Coronavirus, l’Iss: “Il Covid-19 può ripartire in autunno”

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 2 Apr. 2020 alle 14:34
533
Immagine di copertina
Cartelloni Credits: Ansa

Esiste il rischio che il Coronavirus possa tornare con una seconda ondata questo autunno. A lanciare l’allarme, invitando così tutti a mantenere alto il livello di guardia, è Giovanni Rezza, il responsabile delle malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità.

“Quando l’Italia potrà riaprire bisognerà comunque mantenere il distanziamento sociale tra le persone. E andrà messo in piedi un programma di individuazione rapida di eventuali casi”, spiega l’esperto.

Questo perché il nemico Coronavirus non cesserà di esistere del tutto. Rezza, infatti, sottolinea quello che è un aspetto importante, per non dire decisivo del Covid-19: “Circolerà tra la popolazione fino al momento in cui non si creerà un’immunità di gregge. Per questa ragione rischiamo continua reintroduzioni perché persisterà nella popolazione e dobbiamo essere attenti a intercettare eventuali focolai. Forse d’estate si trasmetterà di meno, ma in autunno ci sarà il rischio che riparta. Ci vuole una strategia”.

E in cosa può consistere questa strategia coordinata per prevenire un ritorno, magari pure con rinnovata forza della pandemia di Coronavirus? Il membro dell’Iss fa la sua proposta:”Se abbattiamo finalmente la trasmissione, poi dobbiamo evitare che tutto riparta. Dico che vanno intercettati i casi grazie ai medici di famiglia e ai dipartimenti di prevenzione delle Asl, e messi subito in quarantena”.

Insomma, bisogna fare di tutto e di più onde evitare che il virus torni a diffondersi dopo l’autunno e soprattutto ora: è infatti prioritario scongiurare ricadute che rischierebbero di mandare definitivamente in tilt il Sistema sanitario nazionale, già allo stremo delle forze. Motivo per il quale, sotto questo versante, Rezza “benedice” la tecnologia e l’utilizzo di alcune app per il tracciamento delle persone: “Questo è uno strumento importante, perché aiuta a capire dove sono le persone, così da intercettare contatti a rischio. Si sta lavorando per individuare la soluzione migliore. E per evitare il rischio di doversi trovare costretti a chiudere tutto, di nuovo”.

Il responsabile dell’Iss torna dunque ad evidenziare l’importanza e gli effetti positivi del distanziamento sociale: “La riapertura del Paese dovrà essere scaglionato. Adesso abbiamo lo schermo protettivo del distanziamento sociale, ma se lo interrompiamo all’improvviso, e non gradualmente, aumenta la possibilità che il cCronavirus ritorni…”.

Leggi anche:

1. ESCLUSIVO TPI: “Tamponi, tracciamento digitale e niente lockdown: così abbiamo contenuto il Coronavirus”. Il ministero della Salute della Corea del Sud spiega il modello coreano 2. Coronavirus, cos’è successo a febbraio in quella clinica di Piacenza? La vera storia di un boom di contagi (di S.Lucarelli)

3.ESCLUSIVO TPI: Una nota riservata dell’Iss rivela che il 2 marzo era stata chiesta la chiusura di Alzano Lombardo e Nembro. Cronaca di un’epidemia annunciata 4. Coronavirus, l’Italia in balia della propaganda cinese: tra bot, stampa connivente e fake news

5. Mancata zona rossa nella bergamasca: storia di un contagio intercontinentale, da Alzano Lombardo a Cuba, passando per Madrid 6. Il virus ha travolto le nostre certezze, ma la comunità può salvarci dalla tempesta: la lezione di Papa Francesco

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

533
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.