Covid ultime 24h
casi +16.377
deceduti +672
tamponi +130.524
terapie intensive -9

“Quarantena a singhiozzo fino al 2022. Possibili nuove ondate di contagi fino al 2025”, lo studio di Science

Un modello matematico prevede cosa succederà se il virus diventerà stagionale nei prossimi anni in assenza di un vaccino o una cura efficace

Di Anna Ditta
Pubblicato il 15 Apr. 2020 alle 09:04 Aggiornato il 15 Apr. 2020 alle 09:10
867
Immagine di copertina

“Quarantena a singhiozzo fino al 2022. Possibili nuove ondate di contagi fino al 2025”, lo studio di Science sul Coronavirus

Cosa accadrà se – come sembra probabile – il Coronavirus diventerà stagionale nei prossimi anni, alla stregua dei normali virus influenzali? Senza un vaccino o un farmaco davvero efficace la lotta per sconfiggerlo potrebbe avere tempi lunghi, con misure restrittive a singhiozzo, incluse quarantene e autoisolamento fino al 2022 e possibili nuove ondate del Covid-19 fino al 2025. Lo sostiene uno studio pubblicato su Science dalla Harvard T. H. Chan School of Public Health di Boston.

L’immunologo Stephen Kissler ha elaborato insieme ai suoi collaboratori un modello matematico per calcolare le dinamiche del contagio nei prossimi cinque anni. Secondo i risultati dei modelli, con l’allentamento delle restrizioni il contagio tornerà a crescere, tanto da rendere necessarie nuove misure restrittive intermittenti fino al 2022. In particolare, se il distanziamento sociale sarà allentato quando la trasmissibilità del virus aumenterà in autunno, potrà verificarsi un’intensa epidemia invernale che, sovrapponendosi alla stagione influenzale, potrebbe travolgere le strutture sanitarie. Le nuove misure restrittive darebbero agli ospedali il tempo di aumentare la loro capacità di terapie intensive, consentendo al contempo di far crescere l’immunità nella popolazione.

Un altro scenario mostra che una ripresa intermittente di Covid-19 potrebbe verificarsi fino al 2025. Ma il nuovo studio suggerisce che l’incidenza del virus nei prossimi 5 anni dipenderà molto dalla durata della protezione degli anticorpi sviluppati da chi ha contratto e superato il Coronavirus: un dato che ancora non conosciamo e che è cruciale per capire la forza di nuove eventuali ondate di contagi. Per questo i ricercatori chiedono che siano svolti “urgentemente studi sierologici longitudinali per determinare l’estensione dell’immunità della popolazione, e per capire se questa immunità diminuisce con il tempo e con quale frequenza”.

La necessità di un rigoroso distanziamento sociale sarà evitata con l’aiuto di nuovi farmaci o vaccini per il Coronavirus, sui quali la comunità scientifica mondiale è già al lavoro.

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

1. In Italia non ci stiamo capendo più nulla: diteci la verità, dateci una risposta chiara, non 10 versioni diverse (di L. Telese) /2. Prega col rosario in mano e chiude lo Stretto: il sindaco di Messina, Cateno De Luca, è un Salvini in miniatura (di S. Lucarelli)

3. “Mia madre ha rischiato la vita per i suoi pazienti. Ora ha il Covid e la sanità l’ha abbandonata: nemmeno il tampone le fanno”: la lettera disperata di una famiglia di Bergamo /4. Medico di Verona nasconde la compagna nel bagagliaio per andare alla festa del figlio: “Era solo per divertirci”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

867
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.