Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Seconda ondata Coronavirus, l’esperto: “Tra ottobre e novembre in Italia si registreranno 30mila casi a settimana”

Immagine di copertina

Coronavirus: con seconda ondata 30mila casi a settimana in Italia

L’Italia rischia di arrivare a 30mila casi settimanali con il picco della seconda ondata di Coronavirus. A dichiararlo è Francesco Sannino, dell’Università Federico II di Napoli e dell’Università della Danimarca meridionale, Odense, che ha commentato il modello matematico con il quale il suo team ha previsto tra ottobre e novembre il picco della seconda ondata di casi da Coronavirus. “Per l’Italia ci aspettiamo picchi di 30mila casi settimanali a cavallo tra ottobre e novembre ma si tratta di una cifra soggetta a variazioni che dipenderanno dall’efficienza e dall’efficacia delle misure di contenimento adottate, il margine di differenza che abbiamo calcolato è del 15 percento per l’infection rate rispetto a quello della prima onda” ha dichiarato Sannino all’Agi.

“Non serve diffondere il panico, ma la consapevolezza è fondamentale in queste situazioni, sapere con anticipo dove e quando si potrebbe verificare una seconda ondata di casi dovrebbe e avrebbe dovuto spingere governi e istituzioni ad agire tempestivamente” ha inoltre dichiarato il ricercatore sottolineando che, a livello europeo, il modello matematico messo a punto dal suo team ha già dimostrato la sua efficacia, prevedendo l’inizio della seconda ondata in alcuni Paesi. “Il nostro algoritmo tiene conto delle interazioni tra i Paesi e dimostra che la riapertura delle frontiere e la mobilità umana hanno giocato un ruolo fondamentale nella diffusione del virus dopo i mesi di lockdown. Sappiamo che non è semplice decidere di affrontare una nuova situazione di quarantena in mancanza di avvisaglie, ma siamo convinti che non possiamo permetterci di ignorare i segnali in questo momento”.

Secondo lo scienziato, quindi, non bisogna abbassare la guardia proprio ora, ma anzi è fondamentale continuare a rispettare le norme anti-Coronavirus, tra cui il distanziamento sociale, la chiusura delle frontiere ove necessario e la quarantena per i casi di contagio. “Per quanto riguarda l’Italia – conclude l’esperto – è ragionevole ipotizzare che, in assenza di una regolamentazione più rigida che possa normare le scuole, le università, i luoghi pubblici e gli eventi, la situazione degenera presto. Non vogliamo spaventare nessuno, ma solo aumentare la consapevolezza di tutti. Il nostro modello è semplice e si è dimostrato efficace: siamo stati in grado di prevedere lo sviluppo e le tempistiche di diffusione in Francia, in Spagna, in Croazia e in Grecia, mentre in Finlandia e  Norvegia, dove sono state adottate misure più rigide, la curva di contagi è stata meno significativa rispetto alla nostra simulazione. Dobbiamo rimanere vigili”.

Leggi anche: 1. Coronavirus, uno studio rivela: “Tra ottobre e novembre il picco della seconda ondata in Italia” / 2. Covid, picco di contagi nel Lazio: mai così tanti casi dall’inizio della pandemia / 3. Coronavirus, asintomatico il 20% dei contagiati: “Pericolosi, hanno la stessa carica virale degli altri”

4. Covid, un nuovo studio rivela: “Può provocare il Parkinson, rischia di essere la terza ondata dell’epidemia” / 5. Coronavirus, un esame del sangue può svelare a che punto è la malattia e quanto durerà / 6. Covid, l’allarme della Fondazione Gimbe: “Nell’ultima settimana +26% di ricoveri e +41% di terapie intensive”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 16.806 casi e 72 morti: tasso di positività al 2,5%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / L’accademia della Crusca boccia lo schwa: “Rende tutto un mucchietto di parole”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 16.806 casi e 72 morti: tasso di positività al 2,5%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / L’accademia della Crusca boccia lo schwa: “Rende tutto un mucchietto di parole”
Cronaca / Esclusivo TPI – Ancora ombre sulla gara per il cloud pubblico: “Incontri fra governo e Big Tech già nel 2020”
Cronaca / Galimberti a TPI: “Nella società dell’efficienza se non sei produttivo non esisti”
Cronaca / Covid, Ad Pfizer: “Probabile sia necessario un vaccino all’anno”
Cronaca / C’è una scuola che insegna a sbagliare: “Gli errori possono renderci migliori”
Cronaca / Terrorismo: arrestato a Venezia membro di una cellula dell’Isis
Cronaca / Covid, positivo un passeggero proveniente dall’Africa sul volo Roma-Alghero: 130 in quarantena
Cronaca / Gualtieri, da sabato obbligo di mascherina nelle zone affollate