Covid ultime 24h
casi +17.083
deceduti +343
tamponi +335.983
terapie intensive +38

Incidente Roma, le lettere di Paolo Genovese alle famiglie di Gaia e Camilla

Il regista, papà del 20enne che ha investito e ucciso le due 16enni a Corso Francia, ha scritto due missive alle mamme e ai papà delle due vittime per esprimere tutto il suo dolore per la vicenda

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 2 Gen. 2020 alle 08:38 Aggiornato il 2 Gen. 2020 alle 08:41
387
Immagine di copertina

Incidente Roma, le lettere di Paolo Genovese alle famiglie di Gaia e Camilla

Far sentire alle famiglie di Gaia e Camilla, le due 16enni morte nell’incidente di Corso Francia, a Roma, che il loro dolore è condiviso: è questo il senso delle due lettere che il regista Paolo Genovese, papà di Pietro, il 20enne alla guida dell’auto che ha investito e ucciso le due ragazze, ha scritto e inviato ai genitori delle giovani nei giorni scorsi.

A rivelarlo è il quotidiano La Repubblica in un articolo a firma di Federica Angeli.

Secondo quanto scritto dal giornale, Paolo Genovese, autore di film quali Perfetti sconosciuti e The Place, aveva chiesto alle famiglie di Gaia e Camilla la possibilità di incontrarle.

Chi erano Gaia e Camilla, le due ragazze investite e uccise a Corso Francia

Circostanza confermata anche dal penalista Cesare Piraino, difensore dei genitori di Camilla Romagnoli: “Il regista avrebbe voluto un incontro, ma emotivamente non era il momento adatto, abbiamo risposto che una lettera sarebbe stata la benvenuta”.

Così, Genovese ha preso carta e penna e ha scritto due lettere, identiche, alle famiglie di Gaia e Camilla.

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

“È arrivata in studio, lo confermo – ha dichiarato Piraino – ma verrà recapitata nei prossimi giorni. La famiglia ha accolto favorevolmente la notizia”.

Anche Giulia Bongiorno, avvocato della famiglia di Gaia Von Freymann, ha confermato di aver ricevuto la lettera di Genovese: “A tempo debito saranno forniti dettagli, ora ancora non possiamo parlare”.

Anche il difensore di Genovese, aggiunge La Repubblica, non lascia trapelare nulla sul contenuto delle lettere: “È un gesto di dolore troppo privato, troppo intimo per poter essere raccontato”.

Eppure, persone vicine al regista fanno sapere che in quelle missive c’è tutto il dolore di uomo e di un padre, che non ha nessuna intenzione di sottrarsi alle sue responsabilità.

Il senso delle missive di Genovese è quello di far sentire alle mamme e ai papà di Gaia e Camilla che il loro dolore è condiviso.

Un messaggio che non ha nulla a che vedere con la vicenda processuale che dovrà chiarire le responsabilità di una tragedia che ha coinvolto tre famiglie.

Leggi anche:

La morte di Gaia e Camilla e il gioco del semaforo rosso

Incidente di Roma, l’amica di Gaia: L’amica di Gaia: “Anche io attraversavo sempre quella strada col semaforo rosso. Qui lo fanno tutti”

Incidente di Roma, la testimonianza dell’amico di Pietro Genovese: “Ero sull’auto con lui, non era ubriaco”

Incidente di Roma: la videoricostruzione

Incidente a Roma, un testimone racconta la morte di Gaia e Camilla: “Si poteva evitare”

Funerale di Gaia e Camilla, l’omelia del parroco: “Senso della vita non è bere o fumarsela”

La sorella di Camilla: “Mi avevi chiesto quale fosse il senso della vita. Il mio oggi sei tu”

Incidente Roma, i genitori di Gaia contro i media: “Ricostruzioni fantasiose, Gaia era matura e responsabile”

387
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.