Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:55
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Covid, le misure al vaglio per il dopo Pasqua: ipotesi “zona gialla rafforzata”

Immagine di copertina

Covid, il decreto al vaglio per il dopo Pasqua

La curva epidemiologica preoccupa il governo: ieri i contagi sono stati 23.696 e i decessi 460, le strutture ospedaliere sono ancora in affanno e il tasso di positività è pari al 6,8 per cento. Intanto il monitoraggio della cabina di Regia in programma per oggi vedrà la maggior parte delle Regioni, ad esclusione di Toscana e Lazio – che dovrebbero essere promosse all’arancione – restare in zona rossa.

Per questo si inizia già a pensare a una strategia per il dopo Pasqua da includere nel decreto che entrerà in vigore il 7 aprile, e cioè una soluzione di compromesso tra la necessità di limitare ancora spostamenti e contatti e quella di dare fiato alle attività che sono più in affanno, come bar e ristoranti, ma anche centri estetici e parrucchieri.

Un intervento in questo senso, nelle Regioni in cui i dati sono più rassicuranti, potrebbe essere quello di istituire una “zona gialla rafforzata” e cioè una fascia che comporti parziali aperture di bar e ristoranti almeno all’ora di pranzo e nel primo pomeriggio, e misure da area arancione nei fine settimana, fermo restando il lockdown per il primo maggio.

Un’ulteriore misura da includere nel prossimo decreto per dare fiato ad alcune attività economiche senza mettere a rischio la sicurezza potrebbe essere quella di riaprire parrucchieri e barbieri anche nelle zone rosse (fatta eccezione per i weekend) perché spesso l’appuntamento a domicilio comporta contatti troppo ravvicinati in casa, mentre nei locali si segue un protocollo più rigido.

Intanto, lo stato d’emergenza potrebbe essere prorogato fino a luglio: è la linea del Ministro Speranza, il quale sostiene che in questo modo il governo avrà facoltà di intervenire con decisioni tempestive in caso di ritardi della campagna vaccinale.

Sul prossimo decreto proprio oggi i governatori parteciperanno all’incontro tra Stato e Regioni, ma l’elaborazione è prevista per la prossima settimana: prima di ogni scelta bisognerà ovviamente valutare con attenzione l’andamento della curva epidemiologica e quindi l’effetto delle chiusure ma anche delle parziali riaperture nelle Regioni che passeranno all’arancione.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / 3.797 nuovi casi e 52 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,4%
Cronaca / Trovato morto Giacomo Sartori, il 29enne scomparso una settimana fa a Milano
Cronaca / A chi esulta per Dell’Utri do una notizia: non è stato assolto dalle condanne precedenti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / 3.797 nuovi casi e 52 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,4%
Cronaca / Trovato morto Giacomo Sartori, il 29enne scomparso una settimana fa a Milano
Cronaca / A chi esulta per Dell’Utri do una notizia: non è stato assolto dalle condanne precedenti
Cronaca / Rilasciato l’ex presidente catalano Puigdemont: era stato arrestato in Sardegna
Cronaca / È arrivato il numero 2 del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / 4.061 nuovi casi e 63 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,3%
Cronaca / Draghi all’assemblea di Confindustria: “Il green pass è strumento di libertà, no a nuove tasse”
Cronaca / DIG Festival 2021: il giornalismo investigativo a Modena dal 30 settembre al 3 ottobre
Cronaca / Milano, 30enne scomparso da 5 giorni: sparito dopo il furto del suo zaino
Cronaca / 3.970 nuovi casi e 67 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,3%