Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Assalto al Congresso Usa, il sostenitore di Trump fotografato alla scrivania di Nancy Pelosi è stato arrestato

Immagine di copertina

Il sostenitore di Trump fotografato alla scrivania di Nancy Pelosi è stato arrestato

Il sostenitore di Donald Trump che durante l’irruzione al Campidoglio era stato fotografato seduto alla scrivania della presidente della Camera Usa Nancy Pelosi è stato arrestato e accusato di tre reati federali: lo scrive la Cnn citando funzionari federali.

L’immagine dell’uomo sessantenne comodamente seduto con un piede sul tavolo della speaker della Camera ha fatto il giro del mondo, diventando uno dei simboli della violenza e della spregiudicata irriverenza dei manifestanti verso il luogo simbolo della democrazia americana. Il 60enne si chiama Richard Barnett e viene dall’Arkansas: è stato arrestato venerdì mattina a Little Rock e tra i reati di cui è incolpato c’è anche il furto di proprietà pubblica.

“Barnett è stato accusato di entrare e rimanere consapevolmente in un terreno edificabile limitato senza autorità, ingresso violento e comportamento disordinato nei terreni del Campidoglio e furto di proprietà pubblica”, hanno detto i funzionari. “Anche se avete lasciato Washington potete ancora attendervi che qualcuno bussi alla vostra porta“, ha dichiarato Steven M. D’Antuono, ufficiale dell’Fbi, in una video conferenza.

Intanto il giornalista del New York Times Matthew Rosenberg che ha identificato per primo l’assalitore ha pubblicato un video in cui l’uomo si vanta di aver preso una busta personalizzata e firmata da Nancy Pelosi. Ma Barnett, il cui soprannome sarebbe “Bigo”, spiega di non averla del tutto rubata perché “ha lasciato un quarto di dollaro sulla sua scrivania”. Il sostenitore di Trump ha anche raccontato di aver bussato educatamente alla porta dell’ufficio, ma di essere stato costretto a entrare perché trascinato dalla violenza di chi da fuori lo spingeva all’interno della stanza.

Leggi anche: 1. Biden: “Bene Trump assente all’insediamento, è inadatto. Pence è il benvenuto” 2. Il golpe di Trump (di Luca Telese) 3. Il giorno più buio dell’America (di Giulio Gambino) 4. La democrazia Usa cancellata per qualche ora, ma il vero sconfitto è Trump 5. Lo scrittore Don Winslow mette una taglia di 20mila dollari sul poliziotto del selfie a Capitol Hill

 

 

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari