Coronavirus, in Australia positivi i primi test del vaccino sull’uomo: “Genera risposta immunitaria”

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 31 Lug. 2020 alle 13:03
47
Immagine di copertina

Coronavirus, in Australia positivi i primi test del vaccino sull’uomo

Non c’è solo l’ormai celebre vaccino di Oxford tra le speranze dell’uomo di riuscire a vincere la lotta contro il Coronavirus: anche i medici e i ricercatori di altri istituti in giro per il mondo stanno cercando di mettere a punto un siero che possa permettere di sviluppare gli anticorpi necessari a non contagiarsi più. Tra questi, c’è anche il vaccino Covax 19, messo a punto in Australia, che nei test di Fase 1 ha dimostrato di essere sicuro e di generare una risposta immunitaria. Si tratta del primo siero a superare la Fase 1 della sperimentazione nel Paese: è stato somministrato a 40 volontari sani, nessuno dei quali ha riportato effetti collaterali significativi o febbre.

A sviluppare il vaccino australiano è l’Università Flinders di Adelaide. Nikolai Petrovsky, direttore di Endocrinologia del Flinders Medical Centre, ha comunicato i risultati definitivi dello studio – non ancora pubblicato – e ha dichiarato che i dati relativi alla sicurezza dei test di Fase 1 sono stati approvati dal comitato etico del Centro, che ha autorizzato ulteriori test su volontari, tra cui anziani, bambini e malati di tumore. “Abbiamo confermato che il vaccino Covax 19 può indurre risposte appropriate di anticorpi in soggetti umani. I dati preliminari sulla sicurezza mostrano che non vi sono significativi effetti collaterali sistemici in alcuno dei soggetti”, ha detto Petrovsky al quotidiano The Australian.

La Fase 2 della sperimentazione del vaccino contro il Coronavirus coinvolgerà circa 500 volontari e inizierà a settembre. La ditta di biotecnologia Vaxine, di cui Petrovsky è il fondatore, sta già lavorando anche con altri Paesi per avviare la Fase 3, coinvolgendo fino a 50mila volontari, soprattutto nei luoghi più colpiti dal Covid-19. Petrovsky ha fatto sapere che il suo desiderio sarebbe quello di dare accesso prioritario al vaccino ai residenti di case di riposo a rischio di contrarre il virus.

Leggi anche:

1. Lombardia: la Finanza ha trovato i 25mila camici non consegnati nella sede della Dama, l’azienda del cognato di Fontana / 2. Documenti del CTS, il governo non vuole renderli pubblici e fa ricorso contro il Tar. TPI chiede di vederli da mesi / 3. Intervista a Fauci: “L’Italia è un modello ma fate attenzione, il virus può tornare soprattutto al nord col freddo. Vaccino? A inizio 2021”

4. Negazionisti del Covid, c’era anche Cassese al convegno: “Le polemiche? Il trattato di Voltaire sulla tolleranza è del 1763” / 5. Caso camici in Lombardia, le incongruenze di Fontana: il conto in Svizzera non era “dormiente” / 6. Stato d’emergenza, il governo proroga fino al 15 ottobre: cosa cambia per i cittadini / 7. Coronavirus, nuove linee guida per la ripartenza: ok a discoteche, eventi e fiere

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

47
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.