Covid ultime 24h
casi +14.078
deceduti +521
tamponi +267.567
terapie intensive -43

Coronavirus, “Sono povera, a Pasqua ho mangiato riso confezionato. Ma almeno ora ho il pacco alimentare”

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 15 Apr. 2020 alle 16:35
1.4k
Immagine di copertina
Credit: Cronache Maceratesi

“Il mio pranzo di Pasqua è stato un risotto in busta pronto, la cena un minestrone in scatola. Ho 700 euro in banca, 300 euro di affitto e altrettanti di bollette da pagare. Non ricevo lo stipendio da un mese e mezzo. Cerco di tirare avanti. Mi chiedo: ho sbagliato qualcosa? Ma no, io ho sempre lavorato. Il mio stipendio è di 400 euro. È un privilegio? C’è qualcosa che non mi torna. Chiedo: veramente tornare a ciò che c’era di prima è normale? Giustificheremo tutto? Sono domande e non ho le risposte”. Così Anna (nome di fantasia), una donna di 44 anni che vive in un comune dell’entroterra maceratese e lavora semi part time nell’ambito delle pulizie. A riportare la sua storia è il giornale online locale CronacheMaceratesi.it.

La donna prima della crisi causata dal Coronavirus aiutandosi con qualche lavoro in nero riusciva a raggiungere la cifra mensile di 900 e a volte mille euro al mese. Ma ora costretta a casa dall’emergenza sanitaria è tutto più difficile.

“Almeno adesso ho il pacco alimentare – racconta Anna –. Così mi tengo i miei quattro spicci e per adesso non pago né affitto né bollette. Ma quando sono andata a ritirarlo mi sentivo in colpa. Non volevo passare davanti alle famiglie, pensavo a chi sta peggio di me. Conosco una ragazza madre, sola con la bambina, che faceva la donna delle pulizie, solo lavori a nero. Come farà adesso? Ho parlato con un operaio a chiamata nei cantieri della ricostruzione, anche lui in fila per il pacco perché non viene più pagato. Sta diventando uno scannamento tra noi poveri, perché chiariamoci: io lavoro da sempre e sono povera. Del mio guadagno, 300 euro se ne vanno con la casa. Eppure qualcuno mi vuole far sentire una privilegiata perché ho uno stipendio. Per me privilegio è quando hai centinaia e centinaia di migliaia di euro nel conto in banca. È come se noi avessimo paura. Se solo si raccontasse veramente che avere 400 euro al mese significa essere poveri, forse riusciremo a fare uno scatto in più”.

Il part time, spiega la donna nell’intervista di Federica Nardi, “non è stata una mia scelta. Era l’unica possibilità di lavorare dopo la crisi del 2008. Prima lavoravo in fabbrica, 8 ore, da interinale, un migliaio di euro. Dopo il 2008 mi hanno licenziata. Ho dovuto occupare casa perché o pagavo l’affitto o morivo di fame. Dopo il 2008 sono stata riassunta per 3-4 mesi galleggiando tra gli ammortizzatori sociali. Nel 2014 c’era solo questo lavoro, o prendevi un semi part time o facevi la disoccupata”.

“Il nero è strutturale al sistema, lo sanno pure i sassi. Nelle pulizie per forza devi avere altri lavori. O il nero o niente, o aspetti. Ma non puoi aspettare sennò vai a vivere sotto i ponti”, continua la donna.

La donna viene aiutata dalla rete sociale”ma non basta – dice -. È talmente tanta la gente con il sedere a terra che la rete non riesce a sopperire alle esigenze. È una cosa strutturale. L’emergenza ha messo in evidenza tutto questo. Adesso è peggio del 2008, e quando finirà ci saranno le macerie. Le aziende, avendo il mercato bloccato, licenzieranno e metteranno in cassa integrazione. Quando ho fatto la fila per il pacco ho visto tante persone anche del mio quartiere, quelli che hanno i lavori precari e saltuari. Che magari facevano gli stagionali, che non avevano avuto una continuità di lavoro e che stanno a casa per forza. O che hanno un lavoro come il mio che comunque non ti permette di pagare tutto, anche se hai un’entrata fissa. Adesso se hai lavori a nero, sei alla canna del gas. Se hai un lavoro a chiamata, sei alla canna del gas. Tra chi sta alla canna del gas, io sono forse la più privilegiata”.

“È il mercato del lavoro che mostra tutti i suoi limiti precedenti. Non riguarda solo me. Siamo noi venuti dal sud, i migranti, le fasce da sempre povere, i contratti a chiamata, i contrattini…il problema c’era anche prima ma non lo volevamo vedere. Ora parliamone. Fai una fatica enorme. Pensi: non ce la faccio più. Ho lavorato fino a ora…è da attacco di panico. Io però non mi voglio sentire vittima, non ho nessuna colpa. Perché dobbiamo colpevolizzarci per un problema sistemico? Non la voglio far diventare rabbia – conclude Anna -, ma vorrei portare il ragionamento un po’ più in alto”.

Leggi anche: 1. Cosa faranno gli italiani una volta finito il lockdown? Il 43% vorrebbe andare a cena fuori / 2. Garattini risponde a Boccia: “Non si può chiedere aiuto alla scienza dopo che la ricerca è stata ridotta in miseria” / 3. “Ecco come cambieranno i concerti, i cinema e i teatri”

4. Termoscanner e test sierologici: come cambierà la nostra vita dal 4 maggio / 5. La Regione Lombardia pubblicizza i successi della sua sanità privata. Davanti a 11mila morti (di G. Cavalli) / 6. “Quarantena a singhiozzo fino al 2022. Possibili nuove ondate di contagi fino al 2025”, lo studio di Science

7. 600 euro per le partite Iva? Altro che helicopter money, il Governo italiano non ha capito cosa sta succedendo / 8. Bonus 600 euro, il nuovo decreto cambia le regole: domande da rifare, ecco i nuovi requisiti / 9. Anche 353 notai hanno chiesto il bonus di 600 euro

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

1.4k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.