Coronavirus in Italia. Il bollettino di oggi: 8 morti e 208 nuovi casi. A Roma 39 casi dal Bangladesh

Le ultime notizie sul Covid-19 nel nostro Paese

Di Giulia Angeletti
Pubblicato il 6 Lug. 2020 alle 06:30 Aggiornato il 6 Lug. 2020 alle 20:25
43
Immagine di copertina

Coronavirus in Italia, le ultime notizie di oggi

CORONAVIRUS ITALIA ULTIME NOTIZIE – Sono 14.642 le persone attualmente positive al Coronavirus in Italia, con 34.861 morti, 192.108 guariti, per un totale di 241.611 casi complessivi registrati nel nostro Paese dall’inizio dell’epidemia. Qui le ultime notizie sul Covid-19 nel mondo. Di seguito le ultime notizie dall’Italia sul Coronavirus di oggi, lunedì 6 luglio 2020, aggiornate in tempo reale.

Ore 20.20 – A Roma 39 casi dal Bangladesh – I rientri dai paesi a rischio sono diventati la priorità da gestire per la Regione Lazio. Nelle ultime 24 ore nella Capitale si sono registrati 12 nuovi casi collegati a rientri dal Bangladesh che raggiungono così un totale di 39 contagiati negli ultimi giorni. La preoccupazione della Ragione Lazio sale sia per l’aumento dell’infezione, con il rischio di possibili nuovi focolai, sia per la gestione delle persone che in questi giorni sono arrivate da Dacca, capitale dello stato asiatico. La comunità bengalese si dice collaborativa. “Oggi test e tamponi a Fiumicino. Va garantito isolamento. Stiamo predisponendo l’ordinanza per garantire che vengano eseguiti i test e i tamponi a tutti i viaggiatori del volo speciale in arrivo oggi da Dacca (Bangladesh) autorizzato dall’Enac” fa sapere l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato, responsabile dell’Unità di Crisi Covid-19 della Regione Lazio.

A stretto giro la Regione fa sapere che l’ordinanza per i controlli sui voli dal Bangladesh è stata firmata. “Nell’ambito delle ulteriori misure di prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-2019, la Regione Lazio ha emesso un’ordinanza per aumentare i controlli sui voli speciali provenienti da Dacca -si legge in una nota -. In particolare l’ordinanza prevede che: i passeggeri dei voli speciali provenienti da Dacca (Bangladesh) e autorizzati dall’Enac siano sottoposti, al loro arrivo, al test sierologico e a quello molecolare, affinché venga verificata tempestivamente l’eventuale positività e limitata la circolazione del virus; l’attività di esecuzione dei test sarà condotta dalla Asl Rm3 territorialmente competente, avvalendosi anche della collaborazione delle Uscar”.

Ore 17.20 – Il bollettino della protezione civile – È di 14.709 (+67) persone attualmente positive, 34.869 (+8) morti, 192.241 (+133) guariti, per un totale di 241.819 (+208) casi totali, il bilancio odierno relativo all’epidemia di Coronavirus in Italia emerso dal consueto bollettino diffuso dal ministero della Sanità. Dei 14.709 attualmente positivi, 946 (+1) sono ricoverati con sintomi, 74 (-2) necessitano di cure nei reparti di terapia intensiva, mentre 13.691 (+68) sono in isolamento domiciliare. I tamponi effettuati sono stati 22.166. Qui il bollettino 

Ore 16.22 – Speranza: “Tamponi per arrivi da Paesi extra Schengen” – “I tamponi all’arrivo dai Paesi extra Schengen sono una misura ulteriore, ma non sostitutiva della quarantena”. Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza arrivando alla Catalent di Anagni. “E’ giusto fare tutto il possibile per aumentare i controlli su chi arriva da Paesi con circolazione del Covid-19 sostenuta – ha aggiunto – per questo l’ordinanza che ho firmato il 30 giugno prevede l’isolamento per 14 giorni e la sorveglianza sanitaria per chi proviene da tutti i Paesi extra Schengen”.

Ore 15,50 – Zampa: “Rilassamento eccessivo, ma focolai previsti” – “Da un lato c’è un rilassamento eccessivo ma dall’altro lato i focolai erano stati previsti perché il virus continua ad essere attivo, a riprodursi e a infettare tutti quelli che incontra. Finché il virus c’è, i piccoli focolai possono continuare a presentarsi”. Lo ha dichiarato il sottosegretario alla Salute, Sandra Zampa.

Ore 15,30 – Speranza: “Decisiva quarantena arrivi extra Schengen” – “È giusto fare tutto il possibile per aumentare i controlli su chi arriva in Italia da Paesi con circolazione del Covid-19 sostenuta. Per questo l’ordinanza che ho firmato il 30 giugno prevede l’isolamento per 14 giorni e la sorveglianza sanitaria per chi proviene da tutti i Paesi extra Schengen. I tamponi all’arrivo sono una misura ulteriore, ma non sostitutiva della quarantena”. Lo ha dichiarato il ministro della Salute Roberto Speranza.

Ore 14.10 – Assembramenti, chiuso stabilimento balneare vicino Roma – Nel corso dei servizi straordinari di controllo del territorio, il Commissariato di Polizia di Fiumicino ha proceduto alla chiusura immediata e per 5 giorni di uno stabilimento balneare sul lungomare di Maccarese, per “palese violazione delle misure sul distanziamento sociale”. Il provvedimento si è reso necessario perché l’elevato numero di persone, che “stipate ai tavoli consumavano alimenti e bevande ed ascoltavano musica, non ha permesso, rispetto allo spazio disponibile, di ripristinare le idonee distanze. Inoltre, gli avventori, mentre per la ressa si spostavano a fatica all’interno del locale, non utilizzavano sistemi di protezione”. Lo stesso esercizio commerciale, per analoghi motivi, era stato già chiuso nei giorni scorsi.

Ore 12,50 – Il bollettino dello Spallanzani – “In questo momento sono ricoverati presso il nostro istituto 85 pazienti. Di questi, 42 sono positivi al tampone per la ricerca Sars-Cov2 e 43 sono sottoposti a indagini”. È quanto si legge nel consueto bollettino quotidiano diramato dall’ospedale Spallanzani di Roma in cui si sottolinea anche che “4 pazienti necessitano di terapia intensiva” e che “i pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali sono a questa mattina 506”.

Ore 12,35 – Salvini: “Fontana vittima di massacro mediatico” – Il presidente della regione Lombardia Attilio Fontana è “vittima di un massacro mediatico senza precedenti” e sta “pagando” l’effetto Covid. Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini commentando il calo di gradimento registrato dal governatore lombardo, scivolato al 13esimo posto, nella classifica del Sole24Ore, sulla governance pool. “Fontana sta scontando un massacro mediatico ingiustificato – secondo Salvini – visto per mesi si è scritto della zona rossa a sproposito mentre competeva ad altri”.

Ore 11,30 – Zaia: “In Veneto situazione assolutamente tranquilla” – “Noi assieme ai cittadini abbiamo fatto un ottimo lavoro in questi mesi e i risultati ci sono, abbiamo una situazione assolutamente tranquilla. Il fatto che si passi da una situazione con Rt da 0,43 a 1,62 è un fatto anche di logica matematica, che ha poco e cresce di qualcosa fa balzare il dato, quindi questo non mi preoccupa. La vera preoccupazione che abbiamo noi veneti, che ci consideriamo sostanzialmente in una situazione assolutamente tranquilla, sono i virus importati”.

Ore 8,30 – Salvini: “Cina sanguinaria, nostro governo dorme” – “Trattare con la Cina significa trattare con un regime sanguinario, non solo per la questione Hong Kong. Ci sono 161 Paesi che hanno votato la richiesta di una commissione d’inchiesta, ovviamente il governo italiano dorme. In Parlamento c’è una proposta di legge della Lega per istituire in Italia, come accaduto in mezzo mondo, una commissione d’inchiesta internazionale, mi sembra chiaro ed evidente, non so se volontariamente o involontariamente, che la Cina abbia contagiato il resto del mondo e ora non vorrei che venissero a comprare sottocosto alberghi, aziende, case, terreni, o fabbriche italiane”.

Ore 06.30 – Zingaretti: “Tamponi in aeroporto per gli arrivi da Paesi a rischio” – “I nuovi dati sui contagi ci dicono che la riapertura delle frontiere da molti Paesi ancora ad alto rischio richiede nuove e tempestive misure di prevenzione e controllo degli arrivi. Urgono decisioni per prevedere tamponi in aeroporto per le persone che nei giorni precedenti all’arrivo hanno soggiornato in questi Paesi”. Lo afferma il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

CORONAVIRUS ITALIA – COSA È SUCCESSO IERI

Nella provincia di Mantova più contagi che a Milano – La provincia di Mantova, dove negli ultimi giorni si sono verificati alcuni focolai, supera quella di Milano per numero di nuovi contagi, che sono 17 (ieri erano 13) contro i 16 nuovi casi del capoluogo lombardo. Secondo i dati forniti dalla Regione, è in leggero aumento il numero dei nuovi contagi da Coronavirus in Lombardia, con 98 casi (di cui 43 a seguito di test sierologici e 20 ‘debolmente positivi’) nelle ultime 24 ore (ieri erano 95) per un totale di 94.396. I tamponi effettuati in 24 ore sono stati 8.772. In diminuzione, invece, i morti che sono 6 in un giorno (16.697 in totale), mentre ieri ne erano stati registrati 16. “Continuano ad aumentare i guariti”, segnala anche la Regione. Stabile il dato delle terapie intensive (36 i ricoverati).

Mantova, focolai in macelli e salumifici: 68 positivi tra i dipendenti – Salgono a 68 i lavoratori (non tutti residenti nel Mantovano), perlopiù asintomatici o paucisintomatici, risultati contagiati nei 5 macelli tra Viadana e Dosolo, di cui due ricoverati in ospedale, in condizioni che non sarebbero gravi. L’ultima segnalazione dell’Ats Valpadana arriva dal salumificio Fratelli Montagnini di Viadana, dove ieri le squadre Usca (Unità speciali di continuità assistenziale) sono intervenute per sottoporre a tampone 26 dipendenti, dopo che uno di loro era stato ricoverato in ospedale con febbre alta. L’esito dello screening ha consentito di scoprire 5 positivi, tra cui 3 dipendenti di una cooperativa che lavorano nel salumificio.

Le attività produttive interessate da questi nuovi focolai sono il salumificio Gardani (11 casi di positività tra i dipendenti), il macello Ghinzelli (41 casi), il salumificio Rosa (6 casi) e il salumificio Fratelli Montagnini (5), tutti a Viadana, e il macello Martelli di Dosolo (5 casi). Tutte le strutture, tranne il Montagnini, funzionano regolarmente (nei giorni scorsi l’interruzione dell’attività aveva riguardato, ma solo per tre giorni, il macello Ghinzelli).

Speranza: “Valutiamo il Tso per chi rifiuta la quarantena obbligatoria” – “Sto valutando con il mio ufficio legale l’ipotesi di trattamenti sanitari obbligatori nei casi in cui una persona deve curarsi e non lo fa”: lo ha riferito a Repubblica il ministro della Salute Roberto Speranza, parlando del caso dell’imprenditore veneto che ha rifiutato le cure ed è andato in giro pur essendo positivo al Coronavirus. “Ma attenzione”, ha aggiunto il ministro, “il mio giudizio su come si sono comportati gli italiani in questa crisi è positivo, senza questa sintonia di fondo tra le misure adottate e i comportamenti individuali noi non avremmo piegato la curva”. Per Speranza “l’unico strumento che funziona e ha funzionato” resta “la persuasione” per “far capire a tutti che finché il virus sarà attivo dovremo rispettare le tre regole rimaste: mascherina, distanziamento fisico di almeno un metro senza assembramenti e rispetto delle regole igieniche a partire dal lavaggio delle mani”.

Roma, contagiata una famiglia di 4 persone ai Castelli: tamponi a tappeto – Una famiglia di 4 persone residente a Zagarolo e di origine romena risulta positiva al Coronavirus. Il nucleo familiare risulta legato al cluster del Casilino dove un bambino di 5 anni ha varcato l’ingresso di una struttura ricreativa estiva aperta da privati risultando positivo al Coronavirus. Si tratta di padre, madre, una figlia di 16 anni che sono risultati positivi sebbene asintomatici. Se non si fossero sottoposti ai tamponi non avrebbero mai scoperto di avere il Covid-19. Al momento l’unica certezza è che hanno avuto contatti diretti con i due fratelli residenti in zona Casilina e per questo motivo sono stati sottoposti ai tamponi.

Giorgia Meloni: “Hanno provato a comprarci con il decreto mangiatoia” – “La verità è che hanno provato a comprarci”: la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni,in un’intervista al Corriere della Sera, ha spiegato il senso dell’accusa lanciata nella manifestazione di Piazza del Popolo.”Avrebbero voluto che ci sedessimo anche noi intorno alla mangiatoia del decreto rilancio: 11 milioni per l’Expo di Dubai, 10 milioni alla Motorizzazione civile, 120 per il bonus monopattino e un finanziamento pure per la fondazione di Franceschini… Ma noi non siamo in vendita”, ha affermato. La leader di FdI ha minimizzato gli scenari di un governo alternativo a quello Conte evocati da Silvio Berlusconi: “Un governo giallo, rosso e blu? E perché mai? Io mi fido del presidente della Repubblica, che ha sempre detto che l’unica alternativa a questo governo è il voto. Un governo di irresponsabili, vogliamo dirlo? Con l’Italia che rischia un’ecatombe occupazionale mentre loro sfornano un decreto dopo l’altro. Decreto Dignità, Rilancio, Semplificazioni, Cura Italia: tanti nomi diversi come i sette nani. Parole, propaganda e però niente fatti. Intanto, c’è gente che da marzo ancora non ha preso i soldi della cassa integrazione”.

Focolaio di Ravenna: altri 12 braccianti contagiati – Si aggrava la situazione del focolaio di Ravenna, in Emilia-Romagna. Circa una settimana fa era stata scoperta la positività di 9 persone originarie del Bangladesh e residenti tra Ravenna e Cervia. In questi giorni, i tamponi effettuati hanno permesso di scoprire la positività di altri 12 persone, anch’esse di origine bengalese. Si tratta di braccianti agricoli che lavorano in un’azienda della città. Le autorità sanitarie stanno ancora effettuando tamponi a tappeto nella zona e si teme che il numero di contagi possa aumentare nei prossimi giorni.

Leggi anche:

1. Salvini e i suoi poliziotti: ma mio figlio ha il coraggio delle sue idee (di Selvaggia Lucarelli) / 2. Beppe Sala a TPI: “Se tornassi indietro, parlerei di meno. Non so se mi ricandido a sindaco di Milano” / 3. Stabilimenti balneari, il Parlamento si inventa il “condono”: concessioni a prezzi irrisori e senza gare

4. Meloni a TPI: “Mentre gli italiani muoioni di fame, il governo pensa a regolarizzare i clandestini” / 5. In Italia crolla la vendita di mascherine: “Calo di due terzi, mentre i contagi aumentano” / 6. Camici per medici forniti da ditta della moglie di Fontana: Procura indaga per turbativa d’asta

43
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.