Covid ultime 24h
casi +13.633
deceduti +472
tamponi +264.728
terapie intensive -28

Lo strano caso della Puglia: gli ospedali sono al collasso, ma la Regione è zona gialla

Di Pierfrancesco Albanese
Pubblicato il 7 Dic. 2020 alle 12:18
247
Immagine di copertina
Credit: Emanuele Fucecchi

Poco più di due settimane fa il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, avanzava al governo la richiesta di trasformare due province pugliesi, Foggia e Bat (Barletta, Andria Trani), in zone rosse. Nella serata di venerdì, è stato lo stesso governatore a darne notizia: l’intera regione è in zona gialla. È questa la strana parabola della Puglia: da subito zona arancione, secondo la ripartizione introdotta il 6 novembre scorso, ma passata in pochi giorni dall’essere candidata alle maggiori restrizioni della zona rossa – ad auspicare il lockdown generalizzato era stato anche l’assessore alla Sanità, Pierluigi Lopalco – sino al godere dei vantaggi del declassamento a zona gialla. Bar e ristoranti aperti sino alle 18 e possibilità di spostarsi tra i comuni, tra le norme entrate in vigore ieri. Eppure, a guardare i dati, non sembrerebbero essere intervenute grosse migliorie nella situazione epidemiologica in regione.

Appena mercoledì scorso, la Puglia faceva registrare il picco di ricoveri in terapia intensiva su scala nazionale: 33 in 24 ore, uno in più degli ingressi in rianimazione conteggiati in Lombardia, con un rapporto positivi/tamponi del 18,3 per cento, a fronte della media nazionale del 10,3 per cento. Proprio mentre circolava la notizia del passaggio a zona gialla, il bollettino quotidiano faceva registrare un nuovo record negativo: 42 i nuovi ingressi in terapia intensiva; 72 i nuovi morti. Il picco dei bollettini regionali pugliesi da inizio pandemia. “Dato riferito ai decessi inseriti nel database nelle ultime 24 ore, non al numero dei decessi effettivamente avvenuti in un giorno”, ha precisato Emiliano nel festeggiare la zona gialla. Dimostrazione – secondo il governatore – della capacità del sistema regionale di reggere a un’ondata che nel solo mese di novembre ha fatto registrare 35mila contagi a fronte dei 4mila dell’intera prima ondata.

Poche ore prima, anche Lopalco si era pronunciato sulla situazione epidemiologica pugliese, affermando che “per la prima volta abbiamo le terapie intensive che si svuotano” e ribadendo quanto dichiarato nei giorni precedenti, quando aveva parlato di “molti indicatori in miglioramento”. Ma i dati rilasciati dagli istituti statistici negli ultimi giorni non sembrano confermare le sue dichiarazioni. Il dato dei ricoveri in terapia intensiva al 4 dicembre – momento della dichiarazione di passaggio alla zona gialla – stando alle rilevazioni dell’Agenas, è del 50 per cento. Di gran lunga superiore sia rispetto alla media nazionale, ferma al 41 per cento, sia rispetto al 30 per cento indicato dal governo come soglia oltre la quale considerare la situazione come emergenziale. Sia, infine, rispetto al 45 per cento di saturazione registrato il 18 novembre, giorno della richiesta della chiusura totale delle province di Foggia e Bat.

Quanto ai restanti parametri, alla voce ‘Puglia’ le tabelle della fondazione Gimbe sono quasi completamente rosse: salvo l’indice Rt, dal 6 novembre al 28 novembre sono peggiorati tutti gli indicatori, la variazione percentuale dei nuovi casi, la variazione degli attualmente positivi per 100mila abitanti, i ricoveri in terapia intensiva e quelli nei reparti ordinari. Tanto che la stessa fondazione aveva chiesto al Governo maggiore cautela sulle riaperture. Nella settimana dal 24 novembre al 1 dicembre, inoltre, la Regione Puglia ha registrato un incremento percentuale di casi del 21,6 per cento. Seconda solo al Friuli Venezia Giulia. E proprio questi fattori devono avere indotto l’Istituto superiore di Sanità ad inserire la Puglia tra le regioni a rischio alto con Sardegna e Calabria, dopo il monitoraggio settimanale riferito al periodo 23-29 novembre.

Ma a preoccupare, oltre ai dati degli ultimi bollettini, è anche la situazione degli ospedali. “Per quello che vedo io sul territorio, la zona gialla non mi convince” – afferma a TPI Salvatore Onorati, vicepresidente dell’Ordine dei medici di Foggia. “Nei nostri studi medici i casi ci sono e sono tanti. Solo ieri ho segnalato al Dipartimento tre casi sospetti Covid, e ho una media piuttosto alta di pazienti che seguo da casa. A Foggia poi la situazione dell’ospedale non è proprio rosea. Sino all’altro ieri si parlava di zona rossa, oggi ci svegliamo in zona gialla. È una stranezza. Non critico la posizione dei tecnici, però faccio notare una cosa: molti pazienti delle nostre rianimazioni vengono spostati nelle terapie intensive di Lecce. Se mandiamo a morire gente da Foggia a Lecce, significherà qualcosa o no?”, conclude.

Mentre Emiliano annunciava l’ingresso in zona gialla, proprio dalla rianimazione Covid del Dea (Dipartimento Emergenza e Accettazione) di Lecce arrivava la notizia della saturazione. Nel barese, poi, il quadro – lo hanno ribadito a più riprese i medici – è critico da settimane. Già negli scorsi giorni, sentito da TPI, il presidente dell’associazione dei medici e rianimatori e medico del Policlinico di Bari, Antonio Amendola, aveva chiesto a gran voce misure più restrittive, denunciando il rischio di dover scegliere chi intubare. Lo stesso presidente dell’Ordine dei medici di Bari, Filippo Anelli, dopo aver parlato di sanità regionale al collasso, aveva chiesto alla Regione un ulteriore giro di vite. Rifiutato, anzitutto, da Lopalco. Convinto, stando a quanto affermato, più dell’importanza dell’abbassamento dell’indice Rt che dell’allentamento delle misure, che ha accolto senza nascondere la preferenza per la zona arancione.

A guardare i dati e le dichiarazioni di politici e medici in prima linea nella lotta al Covid, l’allentamento delle maglie parrebbe caduto dall’alto. E dall’alto lo fa cadere anche Emiliano, che ha precisato, a fronte delle critiche piovute sui social, che “la zona gialla è una decisione del Ministro della Salute e non della Regione Puglia”, facendo intendere d’avere le mani legate. E rifiutando, dopo le critiche ricevute sui social, di addossarsi la responsabilità delle nuove restrizioni come invece fatto sul nodo scuole, su cui il presidente pugliese ha adottato una linea più dura di quella del governo, rivendicata strenuamente anche dinanzi al tribunale amministrativo regionale.

Emiliano, all’annuncio della zona gialla, ha infine lanciato un appello, invitando i cittadini a diffidare da chi tenta di scatenare il dissenso. “È legittima la loro attività e passa da giornali, tv, social che ciascuno usa a proprio uso e consumo. Quando leggete un giornale che dice che siamo i  peggiori per questo o quello, ricordatevi che potrebbe avere ragione o potrebbe avere un proprietario facoltoso che lo utilizza per avere più soldi o più potere”, ha continuato. Per poi concludere: “La Puglia ce la fa, perché non ci arrenderemo mai, e arriveremo fino alla fine di questa battaglia e dureremo un secondo di più dei nostri avversari visibili e invisibili”.

Leggi anche: 1. L’Abruzzo torna in zona arancione, il governatore firma l’ordinanza. Il governo: “Sarà diffidata”/2. “In Puglia rischiamo una nuova Bergamo, dovremo scegliere chi intubare”: parla il presidente dei rianimatori /3. Dpcm dicembre: cosa si può fare a Natale (e cosa no), domande e risposte /4. Coronavirus, feste private in casa: ecco cosa si rischia /5. “Oggi basta nulla per contagiarsi, mettete occhiali protettivi o visiera anche al supermercato”. Intervista al presidente del Sis 118 (positivo al Covid)

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

247
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.