Covid ultime 24h
casi +31.084
deceduti +199
tamponi +215.085
terapie intensive +95

Coronavirus, ultime notizie dal mondo. India, altri 86mila casi: totale a 5,8 milioni. Oms: “Senza azione comune, probabili 2 milioni di morti”

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 25 Set. 2020 alle 07:24 Aggiornato il 25 Set. 2020 alle 20:32
0
Immagine di copertina
Credits: Ansa

Coronavirus, ultime notizie dal mondo: tutte le news in tempo reale

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE – Sono oltre 31 milioni i casi di Coronavirus finora accertati nel mondo: la pandemia ha provocato fin qui più di 962mila morti. Qui le ultime notizie sul Covid-19 in Italia. Di seguito le ultime notizie dal mondo sul Coronavirus di oggi, venerdì 25 settembre 2020, aggiornate in tempo reale.

Ore 20,30 – Francia: oltre 15mila casi nelle ultime 24 ore – L’epidemia di Coronavirus non si ferma in Francia. Nelle ultime 24 ore, infatti, sono stati registrati 15.797 casi, in lieve diminuzione rispetto al giorno precedente quando sono stati rilevati 16.096 nuovi contagi.

Ore 18,50 – Oms: senza azione comune, 2 milioni di morti – Senza un’azione collettiva a livello globale, è “molto probabile” che si arrivi a due milioni di morti per Coronavirus. È l’allarme lanciato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. “La finestra dell’opportunità è adesso. Dobbiamo agire ora e dobbiamo farlo insieme per mettere fine al Covid-19” ha affermato il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Ore 18,30 – Spagna: oltre 12mila casi nelle ultime 24 ore – In Spagna sono stati registrati 12.272 nuovi casi e 114 morti causati dal nuovo Coronavirus della polmonite. I dati sull’evoluzione del virus continuano a segnare una tendenza preoccupante. Parte di questi, 4.122, sono stati confermati nelle ultime 24 ore.

Ore 17,50 – Regno Unito: nuovo record casi – Nuovo record di casi di Coronavirus nel Regno Unito: nelle ultime 24 ore sono stati registrati altri 6.974 contagi per un totale di infezioni che sale a 423.236.

Ore 14,30 – Iran, numero morti torna a livelli di agosto – Sono 207 i morti in Iran per Coronavirus nelle ultime 24 ore. Un numero che non si vedeva dal primo agosto e che porta il totale a 25.222 morti dall’inizio della pandemia. Il Paese del Golfo registra un totale di 439.882 morti per Covid-19.

Ore 13,30 – Michel, negativo a test Coronavirus: non più in quarantena – Il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, è risultato negativo al test al Covid-19 effettuato lunedì. “Il presidente non è più in quarantena e continua a preparare il Consiglio europeo straordinario dell’1 e 2 ottobre”. Lo rende noto il portavoce di Michel, Barend Leyts.

Ore 12,30 – Islanda, due francesi rifiutano quarantena. Cento contagi – In Islanda un focolaio di 100 casi di Covid-19 sarebbe stato innescato da due francesi che hanno rifiutato la quarantena, secondo quanto riporta la stampa locale. La coppia francese è  arrivata in Islanda a metà agosto e aveva avuto istruzioni di rimanere in isolamento poiché erano risultati positivi al test, ha spiegato il capo epidemiologo Borolfur Guonason. “Ho notizia che è stato difficile far loro seguire le istruzioni. Non posso davvero dire di più”.

Ore 11,25 – Studio: il 15% delle forme gravi dipende dalla genetica – La risposta che ogni paziente positivo al Coronavirus dà alla malattia varia da persona a persona, ma adesso si è scoperto che il 15 per cento delle forme più gravi di Covid-19 dipende dalla genetica e da cause e immunologiche: a dirlo uno studio, pubblicato in due articoli sulla rivista Science. Le due pubblicazioni arrivano alla conclusione che più del 10 per cento dei pazienti sani che sviluppano una forma grave di Coronavirus posseggono degli anticorpi che funzionano male, attaccando il sistema immunitario e non il virus. Poi, un altro 3,5 per cento è portatore di una mutazione genetica che predispone il proprio organismo alla forma grave della malattia. In entrambi i casi, tutto sembra dipendere da un malfunzionamento dell’interferone di tipo I, importante per la difesa contro i microbi. Qui tutti i dettagli.

Ore 10,45 – India, altri 86mila casi: totale a 5,8 milioni – L’India arriva a 5,82 milioni di casi di Covid-19, dopo averne registrati altri 86.052 nelle ultime 24 ore. Nello stesso periodo sono morte 1.141 persone, per un totale dall’inizio dell’epidemia di 92.290.

Ore 09,45 – Germania, ancora sopra i 2mila contagi al giorno – Germania ancora sopra i 2mila nuovi casi di Coronavirus. I dati dell’Istituto Robert Koch registrano 2.153 contagi e 15 morti. In totale nel Paese si registrano 280.223 casi accertati e 9.443 morti dall’inizio della pandemia.

Ore 09,15 – Volontari sani infettati per accelerare sul vaccino: il test in Gran Bretagna fa discutere – Volontari sani deliberatamente infettati con il nuovo Coronavirus per testare l’efficacia dei vaccini sperimentali anti-Covid. Secondo quanto rivela il prestigioso quotidiano Financial Times, la Gran Bretagna ha intenzione di ospitare i primi ‘Human challenge trials’. La proposta era già stata lanciata qualche mese fa, suscitando molte polemiche e riserve di natura etica. Nonostante tutto, il Governo britannico vorrebbe andare avanti e partire con la sperimentazione, per accelerare l’arrivo di vaccini efficaci. Qui tutti i dettagli.

Ore 08,20 – Brasile, Carnevale di Rio posticipato a tempo indefinito – Il carnevale più famoso del mondo, quello di Rio de Janeiro, è stato posticipato a tempo indefinito a causa del Coronavirus. Lo hanno reso noto le autorità brasiliane. L’ultima volta che il Carnevale di Rio fu rinviato era il 1912. Era morto il ministro degli esteri Jose Maria da Silva Paranhos Junior, innamorato del Carnevale tanto da aver detto che “In Brasile esistono due cose davvero organizzate: il disordine e il Carnevale”. Quando morì, fu deciso un rinvio di due mesi. Che alla fine si tradusse in un festeggiamento doppio: in febbraio e in aprile. Rio de Janeiro è stato il secondo stato colpito più duramente in Brasile, dopo San Paolo, il polo industriale del Paese. Con 18.000 persone uccise finora, se Rio fosse uno Stato, avrebbe il secondo più alto tasso di mortalità al mondo da Covid-19, con 104 morti ogni 100.000 abitanti. Rio aveva già annunciato a luglio che quest’anno avrebbe annullato i famosi festeggiamenti di Capodanno sulla spiaggia di Copacabana.

Ore 07,10 – Cina, primi due contagi asintomatici dal 20 agosto – La Cina registra i primi due casi di contagio asintomatici sviluppatisi localmente in oltre un mese. Si tratta di due operai del porto di Qingdao, nella Cina orientale, responsabili delle operazioni di scarico di prodotti ittici surgelati: la presenza del virus nei due dipendenti portuali, riferisce la Commissione Sanitaria della città portuale cinese, è stata rilevata nella sera di ieri durante un controllo di routine. I due casi rappresentano i primi pazienti asintomatici rilevati in Cina dal 20 agosto scorso – conteggiati a parte rispetto al totale giornaliero dei contagi – mentre dal 15 agosto non si registrano nel Paese infezioni sintomatiche da Covid-19. Tutti i contatti stretti dei due operatori portuali che sono stati rintracciati sono risultati negativi al tampone e sono stati sottoposti a quarantena o a osservazione centralizzata. In totale sono stati anche raccolti 1.440 campioni ambientali e dei prodotti surgelati e 51 di questi sono risultati positivi al Coronavirus.

Ore 03,00 – Francia, il premier Castex ammette: “Non ho scaricato app StopCovid” –  Il premier francese, Jean Castex, ha ammesso in un’intervista su France 2 di non aver scaricato l’applicazione di tracciamento dei contatti StopCovid, promossa proprio dal governo per contrastare la diffusione del Coronavirus. “Sì, sto spingendo i francesi a farlo, ma non l’ho fatto”, ha detto Castex, alla domanda su questo punto. Il presidente del Consiglio ha spiegato che le sue funzioni lo portano a non prendere più la metropolitana e quindi “purtroppo” a incrociare meno persone. Altri due ministri presenti in studio hanno ammesso di non avere installato l’app: Eric Dupond-Moretti, della Giustizia, e il ministro delegato incaricato alla cittadinanza, Marlène Schiappa. L’hanno scaricata invece i ministri dell’Interno, Gerald Darmanin, della Transizione Ecologica, Barbara Pompili, della Salute, Olivier Véran. “Il naufragio in diretta del primo ministro Castex simboleggia meravigliosamente l’affondamento dello Stato. Ministri che non hanno l’app StopCovid”, ha subito commentato su Twitter il deputato Sébastien Chenu, del Rassemblement national. L’applicazione StopCovid, rilasciata a giugno, dovrebbe consentire ai propri utenti di essere avvisati se hanno recentemente avuto, a meno di un metro e per più di 15 minuti, un altro utente che si è scoperto positivo al coronavirus.

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: COSA È SUCCESSO IERI

Regno Unito: nuovo incremento di casi – Nelle ultime 24 ore sono stati registrati nel Regno Unito altri 6.634 casi di Covid-19, segnando un ulteriore aumento rispetto al giorno prima quando i nuovi casi di Coronavirus sono stati 6.178.

Israele: altri 6mila casi Covid – In Israele nelle ultime 24 ore sono stati registrati altri 6.808 casi di Coronavirus e sette decessi con 1.325 morti complessivi dall’inizio dall’epidemia. Nel frattempo, davanti alla Knesset si sono radunati decine di manifestanti per protestare contro il nuovo lockdown votato nella notte dal governo e sotto esame da parte dei parlamentari, di cui si attende l’approvazione.

Dombrovskis isolato a casa: “Sto bene, fatto test” – “Sono stato informato che qualcuno che ho incontrato all’inizio di questa settimana è risultato positivo al Covid-19. Durante l’incontro è stato osservato un allontanamento fisico. Non ho sintomi e mi sento bene. In linea con l’orientamento della salute pubblica, ho sostenuto un test e mi sto isolando da solo e lavoro da casa”. Lo scrive su Twitter il vice presidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis.

Ue: “Situazione contagi peggio di marzo in alcuni Stati” – “La situazione dei contagi” da Covid-19 “in alcuni Stati Ue è peggiore rispetto al picco di marzo”. Lo dice la commissaria europea alla Salute, Stella Kyriakides, durante una conferenza stampa.

Israele approva nuovo lockdown: “Più duro che a marzo” – Da domani nuovo lockdown totale in Israele: dopo una riunione fiume del gabinetto d’emergenza Coronavirus durata oltre otto ore, le raccomandazioni sono state approvate all’alba dal governo e ora si attende solo il voto della Knesset. Una settimana fa era stato decretata una forma parziale di blocco ma l’impennata dei contagi, arrivata ieri a quasi 7mila nuovi casi, ha costretto l’esecutivo su posizioni più dure. Il blocco del Paese durerà almeno fino alla fine delle festività ebraiche, il 10 ottobre, e sarà molto probabilmente più severo di quello di marzo: tra le misure, chiusura delle sinagoghe e riduzione del numero di partecipanti ammessi alle manifestazioni, al massimo 20 persone entro un chilometro da casa; stessa regola anche per i fedeli che potranno pregare in piccolo gruppi all’aperto e vicino all’abitazione. Stop a tutte le attività e servizi non essenziali, trasporti pubblici ridotti e possibilità di radunarsi solo all’interno del nucleo familiare. Unica eccezione sarà la festa di Yom Kippur, quando saranno aperti i luoghi di preghiera ma solo per piccolo gruppi, come già avvenuto per il capodanno ebraico. Incerto ancora il destino dell’aeroporto internazionale di Ben Gurion, che potrebbe essere chiuso; se ne discuterà nuovamente oggi.

Francia alza allerta, bar chiusi a Marsiglia e in tutto il Sud – Il governo francese ha annunciato nuove misure draconiane per combattere la diffusione dell’epidemia di Covid-19, tra cui la chiusura totale di bar e ristoranti a Marsiglia, seconda città del Paese, e all’area metropolitana che questa condivide con Aix-en-Provance. “Stato di allerta intensificato” per dieci città, tra cui Parigi. A causa della preoccupante diffusione del Coronavirus, l’area metropolitana di Aix-Marsiglia, nel sud-est, e la Guadalupa, nei Caraibi, sono state poste in una “zona di massima allerta”, ha annunciato il ministro della Salute Olivier Veran in una conferenza stampa. Questo livello di allerta, subito prima dello stato di emergenza sanitaria, porta alla chiusura totale di bar e ristoranti, misura temuta da un settore già molto indebolito dal confinamento primaverile. Inoltre, altre undici metropoli, tra cui Parigi, sono state collocate in una “zona di allarme rafforzata”, il che implica in particolare la chiusura dei bar alle 22 e la limitazione degli incontri a 1.000 persone, contro le 5.000 attuali. “La situazione continua a peggiorare nel complesso”, ha avvertito Veran, in un momento in cui tutti gli indicatori si stanno deteriorando in Francia da diversi giorni. “C’è ancora tempo per agire, le misure che stiamo prendendo sono volte a uscire da questa traiettoria”, ha detto, invitando i francesi a rispettare il distanziamento e a non frenare con  le cene o le riunioni con amici o familiari.

Usa, Cdc: “Cancellare Halloween” – Cancellare Halloween. I Cdc (Center for Disease Control and Prevention), le autorità sanitarie americane, sconsigliano il tradizionale “dolcetto o scherzetto” quest’anno negli Usa a causa del Coronavirus. Per la festività in calendario il prossimo 31 ottobre, i Cdc esortano a non andare a party in costume o nelle “case stregate”, che rischiano di far propagare velocemente il virus.

Israele, lockdown fino al 9 ottobre – Il governo israeliano ha deciso di riportare il Paese in lockdown totale: un blocco che inizierà venerdì e probabilmente durerà fino alla fine delle feste, il 9 ottobre giorno della Festa delle Capanne (Sukkot). La decisione è stata presa dopo una discussione di otto ore, scrive il Jerusalem Post. Il nuovo blocco delle attività dovrebbe essere più severo di quello di marzo e dovrebbe includere il blocco delle sinagoghe, la chiusura di tutte le attività e i mercati non essenziali, la riduzione delle vie di trasporto pubblico e la possibilità per i cittadini di riunirsi solo all’interno dei loro nuclei familiari. Ci si aspetta che ai manifestanti sia permesso di manifestare e ai fedeli di pregare in gruppi fino a 20 persone nel raggio di un chilometro dalle loro case. Le sinagoghe dovrebbero essere aperte solo nello Yom Kippur per piccoli gruppi di fedeli.

Francia, Parigi diventa “zona scarlatta” – Il governo francese ha inserito diverse metropoli, tra cui Parigi, nella cosiddetta lista delle “super rosse” o “scarlatte” per la diffusione del Coronavirus e i rischi di contagio. Nella capitale francese l’incidenza del Covid-19 riguarda 204 abitanti ogni centomila. Nella zona di allerta rafforzata ricadono, oltre a Parigi e l’immediata periferia, le metropoli di Lione, Lille, Bordeaux, e poi Nizza, Tolosa, Saint-Etienne, Rennes, Rouen, Grenoble, Montpellier e, nell’Oltremare, la Guadalupa. Nella capitale e nelle altre città verranno applicate, a partire da sabato, queste misure: limitazione di raduni a mille persone al massimo (finora erano 5mila), divieto di grandi eventi come feste locali o studentesche, limite di 10 persone nello spazio pubblico o privato, chiusura dei bar alle 22, chiusura delle palestre.

Leggi anche: 1. “Noi amiamo la libertà, ma anche la serietà”: Mattarella risponde al premier britannico Johnson / 2. Vaccino antinfluenzale, boom di richieste: corsa contro il tempo per produrre le dosi. “Ce la faremo ma serviva più programmazione” (di Anna Ditta) / 3.Coronavirus, uno studio rivela: “Tra ottobre e novembre il picco della seconda ondata in Italia” / 4. Coronavirus, asintomatico il 20% dei contagiati: “Pericolosi, hanno la stessa carica virale degli altri” / 5. Seconda ondata Coronavirus, l’esperto: “Tra ottobre e novembre in Italia si registreranno 30mila casi a settimana”/6. Covid, un nuovo studio rivela: “Può provocare il Parkinson, rischia di essere la terza ondata dell’epidemia”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.