una storia italiana: il cast della miniserie Sky su Vermicino
TV / Alfredino – Una storia italiana: la miniserie Sky sulla tragedia di Vermicino
TV / Report: le anticipazioni della puntata di stasera, 21 giugno 2021, su Rai 3