Coronavirus:
positivi 56.594
deceduti 32.785
guariti 140.479

Coronavirus, ultime notizie. In Italia oltre 4mila morti, 37.860 contagi, 5.129 guariti. Ordinanza del Governo: “Ok sport da soli e vicino a casa”

Le ultime notizie dell'epidemia di Covid-19 in Italia

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 20 Mar. 2020 alle 06:42 Aggiornato il 20 Mar. 2020 alle 20:42
212

Coronavirus in Italia: le ultime notizie di oggi

CORONAVIRUS ITALIA ULTIME NOTIZIE – Continua l’epidemia di Coronavirus in Italia, che ieri, giovedì 19 marzo, è diventato ufficialmente il Paese con più morti al mondo, più della Cina. Stando all’ultimo bollettino della Protezione Civile, in Italia i morti hanno superato i 4mila, mentre il totale dei contagiati è di 37.860 e quello dei guariti di 5.129. Dato che spaventano e fanno riflettere, nel giorno in cui la Regione Lazio ha deciso di istituire una nuova zona rossi a Fondi, in provincia di Latina, che a partire dalla mezzanotte di ieri è diventata come Codogno e gli altri comuni del Nord cinturati per il Coronavirus. Qui tutte le ultime notizie sulla pandemia di Covid-19 dal mondo. Di seguito, invece, le ultime notizie dall’Italia:

Ore 20,20 – Task force di 300 medici volontari: c’è il bando – Un bando per arruolare temporaneamente alla Protezione civile 300 medici volontari è stato attivato questa sera nella lotta all’epidemia di Coronavirus. Lo hanno annunciato in conferenza stampa il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, e il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, parlando di “forza rapida di intervento”. “Il governo si è fatto carico del grido d’allarme lanciato dagli ospedali e questa task force andrà subito in Lombardia – ha detto Boccia – C’è bisogno che i medici che aderiscono lo facciano con la forza dello Stato, che c’è dietro, e che abbiano il sostegno di tutti. Stiamo chiedendo a migliaia di medici di valutare. La nostra corsa dev’essere più veloce di quella del virus e far sì che possa essere vinta”.

Ore 19,55 – Le nuove decisioni del governo: sport da soli e vicino a casa – Come annunciato nel corso della conferenza stampa delle 18, il governo è al lavoro su una nuova ordinanza che prevede ulteriori restrizioni sul tema di contenimento dell’epidemia di Coronavirus. Secondo le prime indiscrezioni, l’ordinanza (non ci sarà quindi un nuovo Dpcm) regola innanzitutto l’attività motoria, che sarà consentita solo “nei pressi della propria abitazione, purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona”. Rimane inoltre vietato “vietato l’accesso del pubblico ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici”. Un’altra misura prevista dall’ordinanza esprime il divieto, “nei giorni festivi e prefestivi, nonché in quegli altri che immediatamente precedono o seguono tali giorni, di ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza”.

Resteranno inoltre chiusi “gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, posti all’interno delle stazioni ferroviarie e lacustri, nonché nelle aree di servizio e rifornimento carburante, con esclusione di quelli situati lungo le autostrade, che possono vendere solo prodotti da asporto da consumarsi al di fuori dei locali; restano aperti quelli siti negli ospedali e negli aeroporti”. Le nuove misure saranno valide dal 21 al 25 marzo, data di scadenza del Dpcm che aveva imposto la chiusura di bar e negozi. (La notizia completa).

Ore 19,15 – Scoperta molecola in grado di bloccare il Coronavirus – Gli studiosi dell’Università di Lubecca, in Germania, hanno scoperto una nuova molecola in grado di bloccare il diffondersi del Covid-19. La molecola è stata ribattezzata “13b” e la sua scoperta potrebbe dare una grossa mano per lo sviluppo di nuovi farmaci. (Leggi la notizia completa).

Ore 18,35 – Modena, sorpresi a bere birra al parco: “Siamo immuni” – Curioso episodio avvenuto ieri al parco Pertini di Modena: due uomini di nazionalità nigeriana sono stati sorpresi dalla polizia, nel corso dei consueti controlli per il rispetto delle norme di isolamento per il Coronavirus, a bere una birra in tutta tranquillità. “Siamo immuni al virus – è stata la loro spiegazione – perché siamo di etnia subsahariana. A noi non colpisce”. Entrambi, un 27enne ed un 38enne, sono stati per questo denunciati a fronte dell’inosservanza dei provvedimenti dell’autorità.

Ore 18,20 – Borrelli: “Terapie intensive da 5.400 a 8.000” – “Siamo partiti a inizio emergenza da 5.400 posti di terapia intensiva, siamo arrivati intorno agli 8.000 e stano ancora crescendo. Sono cresciuti anche i posti nei reparti specializzati, c’è un’attività di potenziamento richiesta dal ministero della Salute e messa in atto dalle Regioni”. Lo ha detto il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, nel corso della conferenza stampa di oggi. “E’ evidente – ha aggiunto – che i posti di terapia intensiva sono tutti occupati e si lavora in modo sostenuto e impegnativo ma non ci sono problemi di questo tipo”.

Ore 18 – Il bollettino della Protezione civile di oggi – Ecco i dati aggiornati sull’epidemia di Coronavirus in Italia, forniti come sempre dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli nel corso della conferenza stampa delle ore 18. In Italia, a oggi, ci sono 37.860 contagiati (ieri erano 33.190, +4.670), 4.032 morti (ieri erano 3.405, +627) e 5.129 guariti (ieri 4.440, +689). I casi totali, quindi, sono arrivati a 47.021 (ieri erano 41.035, +5.986). Il totale dei ricoverati con sintomi è di 16.020 (ieri 15.757, +263), mentre i pazienti in terapia intensiva sono attualmente 2.655 (ieri 2.498, +157). In isolamento domiciliare ci sono invece 19.185 persone (ieri 14.935, +4.250). Il bollettino di oggi.

Guardando ai numeri di oggi, si può notare un triste record: mai, finora, c’erano stati così tanti morti (627) in un solo giorno. L’aumento dei contagi (+14,58 per cento) è invece in linea con quello di ieri. In numeri assoluti (morti più contagi), oggi in Italia sono stati registrati quasi 6mila casi in più di Coronavirus.

Bollettino protezione civile oggi

Dunque, se consideriamo che ieri (rispetto all’altroieri) c’erano stati 2.648 contagi, 475 morti e 1.084 guariti in più, oggi i contagi sono aumentati (+4.480), i morti sono diminuiti di poco (+427) e i guariti sono molti di meno (+415).

Coronavirus Italia ore 16 – Napoli, estubati due pazienti curati con il Tocilizumab – Il Tocilizumab, farmaco anti-artrite in sperimentazione su alcuni pazienti affetti da Coronavirus a Napoli, sembra funzionare: ieri due pazienti, ricoverati in gravi condizioni nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Cotugno, sono stati estubati. Ora sono stati spostati in un reparto di degenza tradizionale. (Qui la notizia completa).

Ore 15,20 – Supermercati e negozi alimentari aperti nel weekend. Da Palazzo Chigi arriva una precisazione circa alcune ipotesi circolate nelle ultime ore: “I supermercati, gli ipermercati e i negozi di generi alimentari resteranno aperti durante il fine settimana”.

Ore 14,40 – Roma, arriva la stretta sui controlli: da domani verranno fermate tutte le auto – Anche Roma decide di dare un’ulteriore stretta ai provvedimenti per evitare il diffondersi dell’epidemia da Coronavirus. Così, da domani e “fino a nuova diversa disposizione”, le pattuglie della Polizia locale dovranno verificare tutti i veicoli con specifici posti di blocco e non più solo con i normali controlli a campione effettuati fino ad oggi. La disposizione è contenuta nelle circolari diramate oggi dal Campidoglio. “I veicoli – si legge – devono essere tutti accodati e sottoposti al controllo, la eventuale fila di vetture deve interrompersi solo in presenza di evidente situazione di pericolosità per la sicurezza della circolazione”. I controlli avverranno nella fascia oraria 7-20.

Coronavirus Italia ore 14,20 – Veneto, parchi chiusi e niente supermercati alla domenica. Ma la Lombardia non è d’accordo – Con una nuova ordinanza valida fino al 3 aprile, la Regione Veneto ha deciso di chiudere i parchi e vietare le passeggiate (anche quelle con il cane, eccetto se nei pressi dell’abitazione). “Mi spiace – ha detto il governatore Luca Zaia – ma i dati ci fanno preoccupare. Chiedo assolutamente la collaborazione dei veneti, ma la priorità è la salute dei veneti e va tutelata in ogni modo. Anzi, forse è ancora poco”. L’ordinanza prevede anche la chiusura di tutti i negozi (anche quelli alimentari) la domenica, ad eccezione delle farmacie e delle parafarmacie.

Tuttavia, sul tema dei supermercati si consuma uno scontro a distanza tra il Veneto e la Lombardia, la Regione di gran lunga più colpita dall’epidemia. L’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, in mattinata si è detto contrario alla riduzione degli orari dei negozi di alimentari: “Sarebbe un grave errore – ha detto all’Aria che Tira su La7 – e io li lascerei aperti sempre. Non c’è un’emergenza alimentare, non creiamo il panico nella gente che pensa di non trovare da mangiare, si affollerà e già oggi ci sono code molto lunghe perché si rispettano le regole del distanziamento. Non ha senso chiudere alle 18”.

Ore 14 – Fontana: “Casi aumentano, serve una stretta. Sì dal governo per l’esercito in strada” – “Già ieri ho fatto una serie di richieste al governo: una, quella legata all’uso dell’esercito, è stata accolta in una maniera per ora limitativa, perché 114 militari per tutta la Lombardia sono pochi. Penso che si debba aggiungere uno zero per iniziare ad affrontare il problema, ma è positivo che questa istanza sia stata raccolta dal governo”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, durante una conferenza stampa sull’emergenza Coronavirus. Il governatore ha anche anticipato che “purtroppo i numeri neanche oggi stanno andando bene, né come nuove infezioni né come deceduti, ma stanno aumentando”.

Tra le misure che i sindaci e la Regione hanno chiesto al governo, il governatore ha indicato: “Limitazione dell’attività fisica e di uffici e studi professionali; chiusura dei cantieri; ulteriore limitazione delle attività commerciali; valutazione delle attività produttive che possano ritenersi assolutamente estranee alle filiere essenziali per l’attività  della nostra regione e di tutto il Paese. Queste sono cose che penso inseriremo nel documento che nel pomeriggio concorderemo con gli altri sindaci e che verranno mandate come richieste al governo”. Poi, una precisazione: “Se tali richieste dovessero essere disattese, a nostra volta emaneremo dei provvedimenti, che abbiamo stabilito debbano essere congiunti tra Regione e sindaci, per limitare comunque le attività che riteniamo incompatibili”.

Ore 13,55 – Brescia, muore cassiera: chiuso un market – Da questa mattina è stato chiuso il supermercato della catena Simply Market a Brescia, dopo che nella notte è morta una dipendente, risultata positiva al Coronavirus. La donna aveva 48 anni, lavorava come cassiera ed era a casa da inizio settimana con febbre alta. Le sue condizioni si sono aggravate nella notte e stamattina la donna è morta in casa. Il supermercato è stato chiuso per consentire la sanificazione dei locali.

Ore 13,30 – Pesaro, morta una ragazza di 27 anni: più giovane vittima in Italia – Nella giornata di ieri a Pesaro è morta una ragazza di 27 anni, con diverse patologie pregresse, a causa dell’infezione da Coronavirus. Si tratta della più giovane vittima in Italia: la ragazza, di cui non sono state rese note le generalità, supera in questo triste record il barista brianzolo di 32 anni deceduto qualche giorno fa. (Qui la notizia completa).

Coronavirus Italia ore 13,18 – Borrelli: “Picco nei contagi? Forse tra due settimane” –  “Le previsioni le fanno gli esperti, sicuramente è giusto farle, ma poi bisogna vedere se le previsioni vengono confermate dai fatti. Forse il picco non arriverà la prossima settimana, ma quella dopo. Tutti dicono che stiamo andando verso il picco, speriamo arrivi quanto prima”. lo ha detto Angelo Borrelli, capo della protezione civile, intervenuto ai microfoni di Rai Radio2 nella trasmissione “I Lunatici”. Sull’importanza di seguire un corretto comportamento: “L’ottimismo e la speranza non li metto mai via. Ci devono venire dai comportamenti che stanno adottando i nostri connazionali. Serve assoluta prudenza, bisogna uscire il meno possibile. E’ fondamentale per contenere i contagi. Bisogna evitare i contatti umani e muoversi il meno possibile. Evitare di uscire di casa se non strettamente necessario. Gli epidemiologi ci dicono che se noi conduciamo una vita assolutamente normale la percentuale di persone che viene colpita dal coronavirus è molto più alta. Per questo si adottano misure come quelle adottate in Cina”. Sull’attività fisica all’aperto: “Sarebbe giusto proibirla? Secondo me sì, sarebbe giusto proibire l’attività sportiva all’aperto. Se dobbiamo fare dei sacrifici, dobbiamo farli per tutte le ragioni. Bisogna evitare anche la corsa all’aperto. La faremo tra una decina di giorni, o quando sarà”

Ore 12,39 – Il nuovo bollettino dello Spallanzani. I pazienti Covid-19 positivi sono in totale 211, di questi 19 necessitano di supporto respiratorio. Lo si legge nel bollettino medico diramato oggi dallo Spallanzani. “Come da cronoprogramma, sono attive da oggi altre sei postazioni di terapia intensiva allo Spallanzani e cinque a Casal Palocco”, specifica il bollettino. “I pazienti dimessi, che hanno superato la fase clinica e che sono negativi per la ricerca dell’acido nucleico del nuovo coronavirus sono 324”. In giornata previste ulteriori dimissioni di pazienti già negativi al primo test e comunque asintomatici. L’ospedale romano spiega infine che sono 51 “i pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali, compresa la Città militare della Cecchignola”.

Ore 11,11 – Morto in India medico italiano di Codogno. È morto in India il turista italiano, medico pensionato 69enne di Codogno, che era stato ricoverato nel Rajasthan perché risultato positivo al nuovo Coronavirus. Lo riportano i media indiani. Il turista era in cura al Fortis Hospital di Jaipur e secondo i medici era guarito dal Covid-19 e la sua morte sarebbe dovuta a un attacco cardiaco.

Coronavirus Italia ore 11 – Ventimila soldati in strada per i controlli – Arriveranno in campo i militari contro le violazioni delle misure varate dal governo per contenere il contagio da Coronavirus. Cento soldati si stanno schierando al confine con la Slovenia così come chiesto dalla provincia di Trieste. Militari in arrivo in Campania e Sicilia. Saranno i prefetti a inoltrare all’amministrazione centrale le richieste degli amministratori locali che invocano l’intervento degli uomini della missione “Strade sicure”, che adesso potrebbe essere aumentata di altre 13mila unità, arrivando così a oltre 20mila uomini, per controllare il territorio.

Ore 10,15 – Fontana, nostri medici e infermieri allo stremo – “È dal primo giorno che chiediamo l’invio di nuovi medici, perché ci rendiamo conto che al di là del fatto che manchino i numeri, i nostri sono ormai allo stremo, non ce la fanno più. Sono molto preoccupato del momento in cui i nostri medici, infermieri, operatori, dovessero cedere fisicamente.Stanno dimostrando anche una resistenza fisica, oltre che morale, incredibile, ma se dovessero cedere saremmo in una situazione insostenibile”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, parlando dell’emergenza coronavirus, in collegamento con Mattino 5. “L’altro giorno, nella riunione di tutte le Regioni con il governo, è stato proposto di mandare dei medici, che oltre a dare una mano a noi avrebbero potuto fare esperienza specifica sull’emergenza. Però purtroppo è difficile. Il primo giorno ho chiesto che rientrassero in servizio i neo pensionati, o quelli che stanno finendo specializzazione, purtroppo però non abbiamo avuto riscontri come io auspicavo”, ha aggiunto Fontana.

Ore 07,40 – Mattarella telefona a Salvini, Meloni e Berlusconi – Nella serata di ieri il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, preoccupato dai segnali di conflittualità politica, ha telefonato ai leader dell’opposizione Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi. Come riporta Repubblica, “la linea del presidente è: collaborare. L’intervento del Capo dello Stato arriva dopo che Salvini aveva manifestato la propria opposizione al decreto Cura Italia, subordinando il sì della Lega all’adozione di modifiche, e esprimendo la sua contrarietà alla commissione speciale redigente proposta dal presidente della Camera Roberto Fico per approvare in maniera semplificata il decreto legge da 25 miliardi.

Coronavirus Italia ore 06,45 – Conte: “24 ore per decidere sulle nuove restrizioni” – Il premier Conte, al termine dell’incontro di ieri sera con i ministri, si è preso 24 ore per decidere se imporre nuove restrizioni. Pressato da alcuni componenti dell’esecutivo, come il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, il premier sarebbe pronto a cedere su nuove misure come: divieto assoluto di attività sportiva all’aperto, contingentamento dell’orario dei servizi essenziali come i supermercati, chiusura di tutti i parchi e le aree verdi, chiusura di altre attività ed esercizi commerciali ancora aperti. La probabile accelerata prevista nelle prossime ore è anche dovuta a un fatto: col bel tempo previsto nel weekend, si teme che troppi italiani si riversino in strade e parchi e, con la scusa dell’attività motoria, creino assembramenti favorendo la diffusione del contagio.

Ore 06.00 – Il ministro Boccia: “Governo valuta nuove restrizioni” – Per contrastare l’epidemia di coronavirus “nelle prossime 24-48 ore sono possibili” nuove restrizioni al vaglio del presidente del consiglio Giuseppe Conte. Lo ha detto il ministro per gli Affari regionali e le autonomie, Francesco Boccia, su La7.

Leggi anche: 1. Coronavirus, l’Italia supera 3mila morti: più della Cina e di tutti gli altri Paesi del mondo 2.  “Un ospedale per i malati ci sarebbe: il Forlanini, ma la Regione lo ha bloccato”. Parla il prof Martelli

3. Coronavirus, i ricercatori cinesi in Italia: “Vi abbiamo portato il plasma con gli anticorpi” /4. Coronavirus, Bergamo: così vengono curati i pazienti, sistemati anche nei corridoi

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

212
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.