Covid ultime 24h
casi +29.003
deceduti +822
tamponi +232.711
terapie intensive -2

Liguria, Umbria, Abruzzo, Toscana e Basilicata in zona arancione. Oggi si decide per la Campania

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 9 Nov. 2020 alle 19:02 Aggiornato il 10 Nov. 2020 alle 06:45
0
Immagine di copertina

Covid, cinque nuove Regioni diventano zone arancioni

Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana e Umbria: sono queste le cinque nuove Regioni che diventeranno zone arancioni a partire da mercoledì 11, come stabilisce l’ordinanza che il ministro della Salute, Roberto Speranza, firmerà in serata sulla base dell’ultimo report dell’Iss e del ministero della Sanità sull’epidemia di Covid-19 in Italia. Secondo i 21 parametri (leggi quali sono) con i quali il ministero della Salute ha deciso le aree di rischio, dunque, in cinque Regioni c’è la necessità di alzare il livello di guardia, imponendo nuove e più restrittive misure anti-contagio (qui lo schema delle restrizioni per ogni fascia). La giornata di domani, sempre a quanto si apprende, sarà interamente dedicata alla situazione della Regione Campania.

Tutte e cinque le Regioni erano state inserite nella zona gialla, quella che prevede misure di base uguali per tutti, ovvero chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi, ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno, didattica a distanza per gli studenti dei licei, chiusura delle università, chiusura di mostre e musei, chiusura di bar e ristoranti alle 18 divieto di circolazione dalle 22 alle 5 del mattino.

Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana e Umbria diventano “arancioni”: cosa cambia

Le cinque nuove Regioni entrate a far parte delle zone arancioni vanno ad aggiungersi a Puglia e Sicilia. Ma che cosa cambia per Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana e Umbria? In queste Regioni a partire da mercoledì 11 novembre scatteranno misure più restrittive, che prevedono la chiusura di bar e ristoranti 7 giorni su 7. L’asporto, invece, sarà consentito fino alle 22, mentre non vi saranno limitazioni per le consegne a domicilio. Inoltre saranno vietati gli spostamenti in entrata e in uscita da una Regione all’altra e da un Comune all’altro, salvo comprovati motivi di lavoro, studio, salute, necessità.

Resta ovviamente valido anche per le zone arancioni il divieto di circolazione dalle 22 alle 5 del mattino, la chiusura di mostre e musei, la didattica a distanza per gli studenti dei licei, la chiusura dei centri commerciali nei festivi e nei prefestivi, ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno, la sospensione di attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie.

Leggi anche: 1. Esclusivo TPI – Inchiesta tamponi falsi Campania, parte 2. Parla il principale indagato: “La Asl Napoli 3 sapeva, ho fatto test per loro. Ho le fatture che lo dimostrano” /2. Covid, la denuncia di una 26enne a Milano: “Sono malata di cancro, ma la pandemia mi impedisce cure e l’intervento

3. Calabria, il nuovo commissario alla Sanità Zuccatelli: “Le mascherine non servono a un ca**o” / 4. In Campania mancano 350 medici ma i bandi per le assunzioni sono fermi al 2018 / 5. Vietati i mercatini di Natale, dai nonni solo per forza maggiore: le Faq sul nuovo Dpcm /6. Covid, almeno tre Regioni possono diventare arancioni in base ai nuovi dati

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.