Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 14:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Una nave da crociera trasformata in ospedale contro il Coronavirus: vi spiego perché è una buona idea”

Immagine di copertina
Illustrazione di E. Fucecchi

“Una nave da crociera trasformata in ospedale contro il Coronavirus: vi spiego perché è una buona idea”

“Una nave da crociera per combattere l’emergenza Coronavirus: sarebbe una soluzione ottimale, e vi spiego perché”. Pierluigi Lopalco, l’epidemiologo che sta coordinando gli interventi dell’emergenza in Puglia spiega perché la proposta che a prima vista potrebbe sembrare bizzarra in realtà è piena di buonsenso.

Il primo obiettivo da raggiungere, ovviamente è l’incremento delle terapie intensive, e Lopalco annuncia: “Sulla carta, in Puglia, abbiamo già predisposto trecento posti attivabili in grande velocità. È già un primo risultato”. Ma subito dopo spiega: “Man mano che si risolvono le emergenze si crea un problema enorme, che è quello di gestire i tantissimi positivi guariti, che non possono tornare a casa per non rischiare di infettare gli altri”.

Ed ecco l’idea: “Una nave da crociera è molto facilmente gestibile dal punto di vista della logistica. E – soprattutto – è già organizzata con i servizi di mensa e ristorazione”. Non solo: “Ha la possibilità di isolare agevolmente i convalescenti. Non è adatta per le terapie intensive, ma libera posti negli ospedali, che possono essere convertiti per l’emergenza”.

Altro punto di vantaggio: “È mobile. Se c’è bisogno di spostarla Puglia alla Calabria la puoi far arrivare in un’ora di viaggio. E ci aiuterebbe nel primo problema di domani, quello, cioé, di avere un numero enorme di convalescenti da tenere isolati e – perché no, dopo quello che hanno passato – possibilmente in una condizione di agio”.

Conclude Lopalco: “Il grosso vantaggio, ad esempio rispetto agli alberghi a cui si sta pensando al nord, è che una nave si trova strutturalmente in una condizione di isolamento naturale. È il luogo ideale per accogliere persone che si trovano fuori pericolo, e che – conclude Lopalco – hanno bisogno di una bassissima intensità di assistenza”.

Leggi anche:

1. Lo stile Conte: pacato e rassicurante, capace di dare una prospettiva a questa Italia malconcia (di R. Bertoni) / 2. Coronavirus, Conte firma il decreto dell’11 marzo 2020: il testo integrale

3. Coronavirus, il presidente Mattarella: “Da Europa venga solidarietà non ostacoli” /4. Coronavirus, Christine Lagarde fa il contrario di Mario Draghi. E l’Europa torna matrigna (di L. Telese)

5. Coronavirus, ecco perché in Italia ci sono più morti e contagi che all’estero: parlano gli esperti

UTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / TPI sulla Ocean Viking. Dopo 24 ore di salvataggi, le grida di gioia dei migranti: “Siamo salvi” | VIDEO
Cronaca / Locatelli (Cts): “Solo il 12% dei vaccinati può infettarsi, ma senza sviluppare la malattia”
Cronaca / Pronto un nuovo decreto: green pass su treni e aerei, scuola in presenza da settembre
Ti potrebbe interessare
Cronaca / TPI sulla Ocean Viking. Dopo 24 ore di salvataggi, le grida di gioia dei migranti: “Siamo salvi” | VIDEO
Cronaca / Locatelli (Cts): “Solo il 12% dei vaccinati può infettarsi, ma senza sviluppare la malattia”
Cronaca / Pronto un nuovo decreto: green pass su treni e aerei, scuola in presenza da settembre
Cronaca / Tre regioni rischiano il passaggio in zona gialla entro fine agosto
Cronaca / Immunizzato il 60%  della popolazione over 12
Cronaca / 16 morti e 6.513 casi nell'ultimo giorno: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / È di uno studente universitario di 23 anni il cadavere trovato carbonizzato vicino a Pisa
Cronaca / Tre regioni rischiano il passaggio in zona gialla entro fine agosto
Cronaca / Immunizzato il 59,1% della popolazione
Cronaca / Brusaferro: "Vaccinati? Pochi rischi ma possono contagiare"