Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Coronavirus, un esame del sangue può svelare a che punto è la malattia e quanto durerà

Immagine di copertina

Un esame del sangue svela a che punto è il Coronavirus e quanto durerà

Nella lotta contro il Coronavirus arriva quella che sembra a tutti gli effetti una buona notizia: c’è un esame del sangue in grado di predire la progressione dell’infezione e quanto durerà la malattia: a dirlo uno studio, nominato Covid-Ip, di un team internazionale di ricercatori guidato da Adrian Hayday del King’s College London e del Francis Crick Institute di Londra, che ha visto anche il coinvolgimento dell’Istituto di Biologia e Patologia Molecolare del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR-Ibpm) di Roma. La ricerca, pubblicata sulla rivista Nature Medicine, si è concentrata sull’analisi del sangue periferico e ha permesso di identificare alcuni dei tratti immunologici più comuni nei pazienti con Covid-19. In altre parole, ha dimostrato che il Coronavirus ha una sua firma immunitaria dinamica.

Gli studiosi hanno analizzato i campioni di sangue di 63 soggetti positivi al Coronavirus per cui si è reso necessario il ricovero in ospedale e confrontato i dati con quelli di un gruppo di controllo, formato da 55 persone sane, includendo i risultati ottenuti su 23 asintomatici o paucisintomatici che avevano superato l’infezione e 10 pazienti ricoverati per infezioni del tratto respiratorio inferiore, ma negativi al Covid-19. Lo studio sottolinea l’importanza dell’utilizzo di un test per analizzare nel sangue il ciclo cellulare dei linfociti T, cellule fondamentali della risposta immunitaria specifica. Il test in questione ha permesso di “identificare alcuni sotto-tipi di linfociti T proliferanti nei pazienti più gravi e di avere informazioni dettagliate sul loro ciclo cellulare, ovvero l’insieme degli eventi compresi tra la formazione di una cellula e la sua divisione in due”, spiegano i ricercatori.

“Le alterazioni dei linfociti T – ha spiegato Francesca Di Rosa, ricercatrice senior del CNR-Ibpm e visiting scientist presso il Francis Crick Institute – potrebbero riflettere la capacità del virus Sars-Cov-2 di tenere sotto scacco la risposta immunitaria, nonostante quasi tutti i pazienti abbiano anticorpi specifici nel sangue, prodotti dai linfociti B. I linfociti T e B sono le cellule del sistema immunitario che si occupano di mediare la risposta specifica contro un agente patogeno, infatti in presenza di uno stimolo i linfociti si attivano e si riproducono velocemente per fronteggiarlo. Nel Covid-19 la risposta dei linfociti T appare disregolata. Altro elemento correlato con la gravità del decorso clinico è la notevole riduzione dei granulociti basofili e delle cellule dendritiche plasmacitoidi. Inoltre, è stato dimostrato che l’aumento dei livelli di una triade di molecole (chemochina IP-10, interleuchina-10 e interleuchina-6) è un segnale premonitore dell’aggravarsi della malattia più attendibile di quelli finora analizzati (proteina C-reattiva, ferritina, D-dimero)”.

In parole più semplici, lo studio ha fatto luce su una serie di elementi che potrebbero essere combinati ai test clinici di routine per conoscere in anticipo quali sono i pazienti più a rischio e che potrebbero essere di grande aiuto in caso di emergenza sanitaria.

Leggi anche: 1. Brasile, pinguino morto dopo aver ingerito una mascherina N95: la foto simbolo dell’inquinamento da Coronavirus / 2. Scuole senza prof: perché l’assegnazione delle cattedre è (anche quest’anno) in ritardo / 3. Il caso dei 30 migranti bloccati da dieci giorni su un “bus quarantena” a Udine

4. Cottarelli a TPI: “Nel Recovery Plan c’è un errore sul Pil, che figuraccia. Sembra sia stato scritto di fretta” / 5. Campania, Caldoro: “C’è paura che i seggi diventino un focolaio, manca un piano del governo e della Regione” / 6. La vedova di Carlo Vanzina attacca il cognato: “Enrico, vergognati per quel film sul lockdown”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Cos'è e come funziona il Super Green Pass: le nuove regole in vigore da oggi
Cronaca / Due ragazze aggredite sul treno Milano-Varese: fermati i presunti stupratori
Cronaca / Covid, oggi 15.021 casi e 43 morti: tasso di positività al 2,9%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Cos'è e come funziona il Super Green Pass: le nuove regole in vigore da oggi
Cronaca / Due ragazze aggredite sul treno Milano-Varese: fermati i presunti stupratori
Cronaca / Covid, oggi 15.021 casi e 43 morti: tasso di positività al 2,9%
Cronaca / L'odontoiatra dal braccio in silicone: "Mi avete rovinato la vita"
Cronaca / Da oggi al via il Super Green Pass: cosa cambia e tutte le regole
Cronaca / Covid, oggi 16.632 casi e 75 morti: tasso di positività al 2,6%
Cronaca / Chi è Guido Russo, il dentista No vax di Biella con il braccio in silicone: “Dovevo lavorare”
Cronaca / Milano, Gaia Romani cambia la targa di “assessore” con “assessora”: “Si parte dalle piccole cose”
Cronaca / Il conduttore di X Factor Ludovico Tersigni indagato per diffamazione dopo un post su Instagram
Cronaca / Eitan è tornato in Italia, 84 giorni dopo il sequestro: “Felice di essere a casa”