Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Covid a Natale, Roberto Burioni: “Mangiare insieme è un alto fattore di rischio”

Immagine di copertina
Roberto Burioni

Covid, Roberto Burioni: “Mangiare insieme è un alto fattore di rischio”

“C’è un altro fattore di rischio: quando mangiamo insieme. Quando noi mangiamo non portiamo ovviamente la mascherina, e siamo in uno spazio chiuso. Quando noi mangiamo noi parliamo e siamo vicini, perché siamo seduti allo stesso tavolo”. Il virologo Roberto Burioni a “Che tempo che fa” su Rai 3 parla dei rischi nella trasmissione del Covid in vista delle feste di Natale e Capodanno.

Burioni, cita due esempi, quello di un matrimonio negli Stati Uniti e a Pavia: in entrambi i casi, i pranzi hanno dato vita a focolai, causando anche morti per il virus. “Dobbiamo stare attenti”, dice Burioni, “Non servono bugie tranquillizzanti.
Il pericolo non è passato. Il virus è un nemico vile, uccide le persone alle quali vogliamo bene, sfruttando la nostra voglia di stare insieme. Se tutto va bene, tra poco questo incubo terminerà”.

”In questo momento, più che la curva dei contagi sono attento a due cose: i nostri comportamenti e l’imminente arrivo del vaccino”, ha raccontato il virologo in studio, “Negli Usa dovrebbe essere approvato il 10 dicembre. Si parla invece di un’approvazione da parte dell’ente europeo per i medicinali il 29 dicembre. Nel momento in cui due enti così autorevoli, come l’Fda statunitense e l’Ema europeo, in maniera indipendente avranno detto che il vaccino è sicuro, è il momento di iniziare a vaccinare più persone possibile. Se l’approvazione arriva il 29 dicembre, il 30 bisogna iniziare a vaccinare senza fermarsi neanche la notte di Capodanno. Perché se noi dovessimo tardare un mese, un mese e mezzo, sarebbero non solo migliaia di morti ma anche il ritorno ritardato alla vita normale”.

Leggi anche: 1. Lo strano caso della Puglia: gli ospedali sono al collasso, ma la Regione è zona gialla; // 2. Ilaria Capua striglia tutti: “Tampone prima di Natale? No, non bisogna muoversi”; // 3. Dpcm dicembre: cosa si può fare a Natale (e cosa no), domande e risposte; // 4. Coronavirus, feste private in casa: ecco cosa si rischia

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Scuola, il piano Bianchi “copia” Azzolina e ha paura di nominare la didattica a distanza
Cronaca / Sicilia, Sardegna e Lazio rischiano la zona gialla entro fine agosto
Cronaca / Il 58,82% della popolazione italiana ha completato il ciclo vaccinale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Scuola, il piano Bianchi “copia” Azzolina e ha paura di nominare la didattica a distanza
Cronaca / Sicilia, Sardegna e Lazio rischiano la zona gialla entro fine agosto
Cronaca / Il 58,82% della popolazione italiana ha completato il ciclo vaccinale
Cronaca / “Non vi azzardate a vaccinarmi”: le parole di una 50enne no vax prima di essere intubata per Covid
Cronaca / Licata, consigliere comunale ex Lega spara 4 colpi di pistola contro il socio in affari
Cronaca / 6.171 casi e 19 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività 2,7%
Cronaca / “Combatterò finché non tornerò a studiare a Bologna. La situazione peggiora”: Zaki scrive dal carcere
Cronaca / “Siamo nella quarta ondata di Covid, aumentano i morti”: i dati della Fondazione Gimbe
Cronaca / Pfizer: dopo 6 mesi vaccino meno efficace. Si avvicina la terza dose
Cronaca / Il 58,12% della popolazione italiana ha completato il ciclo vaccinale