Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Omicidio Sacchi, l’amico di Luca rompe il silenzio sulla trattativa per la droga: le prime verità sul caso

Immagine di copertina

Domenico Costanzo Munoz ha deciso di collaborare con gli inquirenti e raccontare cosa è successo la sera del 23 ottobre davanti al pub dove è stato ucciso il suo amico, il 24enne Luca Sacchi. Probabilmente impaurito dall’ipotesi di essere indagato per favoreggiamento, il 26enne cileno ha infatti finalmente aiutato – dopo ben quattro interrogatori – le autorità investigative a ricostruire i fatti di quella tragica sera.

In particolare, agli inquirenti interessava comprendere come si era svolta la trattativa per l’acquisto dei 15 kg di droga tra i ragazzi del quartiere Appio Latino e i pusher di San Basilio, Valerio Del Grosso – dalla cui pistola è partito il colpo che ha ucciso il giovane Luca – e Paolo Pirino, i quali si trovano adesso in carcere insieme anche a Giovanni Princi (amico del liceo di Luca) e Marcello De Propris (colui che ha fornito l’arma del delitto a Del Grosso).

E dopo questo interrogatorio chiave ad aggravarsi sarebbero le posizioni sia di Giovanni Princi che della fidanzata di Luca, Anastasiya Kylemnyk, sottoposta alla misura cautelare dell’obbligo di firma. “Ho provato a fermare l’ aggressore di Anastasia che Luca aveva spinto a terra, cioè Pirino, ma alla mia destra ho visto arrivare un altro che aveva la mano destra lungo il fianco (Valerio Del Grosso, ndr) poi mentre camminava avvicinandosi a Luca, che in quel momento stava prestando soccorso ad Anastasia, l’ho visto alzare il braccio e puntare una pistola verso Luca. Spaventato, sono fuggito per nascondermi dietro un’auto”. Quello che è accaduto successivamente allo sparo non è ancora chiaro, ma la telecamera di sorveglianza ha ripreso Munoz mentre parlava con Princi insieme a un’altra ragazza la cui identità non è ancora nota.

Leggi anche:
Omicidio Sacchi, il mediatore di Del Grosso accusa Anastasiya: ha avuto un ruolo centrale nella compravendita della droga
Anastasiya al gip: “Non sapevo dei 70mila euro nello zaino”
Delitto Sacchi, le immagini riprese fuori dal pub negli attimi del delitto | FOTOSEQUENZA
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Licata, uccide 4 familiari e poi si uccide in strada: morti ragazzi di 11 e 15 anni
Cronaca / “Mi si stringe il cuore al pensiero di mio figlio che pulisce il giacchetto dagli sputi”: parla il padre del bambino insultato perché ebreo
Cronaca / Papa Francesco: “I genitori non condannino i figli gay”
Cronaca / Cagliari, 30enne disoccupato cerca di farsi vaccinare al posto di un no vax in cambio di una cena
Cronaca / Sileri al no vax: “Vi renderemo la vita impossibile”. Bufera social sul sottosegretario | VIDEO
Cronaca / Napoli, vuole il gelato ma non ha il green pass: anziano estrae pistola e la punta contro il vigilante
Cronaca / Scuola, le Regioni chiedono al governo di mandare in classe i positivi asintomatici
Cronaca / Covid, oggi 186.740 casi e 468 morti: mai così tanti dal 14 aprile 2021
Cronaca / I Savoia rivogliono i gioielli della corona custoditi dalla Banca d’Italia: “Appartengono a noi”
Cronaca / Milano, violenze in piazza Duomo: tre indagati. Dicevano: “Quella dalla a me”