Coronavirus, i ricercatori cinesi in Italia: “Vi abbiamo portato il plasma con gli anticorpi”

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 13 Mar. 2020 alle 19:41 Aggiornato il 13 Mar. 2020 alle 19:41
67k
Immagine di copertina

Coronavirus, i medici cinesi in Italia: “Vi abbiamo portato il plasma con gli anticorpi”

Arrivano i rinforzi dalla Cina. Durante un’affollata conferenza stampa presso la sede della Croce Rossa Italiana, i nove specialisti cinesi arrivati nel nostro paese per fronteggiare l’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus (muniti di mascherine, tute respiratorie e medicine) hanno spiegato come hanno combattuto in prima linea questo virus. Tra i contributi principali portati in Italia per fermare il virus, il professor Liong Zang’an ha nominato “Il plasma di chi è guarito. Lì ci sono gli anticorpi. Poi abbiamo portato la medicina sperimentale che inibisce la reazione autoimmune dei polmoni al Coronaviru. Esiste in tutto il mondo però noi abbiamo trovato degli effetti importanti”, come riportato da Il Corriere.

I medici cinesi arrivano in Italia per aiutare: “Vi portiamo le nostre medicine”

Un altro contributo portato dai nove specialisti cinesi riguarda le medicine della loro tradizione. “Abbiamo portato medicine della tradizione cinese che non sono quelle erboristiche ma sono prodotte in maniera moderna. Queste medicine usate in fase iniziale siamo riusciti a ridurre il tasso di trasformazione dei sintomi lievi in sintomi gravi”. Il team di esperti arrivato dalla Cina ha portato con sé un carico di 31 tonnellate di materiali, tra cui macchinari per la respirazione, mascherine, tute e protezioni, oltre a medicinali antivirus. “Con questo ci auguriamo di poter aiutare per combattere questa battaglia contro il virus”, ha spiegato il vice presidente della Croce Rossa cinese Yang Huichuan.

L’ambasciatore cinese Li Junhahn, come riportato da Andkronos, ha poi aggiunto: “Siamo profondamente dispiaciuti per quanto sta accadendo in Italia perché il nostro popolo ha vissuto la stessa esperienza e capiamo il dolore di quanto sa accadendo, comprendiamo le necessità del popolo italiano. Noi non abbiamo mai dimenticato l’aiuto ricevuto dall’Italia nei tempi passati e anche recentemente e vogliamo ricambiare questi aiuti”.

Come riporta l’Adnkronos, il team di esperti si tratterrà in Italia almeno dieci giorni e da domani si recherà all’Istituto Spallanzani di Roma.

Leggi anche:

1. “Gli italiani usano il Coronavirus come scusa per fare una lunga siesta”, la frase shock del dottor Jessen / 2. Coronavirus, cittadini in quarantena cantano l’Inno di Mameli dalle finestre | VIDEO

67k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.