Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Borrelli dà i numeri (e sbaglia). Meglio tacere

Immagine di copertina
Credit: Fucecchi

Borrelli dà i numeri (e sbaglia). Meglio tacere (di Luca Telese)

Quando potremo uscire di nuovo? Quando riapre l’Italia? Angelo Borrelli non perde occasione di far danni su un tema delicato come la cosiddetta “fase due”. Tutto possiamo accettare, infatti, tranne un capo della Protezione civile che dà i numeri, e poi se li rimangia.

Intanto perché di questo tema – la riapertura – non ne deve parlare lui: non è il suo ruolo, non è il suo compito, non ha titolo per farlo. La decisione ultima sulla riapertura spetta alla politica, quindi al presidente del Consiglio, e lui casomai è chiamato ad eseguire. Soprattutto in un clima istituzionale già delicato, in cui il Parlamento viene troppo spesso saltato, questa non è materia per un funzionario che, preso dall’ebrezza del presenzialismo, pur parlando in diretta nazionale, se ne va ad esternare nei programmi radio della mattina.

Ma poi – di certo – di un tema tanto delicato non si parla in questi termini, affastellando messaggi vaghi, confusi e addirittura contraddittori. Borrelli, riferendosi alla riapertura ha parlato di 1 maggio, poi del 16, in serata la Protezione civile si è corretta di nuovo a mezzo comunicato stampa, “Le mie parole sono state male interpretate”. Il che porta a credere che la prima data gli sia sfuggita per imperizia, e che poi abbia provato a mettere delle toppe tardive. Forse la molla della vanità per Borrelli è stata fatale. Non è un mistero che l’attuale capo della protezione Civile appartenga alla casta dei burocrati miracolati dal fato.

Nominato dopo due personalità di caratura massima come Gabrielli e Bertolaso, infatti, risucchiato per cooptazione nel vuoto, scelto da un rabdomante rovesciato di carismi come Paolo Gentiloni, Borrelli è un traver di successo, un uomo dal curriculum oscuro e (nell’auto-narrazione) evidentemente vanaglorioso, malgrado il suo sfavillante grigiore di gregario. Abbiamo già raccontato su questi sito lo spettacolo delle sue conferenze stampa, sempre piene di domande senza risposta e di perifrasi avvitate su se stesse, per non dire nulla. E abbiamo già scritto del suo errore clamoroso nell’intervista a La Repubblica, quando Borrelli stabilì il curioso record di smentire se stesso: l’uomo dei numeri che spiega come i suoi numeri non siano attendibili. Un genio. Adesso il capo della Protezione vuol dare anche le date, lo fa alla sua maniera, forse come certi miracolati tardivi che perdono il controllo di fronte alla febbre della notorietà. Non sarebbe male tacere.

Leggi anche:

1. Esclusivo TPI: “Cari italiani non illudetevi, la solidarietà della Cina è solo propaganda per esercitare un’influenza politica”. Parla Joshua Wong, leader delle proteste di Hong Kong / 2. Uno scudo penale per il Coronavirus: nel decreto Cura Italia spunta l’emendamento PD per sanare le responsabilità politiche / 3. Perché il vero numero dei guariti potrebbe essere più basso di quello “ufficiale”

4. Coronavirus, l’Iss: “Il Covid-19 può ripartire in autunno” / 5. “Devo andare dalle mie tre amanti”: le scuse di chi ha violato il divieto di uscire ai tempi del Coronavirus / 6. Il matrimonio salta ma lo celebra il figlio in casa: “Non potevamo far passare questo giorno così”

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Femminicidio nel torinese: anziano uccide moglie a bastonate
Cronaca / Chiede di spostare l’auto per uscire dal parcheggio: 55enne picchiato violentemente da 5 giovani
Cronaca / Aumento dei costi, emergenza cinghiali e siccità: la sopravvivenza dell’agricoltura è sempre più a rischio
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Femminicidio nel torinese: anziano uccide moglie a bastonate
Cronaca / Chiede di spostare l’auto per uscire dal parcheggio: 55enne picchiato violentemente da 5 giovani
Cronaca / Aumento dei costi, emergenza cinghiali e siccità: la sopravvivenza dell’agricoltura è sempre più a rischio
Cronaca / Frane in Val d’Aosta, Courmayeur senza acqua: “Danni importanti all’acquedotto”
Cronaca / Terracina, bambino di 12 anni muore investito sulle strisce pedonali. Il conducente positivo al test antidroga
Cronaca / Bus diretto a Medjugorje esce di strada: morte 12 persone
Cronaca / Abusi sul figlio disabile di 7 anni, arrestata la madre: incastrata da un audio scoperto dal marito
Cronaca / Jovanotti difende il Jova Beach Party: "Contro di me gli eco-nazisti"
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Cronaca / Esodo estivo, sabato traffico da bollino nero e stop ai tir