Covid ultime 24h
casi +24.991
deceduti +205
tamponi +198.952
terapie intensive +125

I 30 medici albanesi sono arrivati in Lombardia: “Non dimentichiamo l’Italia che ci ha aiutato”

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 29 Mar. 2020 alle 12:17 Aggiornato il 29 Mar. 2020 alle 13:15
4k

I 30 medici albanesi sono arrivati a Bergamo | FOTO e VIDEO

Sono arrivati in Italia i 30 medici albanesi per dare un aiuto all’Italia nell’emergenza Coronavirus. I medici sono atterrati sabato 28 marzo a Roma e sono stati trasferiti tutti a Bergamo, la città italiana che registra il più alto numero di morti di Covid-19.

L’arrivo del personale sanitario dall’Albania è il risultato di un colloquio avvenuto venerdì 27 marzo tra il premier albanese Edi Rama e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e segue la linea tracciata dalla Farnesina della ricerca di solidarietà e aiuti internazionali come già avvenuto con Russia e Cina.

I medici albanesi resteranno in Italia un mese e saranno pagati dall’Albania. Secondo le indiscrezioni il premier Rama ha dichiarato “non poteva vedere l’Italia così in difficoltà” e ha parlato di aiuti perché “loro amano l’Italia”. “I medici salvano vite e in questo momento come Paese stiamo riscoprendo il valore più importante che è la vita”, ha dichiarato Di Maio.

Leggi anche: 1. Coronavirus, 30 medici albanesi in arrivo a Bergamo per aiutare l’Italia nell’emergenza / 2. ESCLUSIVO TPI: Una nota riservata dell’Iss rivela che il 2 marzo era stata chiesta la chiusura di Alzano Lombardo e Nembro. Cronaca di un’epidemia annunciata / 3. Coronavirus Anno Zero, quel 23 febbraio all’ospedale di Alzano Lombardo: così Bergamo è diventata il lazzaretto d’Italia

4. Il sindaco Gori a TPI: “Le bare di Bergamo sono solo la punta di un iceberg, i nostri morti sono quasi tre volte quelli ufficiali”/ 5. Perché in Lombardia si muore? Gli errori di Fontana e altre sette importanti ragioni /

6. Coronavirus, tamponi per asintomatici? Solo ai privilegiati. Così prolifera il business dei test privati / 7. Coronavirus, parla la fidanzata di Rugani della Juve: “Il tampone? Sono venuti a farmelo a casa. Nessuna via preferenziale, il trattamento è uguale per tutti” (di Giulio Gambino)

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

4k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.