Covid ultime 24h
casi +20.648
deceduti +541
tamponi +176.934
terapie intensive -9

Covid, il numero dei ricoveri quotidiani in terapia intensiva è il doppio di quello comunicato ufficialmente nei bollettini

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 10 Nov. 2020 alle 11:55 Aggiornato il 10 Nov. 2020 alle 12:04
3
Immagine di copertina

Covid, i ricoveri quotidiani in terapia intensiva sono il doppio di quelli ufficiali

Il numero dei ricoveri quotidiani in terapia intensiva a causa del Covid è molto probabilmente il doppio di quello comunicato ufficialmente e quotidianamente nel bollettino della Protezione Civile. Lo sostiene, in un’intervista a Il Messaggero, Nino Cartabellotta, presidente di Gimbe, la fondazione che elabora statistiche sul sistema sanitario e sul Coronavirus. Ogni giorno, infatti, il ministero della Salute non rivela quanti siano stati i ricoveri nell’area ospedaliera, ma solamente il saldo tra un giorno e l’altro. “La mancanza di questi dati è inaccettabile – dichiara Cartabellotta – da mesi li stiamo chiedendo, ma neppure sappiamo se esistano. Ogni giorno viene semplicemente comunicato un saldo, che ci fa comprendere la percentuale di occupazione dei posti di terapia intensiva. Certo, è utile. Ma non basta. Paradossalmente quel numero è più basso se muoiono molti pazienti. Invece, avere un dato puntuale dei flussi in entrata e in uscita, aiuterebbe a comprendere meglio l’andamento dell’epidemia”.

Matteo Bassetti, direttore della clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, non solo sottoscrive le perplessità di Gimbe, ma sottolinea anche un altro problema: “Non c’è omogeneità tra i dati delle diverse Regioni. Nei differenti territori si utilizzano criteri per la classificazione di un paziente in terapia intensiva o in sub intensiva, che non coincidono. Consideriamo solo chi è intubato? Chi ha la respirazione assistita con il casco come viene contato? Quali sono i criteri di ospedalizzazione? Da Regione a Regione ci sono parametri non uguali”.

Secondo Bassetti, ma anche Massimo Andreoni, professor del Policlinico Tor Vergata di Roma, sul totale dei casi positivi registrati ogni giorno, circa lo 0,5 per cento finisce in terapia intensiva. Questo porta alla conclusione che, mediamente, il numero dei ricoveri in terapia intensiva è circa il doppio di quelli che vengono comunicati quotidianamente attraverso il saldo proposto nel bollettino. La scorsa, secondo quanto scrive Mauro Evangelisti, esattamente da sabato 31 ottobre a sabato 7 novembre sono stati occupati 841 posti in più di terapia intensiva, ma i pazienti che sono realmente finiti intubati sono circa 1.400–1.500″. Tuttavia si tratta solamente di stime, mentre, come sottolinea Nino Cartabellotta “servirebbero dati certificati e costanti”.

Leggi anche: 1. Covid, il 15 novembre è la data chiave per scongiurare un nuovo lockdown in Italia / 2. Liguria, Umbria, Abruzzo, Toscana e Basilicata in zona arancione. Oggi si decide per la Campania / 3. Esclusivo TPI – Inchiesta tamponi falsi Campania, parte 2. Parla il principale indagato: “La Asl Napoli 3 sapeva, ho fatto test per loro. Ho le fatture che lo dimostrano” /4. Covid, la denuncia di una 26enne a Milano: “Sono malata di cancro, ma la pandemia mi impedisce cure e l’intervento

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

3
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.