Coronavirus in Italia, ultime notizie. Oggi 379 nuovi casi e 9 morti, in otto regioni indice Rt sopra 1. I treni ad alta velocità tolgono il distanziamento sociale, l’ira del Cts

Di Enrico Mingori
Pubblicato il 31 Lug. 2020 alle 07:16 Aggiornato il 31 Lug. 2020 alle 21:16
16
Immagine di copertina
Credits: ANSA/FILIPPO VENEZIA

Coronavirus in Italia, le ultime notizie di oggi

CORONAVIRUS ITALIA ULTIME NOTIZIE – La pandemia di Coronavirus in Italia ha contagiato finora 247.537 persone, provocando 35.141 morti. La curva epidemica è in ribasso rispetto al picco raggiunto tra marzo e aprile, ma il Covid-19 continua a registrare numeri crescenti in altre parti del mondo, in primis Usa e Brasile (qui le ultime notizie sul Covid-19 nel mondo). Di seguito le ultime notizie dall’Italia sul Coronavirus di oggi, venerdì 31 luglio 2020, aggiornate in tempo reale.

Ore 19,50 – Anche sui mezzi pubblici della Lombardia ok al 100% dei posti occupati – Da domani anche sui mezzi pubblici della Lombardia sarà consentito occupare il 100% dei posti a sedere (e il 50% dei posti in piedi). Lo prevede una ordinanza della Regione, in vigore fino al 10 settembre. Il provvedimento vale per metropolitana, bus, tram e treni regionali.

Ore 19,20 – I treni ad alta velocità tolgono il distanziamento sociale, l’ira del Cts – Niente più distanziamento sociale sui treni a lunga percorrenza Frecciargento e Frecciarossa di Trenitalia e sui treni Italo. Le compagnie ferroviarie hanno annunciato che da oggi si potrà viaggiare sui loro mezzi occupando il 100% dei posti a sedere. Questo perché sarebbero soddisfatte tutte le condizioni previste dal Dpcm del 14 luglio: misurazione della temperatura prima della partenza, autocertificazione da parte dei passeggeri di non aver avuto contatti con persone contagiate da Covid-19 e obbligo di mascherina. La notizia è stata accolta con irritazione dal Comitato tecnico scientifico, che esprime “molta preoccupazione”.

Ore 18,40 – Report ministero-Iss: in otto regioni indice Rt sopra 1 – Sono otto le regioni italiane in cui l’indice di contagio Rt è superiore a 1. La scorsa settimana erano sei. Stando all’ultimo report di ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità, superano la soglia di attenzione in particolare la Campania (che sale da 0,8 a 1,42) e la Sicilia (da 0,88 a 1,55), oltre alle Province autonome di Bolzano (da 0,57 a 1,07) e Trento (da 0,38 a 1,34). Rimangono sopra 1 il Veneto (che cresce da 1,18 a 1,66, il valore più alto in questa rilevazione), l’Emilia Romagna (da 1,14 a 1,08), il Lazio (invariato a 1,04) e la Liguria (da 1,06 a 1,25). Tornano lievemente sotto 1 la Lombardia (0,96) e il Piemonte (0,87). A zero la Calabria e la Valle d’Aosta.

Ore 17,45 – Il bollettino: 379 nuovi casi e 9 morti – Secondo il bollettino odierno diffuso da Protezione Civile e ministero della Salute, le persone attualmente positive al Coronavirus in italia sono 12.442 (+212 rispetto ieri). Nelle ultime 24 ore si sono registrati 379 nuovi casi, portando così il totale dei contagi da inizio pandemia a quota 247.537. Tra ieri e oggi si segnalano 9 morti: il totale delle vittime in Italia sale quindi a 35.141. I guariti sono 199.974 (+178 rispetto a ieri). Qui il bollettino completo.

Ore 16,30 – Verbali Cts, il Consiglio di Stato sospende la sentenza del Tar – Il Consiglio di Stato ha sospeso in via cautelare l’effetto della sentenza del Tar del Lazio che il 23 luglio scorso ha dato il via libera all’accesso ai verbali del Comitato tecnico scientifico (Cts) sull’emergenza Coronavirus. La sospensione disposta dal Consiglio di Stato arriv dopo che l’esecutivo ha fatto ricorso contro la sentenza del Tar, che aveva accolto la richiesta di accesso agli atti presentata dalla Fondazione Einaudi. I documenti del Cts – tra cui ci sono gli atti relativi all’imposizione del lockdown in Italia e alla mancata istituzione della zona rossa ad Alzano Lombardo e Nembro, in provincia di Bergamo – restano così coperti da segreto. Leggi la notizia completa.

Ore 15,00 – Puglia, contagiato bimbo di 4 mesi – Tra i contagiati dal Coronavirus in Puglia c’è anche un bimbo di 4 mesi che, per disposizione dell’Asl, è già in isolamento insieme con i suoi genitori anch’essi positivi. “Il caso del bambino di 4 mesi – spiega Vito Montanaro, direttore del Dipartimento Promozione della salute della Regione Puglia – è relativo all’esito di un tampone effettuato a carico di un nucleo familiare già in isolamento domiciliare, in quanto entrato in contatto stretto con un caso positivo Covid. Allo stato il piccolo non presenta sintomi di rilievo e i suoi genitori sono risultati negativi al test. Il nucleo familiare può contare sul supporto della Asl che segue l’evolversi della situazione continuando il lavoro di sorveglianza sanitaria. La stessa attenzione da parte dei dipartimenti di prevenzione è costante su tutto il territorio regionale sia per quanto riguarda la sorveglianza attiva sia per l’attività di tracciamento dei contatti stretti per evitare il propagarsi dell’infezione”.

Ore 13,20 – Palermo, turista con la febbre scappa dall’albergo: trovato, è negativo – Non è risultato contagiato il turista americano che, con febbre a 38, ieri era scappato da un albergo del centro quando è arrivato il personale dell’Azienda ospedaliera siciliana. Trovato dai carabinieri è stato sottoposto a tampone risultato negativo. Due giovani commesse di Palermo sono invece risultate positive al Coronavirus. Nel primo caso una 26enne si è presentata autonomamente all’ospedale “Cervello” per sintomi sospetti; l’altra, una collega, è stata tracciata grazie al contact tracing.

Ore 12,30 – Il bollettino dello Spallanzani di Roma – “In questo momento sono ricoverati presso il nostro Istituto 59 pazienti. Di questi, 48 sono positivi al tampone per la ricerca di Sars-CoV-2 e 11 sono sottoposti ad indagini”. Così si legge nel bollettino medico diramato oggi dallo Spallanzani. L’ospedale romano precisa che “2 pazienti necessitano di terapia intensiva” e che “i pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali sono a questa mattina 551”.

Ore 11,30 – Sabaudia, bagnino positivo: si cercano i suoi contatti – Un bagnino in servizio sulla spiaggia di Sabaudia è risultato positivo al Coronavirus: l’esito del tampone è arrivato ieri sera. Il bagnino era a casa da qualche giorno con la febbre: si è sottoposto ai test per il Covid-19 dopo aver riscontrato sintomi riconducibili alla malattia. Arrivato l’esito del tampone, l’assistente bagnante dovrà restare in quarantena fino a completa guarigione e comunque, fino a nuovo esito negativo. La Asl di Latina, come da prassi, ha avviato l’indagine epidemiologica e sta risalendo ai suoi contatti, per sottoporli a test e ad isolamento.

Ore 10,10 – Istat: Pil italiano crolla del 12,4% nel secondo trimestre – Il Pil italiano nel secondo trimestre del 2020 ha fatto registrare il valore più basso dal primo trimestre 1995, periodo che combacia con l’inizio dell’attuale serie storica: un calo del 12,4% congiunturale (cioè rispetto al primo trimestre) e del 17,3% in termini tendenziali (cioè rispetto al secondo trimestre del 2019). Lo rileva l’Istat

Ore 07,15 – Roma, test sierologici anche in stazione bus di Anagnina – Sono iniziati i  test per chi arriva dalla Romania, Bulgaria e Ucraina presso il terminal dei bus di Tiburtina e presto inizieranno i test di sieroprevalenza anche presso la stazione dei bus di Anagnina (Asl Roma 2). Lo rende noto l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. Per coloro che sono giunti a Roma da questi Paesi con mezzi propri o con altri vettori, da domani sarà disponibile, inoltre, il drive-in del Forlanini (piazza Carlo Forlanini – Asl Roma 3)”, aggiunge D’Amato osservando che “questa è una misura di potenziamento per aumentare i livelli di prevenzione assieme all’istituto della quarantena. E’ una modalità che abbiamo già sperimentato con altre comunità di stranieri presenti a Roma e che ha dato buoni risultati. L’obiettivo primario rimane quello di difendere Roma e il Lazio”.

Ore 06,30 – Marche, 45 giorni senza vittime – Quello di ieri è il quarantacinquesimo giorno consecutivo senza vittime nelle Marche: lo si apprende dal terzo e ultimo bollettino quotidiano del Gores, il gruppo operativo regionale che coordina l’emergenza sanitaria. Dall’inizio della crisi pandemica, le vittime restano 987, 50 delle quali senza malattie pregresse: 589 uomini e 398 donne, con un’età media di 80 anni e mezzo. In provincia di Pesaro-Urbino sono morte finora 523 persone, in provincia di Ancona 214, in quella di Macerata 164, 65 nel Fermano e 13 nel Piceno; nel bilancio dei morti per il ‘Covid-19’ ci sono anche 8 persone che non risiedevano nelle Marche.

CORONAVIRUS ITALIA – COSA È SUCCESSO IERI

Il bollettino della Protezione civile del 30 luglio – Secondo il bollettino della Protezione civile, al 30 luglio risultano essere 12.230 le persone attualmente positive (-386 rispetto al giorno precedente), mentre sono 199.796 i guariti (+765) e 35.132 morti (+3) per un totale di 247.158 casi registrati finora in Italia (+386 rispetto al giorno precedente). I ricoverati con sintomi sono 748 (+17), i pazienti in isolamento domiciliare sono 11.435 (-412) e quelli in terapia intensiva sono 47 (+9).

Spallanzani, parte la sperimentazione del vaccino sull’uomo: 45 volontari – All’istituto Spallanzani di Roma inizia la sperimentazione del vaccino sull’uomo, dopo mesi di test sugli animali. Inizierà adesso una fase di reclutamento di 45 volontari. Questi i requisiti: giovani fino a 55 anni e sani. I volontari verranno divisi in tre gruppi, con una somministrazione che avverrà secondo un ciclo di 2,7,15 e 30 giorni per i primi tre pazienti, poi con gli altri 12 di ogni gruppo. Se i test andranno bene e non ci saranno complicazioni, si convocherà un secondo gruppo di volontari, stavolta di età compresa tra 65 e 75 anni. Obiettivo è scoprire la quantità minima di vaccino capace di sviluppare anticorpi. Ad annunciare la nuova fase della sperimentazione è stato il direttore generale dello Spallanzani, Marta Branca, intervistato da Repubblica.

Speranza: “Europa preoccupa, priorità è difesa del Paese” – “In questi mesi siamo riusciti a piegare la curva del contagio, grazie soprattutto ai comportamenti virtuosi degli italiani e a misure molto dure adottate dal governo e dalle regioni. Siamo fuori dalla tempesta ma non siamo ancora in un porto sicuro, e intanto la situazione internazionale è purtroppo sempre più complicata. E purtroppo anche nella nostra Europa, soprattutto nei Balcani, ma ahimè vediamo negli ultimi giorni segnali non positivi anche da Francia, Spagna e Germania”. Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza, intervenendo al question time al Senato sulla questione dei ricongiungimenti delle famiglie binazionali. “In questo contesto – ha spiegato – sono stato costretto a firmare ordinanze molto stringenti anche nei confronti di due paesi europei, Romania e Bulgaria, scelte dolorose ma indispensabili per difendere il nostro paese e non vanificare i sacrifici enormi che gli italiani hanno compiuto finora. Il tema mi sta particolarmente a cuore, fa parte di diritti costituzionali riconosciuti nel nostro paese, ma la priorità assoluta in questo momento è tenere la curva epidemiologica sotto controllo”.

Leggi anche: 1. Documenti del CTS, il governo non vuole renderli pubblici e fa ricorso contro il Tar. TPI chiede di vederli da mesi / 2. Altro che patentino no-Covid, vi racconto il mio arrivo in Sardegna senza alcun controllo / 3. Coronavirus, nuove linee guida per la ripartenza: ok a discoteche, eventi e fiere

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

16
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.