Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Riaperture precoci, porteranno a un alto numero di morti”: lo studio ignorato dal governo

Immagine di copertina

Covid, lo studio inviato al Cts ignorato dal governo: “Riaperture precoci”

Le riaperture previste nel nuovo decreto anti-Covid in vigore da oggi, lunedì 26 aprile 2021, sono “precoci” e possono portare a un “costante ma alto numero di morti giornaliere”: è quanto rivela uno studio che la Fondazione Bruno Kessler ha presentato al Cts e che è stato ignorato dal governo.

Secondo quanto svelato da Il Fatto Quotidiano, infatti, Stefano Merler, epidemiologo matematico della Fondazione Bruno Kessler di Trento, che già a febbraio 2020 aveva redatto una proiezione, rivelatasi poi esatta, sulla diffusione del Covid in Italia, lo scorso 16 aprile è stato ascoltato dal Comitato tecnico scientifico sulle riaperture.

Il Cts, però, non è stato mai formalmente coinvolto nella decisione del governo di reintrodurre la zona gialla, favorendo di conseguenza la riapertura di diverse attività, nonostante il premier Draghi, nel presentare le nuove misure, avesse parlato di “rischio ragionato” e di “decisioni che sono basate su evidenze scientifiche”.

Merler, quindi, ha spiegato agli esperti che con l’indice Rt a 0,72 al 3 aprile, il “margine per le riaperture” era di circa 0,28, vale a dire che era possibile riaprire un terzo delle attività chiuse fino a quel momento per evitare che il tasso di riproduzione superasse 1.

Nel corso dell’incontro, inoltre, l’esperto ha giudicato “precoci” le riaperture sottolineando che queste avrebbero potuto portare a un “costante ma alto numero di morti giornaliere”.

Un rischio, invece, che sarebbe “estremamente ridotto con riaperture a valle di un marcato calo dell’incidenza” per esempio “a partire da inizio-metà maggio, mantenendo un Rt inferiore a 1”.

In conclusione, Merler avvisava gli esperti che “con l’aumento dell’Rt a 1,1 l’epidemia potrebbe non essere facilmente controllabile”. Se l’Rt salisse a 1,25, invece, secondo l’epidemiologo il Paese rischierebbe una “quarta ondata”, che richiederebbe “misure importanti” per scongiurare “un altissimo numero di morti in breve tempo”.

Sulla base di questo studio, Andrea Crisanti, direttore di Microbiologia e virologia dell’università di Padova, vorrebbe promuovere un accesso agli atti della presidenza del Consiglio, del ministero della Salute e del Cts, per capire sulla base di quali evidenze scientifiche il governo si sia assunto un “rischio calcolato”.

“Ne ho parlato con Massimo Galli, Roberto Battiston e Nino Cartabellotta – ha rivelato Crisanti – e anche loro sono d’accordo sull’accesso agli atti della Presidenza del Consiglio, del ministero della Salute e del Cts”. D’altronde lo stesso Galli, commentando la decisione del governo sulle riaperture, aveva parlato di “rischio calcolato male“.

Leggi anche: Bar e ristoranti, le regole in vigore da oggi: cosa si può fare e fino a che ora

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il no vax e no green pass Fabio Tuiach positivo al Covid: “Colpa degli idranti usati dalla polizia”
Cronaca / Covid, oggi 2.535 casi e 30 morti: tasso di positività all'1,1%
Cronaca / Borghese: “Non trovo personale per cucina e sala, i giovani non vogliono più fare gli chef”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il no vax e no green pass Fabio Tuiach positivo al Covid: “Colpa degli idranti usati dalla polizia”
Cronaca / Covid, oggi 2.535 casi e 30 morti: tasso di positività all'1,1%
Cronaca / Borghese: “Non trovo personale per cucina e sala, i giovani non vogliono più fare gli chef”
Cronaca / Le scuole clandestine dei figli no vax: viaggio in Alto Adige tra i genitori che isolano i figli per ribellarsi al Covid
Cronaca / La raccolta fondi di Cliomakeup e Operation Smile Italia per malformazioni cranio-maxillo-facciali è già sold out
Cronaca / Cannabis terapeutica, Costa: “Presto prodotta anche da privati”
Cronaca / Nasce Kebhouze, la nuova catena di kebab di Gianluca Vacchi
Cronaca / Il 3 dicembre la Convention “Il Mondo Nuovo – La Ripartenza”. La presidente della Fondazione Guido Carli: “Viviamo un nuovo inizio”
Cronaca / No Green pass, manifestante aggredisce una dottoressa sulla metro: colpita da una testata
Cronaca / Migranti, allarme di Alarm Phone: “68 persone in pericolo, molti sono bambini”